Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

L'imprevedibilità dei mercati

20/05/2019

L'imprevedibilità dei mercati

La volatilità che si sta verificando sui mercati ha fornito l'occasione per fare un piccolo esperimento per testare la correlazione fra i mercati sul lungo periodo. Infatti in un mondo conflittuale e con sempre minore crescita e con probabilmente davanti prospettive meno entusiasmanti per gli asset rischiosi, non è difficile immaginare un panorama separato in maniera piuttosto netta fra vincitori e vinti. L'elemento interessante che si scopre è che anche negli ultimi 20 anni, nonostante una fase di esplosione della globalizzazione e catastrofi finanziarie varie, i vari listini azionari in giro per il pianeta hanno mostrato sentieri estremamente diversi gli uni dagli altri. In particolare per questa analisi abbiamo preso i rendimenti mensili dalla fine del 1999 al marzo 2019 di S&P 500, Nasdaq Composite, Dax, Cac 40, Shanghai Composite,  Nikkei 225, Asx 200 australiano, Kospi coreano, Sensex indiano e Bovespa brasiliano.

Un mix geografico e di livello di sviluppo abbastanza variegato che però copre una quantità enorme di capitalizzazione dell'equity mondiale. È interessante notare che da una serie di 231 dati (ovviamente non si tratta di una dataset lunghissimo), è praticamente impossibile ricavare relazioni minimamente sensate, non importa quale sia la variabile dipendente e quale sia il modello adottato.

Non sorprendentemente il mercato cinese appare come particolarmente intrattabile non mostrando corrispondenze, lineari e non, con quasi nessun'altra piazza, se non un minimo con l'Australia e l'India, con cui si può ipotizzare una sorta di effetto Asia, mentre Corea e Giappone sembrano rispondere a dinamiche loro. Specificatamente in questo caso sembra esserci una certa linearità con altre piazze piuttosto cicliche come la Germania, con però una quantità di outlier statistici enorme. Se prendiamo infatti fasi relativamente tranquille dei mercati, con rendimenti mensili compresi fra il -5% e il 5% a livello di Msci Acwi, vediamo che in molti casi Nikkei e Kospi hanno mostrato dati diversissimi dalla media mondiale. 

I mercati occidentali sembrano un po’ più regolari con però anche in questo caso notevoli eccezioni: in generale dati positivi del Cac 40 e del Dax si associano a dati positivi dell’S&P 500, non peraltro perché è molto difficile che l'Europa riesca su base mensile a chiudere in territorio positivo quando le cose vanno male in America.

È interessante notare un elemento: risultati sconsolanti si ottengono anche tentando di fare una semplice previsione binaria (positivo o negativo): usando vari modelli in questo ambito (support vector machine, regressioni logistiche, random forest e altri algoritmi concepiti dalla moderna scienza del machine learning) si ottiene poco nulla. In 2 mila osservazioni usate come training set, nel caso cinese si ottengono risultati intorno al 50%, equivalenti praticamente al lancio di una moneta. Pure nel caso dell'S&P 500 non si va oltre l'85% di accuratezza, un risultato pessimo in una serie di addestramento.

In pratica, pur conoscendo come sono andati tutti gli altri mercati, non c'è modello che sembri dirci con un minimo di precisione com’è andato ciò che vogliamo prevedere. Anche per piazze relativamente più stabili come l'Australia e il Giappone, non si riesce a superare il 70% di risposte corrette. Tale situazione è emersa da quella che può legittimamene considerarsi l'era d'oro della globalizzazione.

L'impressione, andando avanti, è che il solco fra vincitori e vinti, a livello di paesi, aziende, settori e temi dominanti, diventerà molto più netto, con una netta prevalenza dei secondi rispetto ai primi.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: mercati, correlazione, test
Come valuti questa notizia?
L'imprevedibilità dei mercati Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La scommessa Btp
Notizia successiva »
Dietro la guerra dei dazi
ARTICOLI CORRELATI
Mercati, e adesso? pubblicato il 10 aprile 2019
I mercati nelle mani di Trump pubblicato il 8 maggio 2019
Europa, gli argomenti dei pessimisti pubblicato il 1 marzo 2019
Mercati, i principali appuntamenti di primavera pubblicato il 14 marzo 2019
Il pendolo dei mercati finanziari pubblicato il 3 aprile 2019