Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Emergenti, buoni profitti sul lungo periodo

03/01/2017

Emergenti, buoni profitti sul lungo periodo

In un articolo precedente era stato analizzato l'andamento degli ultimi anni e recente dei mercati emergenti per tentare di capire quali potranno essere le performance relative future rispetto all'Europa. In questo nuovo articolo proseguiamo con la nostra disamina, anticipando subito le conclusioni: i listini azionari del mondo in via di sviluppo in questo 2016 sono tornati a sovraperformare in maniera anche piuttosto robusta, una volta considerato la componente valutaria, l'equity europeo. L'elemento interessante è che a partire dai primi anni 2000 è stato quasi sempre così, se non nel triennio che va grosso modo dal 2012 al 2015.

Facciamo parlare al riguardo qualche dato, andando innanzitutto a osservare le performance complessive, inclusi i dividendi in dollari dell'Msci emerging market, che racchiude le 23 principali piazze di questa asset class: nel 2002 si è avuto -6,17%, nel 2003 +55,82%, nel 2004 +25,55%, nel 2005 +34%, nel 2006 +32,14%, nel 2007 + 39,42%, nel 2008 -53,33%, nel 2009 + 78,51%, nel 2010 +18,88%, nel 2011 -18,42%, nel 2012 +18,22%, nel 2013 -2,6%, nel 2014 -2,19%, nel 2015 -14,92%. Complessivamente, se si fosse investito un dollaro a fine 2001 su questo indice, alla fine dell'anno passato si sarebbe arrivati a possedere circa 3,5 dollari.

Ora osserviamo i rendimenti per l'Msci Ac world index che comprende, oltre ai 23 emergenti di cui sopra, anche 23 listini equity sviluppati, fra cui il possente mercato statunitense, e rappresenta circa l'85% della capitalizzazione del mondo. Per questo benchmark le performance, sempre in dollari, sono state le seguenti: -18,98% nel 2002, +34,63 nel 2003, +15,75% nel 2004, +11,37% nel 2005, +21,52% nel 2006, +12,18% nel 2007, -41,85% nel 2008, +35,41% nel 2009, +13,21% nel 2010, -6,86% nel 2011, +16,80% nel 2012, +23,44% nel 2013, +4,71% nel 2014, -1,84 nel 2015. Complessivamente un dollaro investito su questo benchmark globale nel 2001 sarebbe cresciuto a fine dell'anno passato a circa 2,35 dollari.

Inoltre se analizziamo le performance annuali, vediamo che negli 11 anni fra la fine del 2001 e quella del 2012, solamente in due annate (2008 e 2011) gli emergenti hanno sottoperformato la media mondiale. È vero che i primi anni del secolo fino alla grande crisi finanziaria hanno visto uno sviluppo eccezionale di questi paesi, che invece venivano da un quadro disastroso a fine anni '90, ma è anche altrettanto fuori discussione che il collasso finanziario dell'ultimo decennio ha portato solamente fino alla fine del 2012 a un aumento di beta, cosa che ci poteva anche stare vista l'elevata leva del sistema e l'afflusso di capitali verso questa asset class. Fino al triennio maledetto, precedente la ripresa dell'ultimo anno, gli emergenti hanno continuato a essere un luogo largamente migliore della media mondiale, anche se magari inferiore agli Usa, per ottenere profitti.

Infatti, se si fosse investito all'apice della bolla, a fine 2007, dopo un periodo eccezionale per gli emergenti, sull'Msci Em, si sarebbe riusciti a tornare quasi in pari (99% dell'investimento iniziale) a fine 2010, mentre per il mondo in generale al termine dello stesso anno si stava ancora a circa 89 centesimi per ogni dollaro investito alla conclusione del 2007. Il sorpasso è avvenuto nella seconda parte del 2012: al 31 dicembre di quell'anno infatti l'Msci Ac world index era a circa 97 centesimi per ogni dollaro di fine 2007, mentre per il Msci emerging market ci si era fermati a 95%.

È stato in pratica solamente in tre annate o poco più che l'equity delle nazioni in via di sviluppo ha cominciato a fornire performance disastrose, che però si sono rivelate tali soprattutto grazie all'incredibile ripresa degli asset statunitensi. Ma molto diverso è stato il confronto con l'Europa, come vedremo in una prossima analisi.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: Emergenti, mondo, azioni, Europa
Come valuti questa notizia?
Emergenti, buoni profitti sul lungo periodo Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Emergenti, un 2016 da leoni
Notizia successiva »
Banche centrali, un 2017 molto complicato
ARTICOLI CORRELATI
Emergenti, occhio all’Asia pubblicato il 15 marzo 2019
Brexit, l’unica certezza resta l’incertezza pubblicato il 12 aprile 2019
Stati Uniti, una demografia sfavorevole pubblicato il 8 aprile 2019
Mercati, e adesso? pubblicato il 10 aprile 2019
Tra gli emergenti spicca il Brasile di Bolsonaro pubblicato il 18 febbraio 2019