Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Turismo: settore vitale per l’economia mondiale

18/06/2020

Turismo: settore vitale per l’economia mondiale

Il comparto del turismo è stato tra i più colpiti dalla pandemia da coronavirus e per questo, e anche perché ha un ampio indotto in moltissimi settori dell’economia (dalla ristorazione al benessere, dai viaggi alla cultura, agli alberghi per fare solo alcuni esempi), la sua condizione rappresenta una pesante zavorra per le potenzialità della ripresa. Alcuni numeri dell’Organizzazione mondiale del Turismo (Omt) aiutano a capire l’importanza che riveste per la congiuntura globale: il settore nel 2018 ha contribuito al Pil mondiale per il 10,4% nel 2018 e con le restrizioni attuali sta affrontando un periodo molto complesso.

L’OMT stima un crollo dei viaggi turistici nel 2020

Alcuni scenari ipotizzati dall’OMT prevedono un declino nei viaggi turistici internazionali compreso tra il 58% e il 78% nel 2020. Un esito simile metterebbe a rischio tra i 100 e i 120 milioni di posti di lavoro nell’intero comparto, trattandosi di uno dei segmenti a maggiore intensità di manodopera nell’economia globale. Il conto più salato, secondo James Reilly, economista di Schroders, sarà pagato da quelle economie che sono strettamente legate a questo capitolo di spesa, come sono sicuramente la Spagna e l’Italia. L’Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) analizza i dati sulla “percentuale di ospiti internazionali in tutti gli esercizi commerciali” per stimare il contributo del turismo internazionale al turismo nella sua totalità in un Paese specifico. Tale metrica varia dal 98% in Liechtenstein e Monaco, per esempio, all’11% in Australia.

Pagheranno soprattutto i Paesi legati al turismo internazionale

“Combinando questa misura con il contributo totale del turismo al Pil, possiamo stimare – spiega Reilly - l’esposizione di un determinato Paese al turismo internazionale. Dato che una rapida analisi del turismo come quota del Pil e dell'occupazione totale rivela l’esistenza di una relazione molto forte tra questi due fattori, questa misura può essere vista come un buon indicatore anche per l’impatto sull’occupazione”. Secondo la tabella stilata da Schroders (su dati di Banca mondiale e OMT), il contributo di tutto il turismo all’economia italiana è pari al 13,1% (è secondo solo alla Spagna, che può vantare il 13,1%), percentuale che è del 6,4% se si considera solo il turismo internazionale (anche in questo caso seconda solo al mercato iberico, che spunta il 7,4%).

La qualità avrà un ruolo importante rispetto alla quantità

Nella tabella che correda l’analisi ci sono anche due colonne dedicate alle caratteristiche di un turista tipo. La prima ‘average receipts’ (ricevute medie) indica quanto spende un viaggiatore in un determinato Paese (valori espressi in migliaia di dollari) durante la sua vacanza (0,8 per l’Italia). “Con una maggiore enfasi sul distanziamento sociale, il focus sulla qualità rispetto alla quantità potrebbe – secondo Reilly - giocare un ruolo fondamentale. Tuttavia, nel breve termine, con il calo del numero di visitatori, i Paesi più esposti soffriranno maggiori perdite”. L’altra colonna riguarda le “average expenditure” (spesa media), che tracciano invece l’equivalente a livello di spesa per il cittadino medio di un dato Paese quando viaggia all’estero (1,1 per il turista italiano).

I rischi della stagionalità e dello stigma da Covid-19

Con soluzioni come le "travel bubbles” (bolle di viaggio), che sembrano destinate a diventare una caratteristica comune nel panorama degli spostamenti internazionali, le economie che stabiliranno questi "corridoi" con Paesi come Australia e Islanda (i primi due Paesi per spese all'estero) potrebbero, osserva l’economista, raccoglierne i frutti. Ci sono poi una serie di altri fattori che svolgono un ruolo, uno dei quali è la stagionalità del turismo in alcune economie. Paesi europei come Spagna e Italia dipendono in modo particolare dai visitatori estivi e di conseguenza le tempistiche di questa crisi non avrebbero potuto essere peggiori. Un’altra considerazione riguarda il rischio che le aree più colpite dal Covid-19 faticheranno a togliersi questo stigma e dovranno attendere più a lungo prima che i livelli di turismo tornino alla normalità.

I numeri Istat sul turismo per l’economia italiana

L’Istat ha presentato il Conto Satellite del Turismo (Cst, lo strumento che consente di valutare la dimensione economica del settore) rivelando che, relativamente al 2017, i turisti stranieri nel nostro Paese hanno speso più di 51 miliardi di euro (voce ‘inbound’, che incide per il 33,5% sul totale della spesa interna per il turismo). Quasi il 50% ha coperto alloggio e ristorazione, mentre circa il 38% ha riguardato l’acquisto di voci correlate quali shopping, carburante o trasporto pubblico locale. La componente inbound è quella che registra l’aumento più consistente rispetto al 2015 (+7,4%), anno del precedente Cst. Il turismo domestico, pari a 102 miliardi di spesa nel 2017, pari al 66,5% della spesa interna turistica. Il flusso turistico raggiunge la considerevole cifra di 700 milioni di pernottamenti presso strutture ricettive varie o in case di parenti e amici, e si distribuisce equamente tra italiani e stranieri. Le imprese che svolgono attività economiche riconducibili al turismo sono più di un milione, di cui il 90% ha fino a 4 addetti.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: schroders, turismo, zavorra
Come valuti questa notizia?
Turismo: settore vitale per l’economia mondiale Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Radar Swg: con ritorno routine cala timore per Covid19
Notizia successiva »
Fmi: da disastri ambientali danni per 1.300 mld dollari l’anno
ARTICOLI CORRELATI
Infrastrutture: arma fondamentale per la ripartenza in Europa pubblicato il 8 luglio 2020
Schroders: rendimenti record nel credito pubblicato il 4 giugno 2020
Oro: la corsa continua pubblicato il 20 maggio 2020
Coronavirus: lo smart working cambierà il lavoro e il clima pubblicato il 2 aprile 2020
Lusso: come l’emergenza Covid19 cambierà il settore pubblicato il 3 aprile 2020