Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Usd e azioni, una fievole correlazione inversa

31/01/2017

Nel lungo termine, la rivalutazione del biglietto verde non ha provocato l’indebolimento dell’indice Standard and Poor’s 500, smentendo la tanto temuta correlazione inversa tra i due asset.

E’ di moda parlare del dollaro ed è facile trovare commenti su quale potrebbe essere la sua evoluzione nel futuro, l’impatto della sua quotazione sull’economia e i motivi che stanno alla base della rivalutazione sperimentata dalla divisa statunitense negli ultimi anni. Nel cross con l’euro il balzo all’insù è stato notevole, con il rapporto di cambio passato da 1,40 del 2014 ai circa 1,07 dei nostri giorni. L’usd si è rafforzato anche contro le altre principali valute (sterlina e yen) e la maggior parte di quelle dei paesi emergenti. 

Il nutrito gruppo degli emergenti è sicuramente quello più danneggiato dal rafforzamento del dollaro Usa. Il debito detenuto dai paesi emergenti in usd diventa sempre più pesante e può diventare un peso insostenibile per molti di questi paesi. Questo senza dimenticare l’impatto che tale rivalutazione può avere sull’inflazione, sui tassi d’interesse o sull’avvio di fughe di capitali.

Le ragioni che spiegano la rivalutazione dell’usd sono varie. In primis il cambio intervenuto nel ciclo economico e nella politica monetaria adottata dalla Fed, che potrebbe portare i tassi Usa in alto nell’arco di pochi anni. Per altro verso, non bisogna dimenticare l’effetto imputabile alla fine dei programmi di quantitative easing (che invece continuano a rimanere attivi in Europa e Giappone).

Se il trend di medio-lungo termine è quello appena descritto, qualche novità emerge dall’andamento seguito dall’usd nelle ultime  settimane. Se il 3 gennaio per ogni dollaro bisognava sborsare circa 0,961 euro (quotazione molto vicina alla parità), nella giornata di lunedì 23 gennaio il cambio è sceso fino a quota 0,928. Stamane la quotazione oscillava intorno a 0,9373. In poco più di due settimane, la divisa statunitense ha subito una correzione superiore al 3% rispetto alla divisa comune europea. La maggior parte degli esperti ritiene che la correzione sia dovuta alle incertezze generate dal ‘Piano Trump’ dopo le ultime dichiarazioni fatte dal neo presidente Usa.

Tuttavia, il ribasso dell’usd non si manifesta solo nel cross con l’euro. Il Dollar Index, che pondera la quotazione della divisa nordamericana rispetto a un paniere costituito dalle sei monete più importanti del pianeta, accumula dallo scorso 3 febbraio una contrazione del 3%.

Quale effetto sulle Borse? La correlazione inversa che da più parti viene sbandierata tra il dollaro e l’indice Standard and Poor’s 500 non appare tanto chiara. Quando due asset presentano una correlazione negativa (inversa) significa che, se uno sale l’altro tende a scendere in funzione di tale livello di correlazione. In tal modo –e se ciò fosse vero- i rialzi del dollaro dovrebbero essere normalmente accompagnati da cadute dello Standard and Poor’s 500.

Tra il 2009 e il 2013 la correlazione tra i due asset è stata effettivamente negativa (-0,5), tuttavia, dal 2014 si è verificato un cambio importante e negli ultimi tre anni è successo di tutto: la correlazione è passata da 0,5 a -0,5.

Non vi è una reale consistenza della correlazione, tuttavia, nei periodi di intensa rivalutazione dell’usd può manifestarsi un impatto sulle società più orientate alle esportazioni (e danneggiate dalla continua rivalutazione del biglietto verde). Uno studio realizzato da Barclays arriva alla conclusione che una rivalutazione della quotazione dell’usd del 5% può (in base alla propensione all’export delle aziende facenti parte dei singoli settori) avere un impatto del 3% per il settore tecnologico e del 2,5% per quello dei materials.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Usd e azioni, una fievole correlazione inversa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Mercati ai massimi, ma dipendenti dai consumi
Notizia successiva »
Crediti in sofferenza, l’analisi di Bankitalia
ARTICOLI CORRELATI
Bund, forse la corsa è finita pubblicato il 5 luglio 2018
Il termometro lusso pubblicato il 6 luglio 2018
Giappone, la correlazione resta inversa tra valuta e Borsa pubblicato il 22 maggio 2017
Una piccola lezione dal Giappone pubblicato il 6 giugno 2018
Correlazione tra Borse e geopolitica? Solo nel breve termine pubblicato il 20 dicembre 2017