Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Banca d’Italia: vara sito per l’educazione finanziaria

26/11/2019

Banca d’Italia: vara sito per l’educazione finanziaria

Banca d’Italia apre un nuovo portale con l’intenzione di aiutare i risparmiatori italiani a comprendere meglio il mondo finanziario, a individuare i rischi che incorrono quando fanno un investimento e anche a prevenire le trappole che ci possono essere sui mercati. Il tutto è proposto con parole semplici, chiare, all’interno di una navigazione intuitiva, arricchita con video, quiz e approfondimenti. Insomma, è un’iniziativa mirata a colmare quel gap di cultura finanziaria che caratterizza la figura media del risparmiatore del nostro Paese. Le sue basse conoscenze sul tema è un problema tutt’altro che semplice da risolvere ed è ben conosciuto: secondo un recente studio dell’Ocse, infatti, siamo penultimi tra i Paesi del G20 quanto a competenze finanziarie. 

Domande semplici ma risposte non sempre comprensibili

Come si sceglie un conto corrente? Come funzionano i prodotti bancari più diffusi? Qual è il significato di sigle come ABF, TAEG, ISC e tante altre? Queste, secondo Via Nazionale, sembrano domande banali, ma a cui probabilmente molte persone avrebbero difficoltà a rispondere. Allo stesso modo, a volte, i cittadini sono in imbarazzo quando devono compiere azioni in apparenza semplici come aprire un conto, accendere un mutuo o chiedere un prestito. Il problema è sempre quello e per cercare di dare una soluzione, Banca d’Italia ha appena pubblicato un sito completamente dedicato all’educazione finanziaria, Economia per Tutti: introduce al mondo dell’economia applicata alla vita di tutti i giorni, pensato apposta per chi non ha specifiche conoscenze in materia. 

Video, quiz, crucipuzzle

Il portale, organizzato in maniera intuitiva e chiara, permette tramite le sezioni Crucipuzzle e Quiz di rendersi conto - in pochi click - del proprio livello di conoscenze, per poi muovere i primi passi nella sezione Informazioni di base. Qui è possibile scoprire tra l’altro in cosa consiste un bail in e cos’è la stabilità dei prezzi. Chi invece vuole saperne di più su questioni pratiche può accedere a una delle sezioni che dividono il sito in temi: Pianificare, Pagare, Chiedere un prestito, Risparmiare e Investire. Cliccando su Pagare, ad esempio, si accede a un elenco di schede che spiegano come funzionano i principali strumenti di pagamento, dal contante alle carte di credito e debito, e i relativi pregi e difetti.  

Gli errori che facciamo inconsapevolmente

Il sito offre anche tre serie di clip. Quelli intitolati Occhio alle scelte raccontano di persone normali alle prese con piccole decisioni nella vita di tutti i giorni, come l’uso di carte di credito per fare acquisti online, e i rischi che ne possono derivare. Nella sezione Le trappole comportamentali Banca d’Italia spiega, in collaborazione di professori e studenti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, gli errori che facciamo senza rendercene conto quando prendiamo decisioni in campo economico. A questo riguardo - dopo una breve introduzione teorica – viene mostrato, con esempi e piccoli esperimenti svolti su persone comuni, cosa sbagliamo quando investiamo una piccola somma, prendendo rischi inutili o diversificando male i nostri risparmi. 

A lezione dal Governatore

L’obiettivo dell’Istituto di emissione “è sempre quello di legare i meccanismi di funzionamento dell’economia alle esperienze che riguardano tutti, semplificando il più possibile il messaggio”. La collezione di video è completata dal ciclo Economia e finanza. Non è mai troppo tardi, dove insegnanti d’eccezione come il Governatore, Ignazio Visco, e alcuni dirigenti della Banca centrale spiegano concetti letti mille volte sui giornali ma spesso poco comprensibili, come sistema dei pagamenti e previdenza complementare. 

Per chi si sente più sicuro ci sono gli approfondimenti

Se dopo le nozioni di base il risparmiatore comincia a sentirsi più sicuri può poi procedere nella sezione Pubblicazioni, dove sono caricati quaderni didattici, guide e documenti un po’ più impegnativi ma scritti sempre tenendo conto della necessità di trasmettere i contenuti in modo semplice. L’obiettivo della Banca è infatti quello di fidelizzare gli utenti, fare in modo che dopo aver visitato il sito una prima volta ci torni regolarmente, approfondendo le proprie conoscenze, verificando i progressi con i quiz e scoprendo cosa c’è di nuovo nella sezione dedicata alle notizie. Con l’obiettivo di aiutare i cittadini a essere sempre più informati e consapevoli nelle scelte che riguardano i loro risparmi.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Banca d’Italia: vara sito per l’educazione finanziaria Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Assicurazioni: aumenta la raccolta, bene il ramo danni
Notizia successiva »
Multicanalità: otto italiani su dieci consumatori digitali
ARTICOLI CORRELATI
Fondi: risveglio dell’interesse per l’azionario pubblicato il 3 dicembre 2019
Italia: penultima nell'Ue per investimenti stranieri pubblicato il 5 dicembre 2019
Fondi: raccolta agosto brillante con nuovo record patrimonio pubblicato il 28 settembre 2019
Competitività: l’Italia, potenziale inespresso pubblicato il 14 novembre 2019
Il mattone si conferma leader negli investimenti pubblicato il 14 giugno 2019