Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Esperti o principianti, le scelte degli investitori

18/12/2018

Esperti o principianti, le scelte degli investitoriGli investitori esperti allocano in strumenti ad alto rischio una porzione rilevante dei loro portafogli, mantenendo in liquidità una quota ridotta. Lo testimoniano i risultati della terza fase della ricerca annuale Schroders Global Investor Study 2018, che ha coinvolto oltre 22.000 investitori a livello globale.

Propensione al rischio

Analizzando i dati nel dettaglio emerge infatti che gli investitori che si auto-definiscono esperti allocano in media il 24% del portafoglio in asset ad alto rischio (23% la media europea), nei cui benefici potenziali sembrano riporre maggiore fiducia, a fronte di un peso limitato al 14% dichiarato dagli investitori principianti.

A puntare una buona fetta del proprio portafoglio su investimenti rischiosi (22%) sono anche gli italiani esperti, che si avvicinano così sostanzialmente alla media globale, mentre al contrario scende al 4% la quota così allocata da parte dei principianti, di gran lunga più prudenti non solo rispetto alla media mondiale ma anche a quella europea (11%). 

Dallo studio emerge inoltre che, tra gli esperti, gli investitori più giovani – di età compresa tra i 18 e 24 anni – sono quelli che investono maggiormente in prodotti ad alto rischio, con il 27% dei portafogli allocato in tal modo a livello globale. All’opposto, gli investitori con età superiore ai 65 anni mostrano un approccio agli investimenti più cauto, destinando il 20% del loro portafoglio in asset ad alto rischio.

In Italia, malgrado un livello medio di prudenza generalmente molto elevato, i giovani in età compresa tra 18 e 24 anni si distinguono per una propensione più simile a quella degli investitori esperti, con un 17% allocato mediamente in asset rischiosi, mentre gli investitori con più di 65 anni riservano solo il 10% del portafoglio a investimenti ad alto rischio.

Liquidità

Lo studio di Schroders mostra anche che a livello globale gli investitori esperti mantengono in cash mediamente il 21%del proprio portafoglio; una quota inferiore rispetto a quella detenuta da investitori principianti, la cui parte liquida risulta pari al 32%. Focalizzando l’osservazione sull’Italia, anche in tema di liquidità la quota nei portafogli degli investitori esperti è allineata alla media mondiale (20%), mentre la parte cash nel portafoglio dichiarata dai principianti è pari al 25%.

Diversificazione del portafoglio

Della percentuale rimanente, nel portafoglio medio degli investitori esperti a livello mondiale il 34% viene destinato all’azionario, il 19% all’obbligazionario, il 13% ai fondi immobiliari e il 12% a strumenti alternativi. Nel complesso, più di un terzo (34%) degli investitori esperti ritiene di detenere un portafoglio ben diversificato, mentre ciò vale solo per il 9% dei principianti.

Le scelte degli investitori italiani

Disaggregando questi dati per l’Italia, risulta che gli investitori esperti continuano a riservare all’obbligazionario una percentuale elevata (28%), ma non trascurano l’azionario, su cui allocano il 29%, mentre a fondi immobiliari e strumenti alternativi destinano quote sostanzialmente in linea con quelle che emergono a livello mondiale: 12% in immobiliare e 11% in alternativi. Inoltre, analogamente ai loro pari a livello globale anche gli investitori italiani esperti ritengono che il proprio portafoglio sia ben diversificato (22%), mentre solo il 5% degli investitori principianti è di questo avviso.

All’interno del campione italiano, la classica predilezione per gli investimenti obbligazionari sembra essere messa in discussione dalle nuove generazioni: i Millennial infatti dedicano in media il 25% del portafoglio a questa asset class, contro il 32% degli investitori italiani over 37.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Esperti o principianti, le scelte degli investitori Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Cinque fattori che influenzeranno gli investimenti nel 2019
Notizia successiva »
Un piede sul freno per affrontare il 2019
ARTICOLI CORRELATI
Performance e gestori, binomio indissolubile pubblicato il 14 febbraio 2019
Investitori, guardate al futuro e meno al passato pubblicato il 13 marzo 2019
Italia, bene i titoli del lusso, male i finanziari pubblicato il 20 marzo 2019
Il Giappone nel mirino dei gestori pubblicato il 14 gennaio 2019
Faang, la correzione come opportunità d’acquisto pubblicato il 21 febbraio 2019