Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il mistero dell’inflazione perduta

21/03/2017

Il mistero dell’inflazione perduta

Il quotidiano statunitense ‘The Wall Street Journal’ ha recentemente sottolineato che, per alcuni decenni, si è dato per certo che le banche centrali potessero controllare la dinamica dei prezzi attraverso variazioni apportate alla base monetaria e ai tassi d’interesse.

La risposta delle banche centrali dei principali paesi industrializzati del pianeta si è materializzata nel ricorso al quantitative easing. Grandi volumi di euro, dollari e yen sono stati iniettati dagli istituti deputati al controllo della politica monetaria, senza riuscire a centrare i risultati sperati. Prima che si verificasse l’inversione di tendenza vista negli ultimi mesi, altri fattori come il crollo delle quotazioni delle materie prime e di un buon numero di alimenti freschi, aveva pilotato molto paesi industrializzati verso la deflazione. La recente ripresa di una moderata dinamica inflazionista in alcuni paesi industrializzati si deve in particolare al taglio della produzione di greggio deciso dall’Opec (con effetti rialzisti sul prezzo del barile) e all’aumento del prezzo delle’energia elettrica (legato a motivi transitori). L’accelerazione dell’Ipc sembra avere poco o nulla a che fare con gli stimoli monetari delle banche centrali.

Lo scarso legame tra Qe e dinamica dei prezzi ha dimostrato che le banche centrali possono iniettare tutta la liquidità che vogliono (espressa in biglietti, monete e riserve bancarie) senza riuscire a mettere in moto un incremento dell’offerta monetaria, vale a dire, della quantità di denaro che circola all’interno dell’economia. Gli agenti economici possono mostrare una forte preferenza per la liquidità e mantenere il denaro ‘sequestrato’ come sta realmente accadendo di questi tempi (trappola della liquidità). Gli istituti di credito mantengono le risorse liquide in depositi presso le banche centrali; le famiglie e le imprese mantengono la liquidità in assets liquidi (consumano e investono meno).

La reazione delle banche centrali al potenziale arrivo della deflazione, ha dimostrato che l’inflazione può alimentarsi su più fronti. L’esperienza degli ultimi anni ci dice che la dinamica dei prezzi è guidata da molti fattori. L’inflazione può essere ‘da costi’ o ‘da offerta’. I maggiori costi che supportano questi due tipi di inflazione possono derivare da un incremento dei prezzi dell’energia (petrolio, elettricità etc) o da un aumento del costo della manodopera (salari e altri costi legati alla remunerazione dei lavoratori).

L’inflazione può essere anche ‘da domanda’, direttamente collegata con un aumento persistente della domanda aggregata. Questo tipo d’inflazione suole materializzarsi durante le fasi di crescita economica che registrano tassi superiori al potenziale esprimibile (fattori produttivi utilizzati al 100% della loro capacità, ma incapaci di seguire da vicino il ritmo di incremento della domanda).

Alcuni economisti credono che l’inflazione da costi e/o offerta sia la più rilevante a causa del peso che le materie prime rivestono negli indici dei prezzi delle singole economie. Dal 2002, l’84% delle variazioni ufficiali dei prezzi ufficiali derivano dai saliscendi sperimentati dalle quotazioni del petrolio e degli alimenti freschi. Nello stesso arco di tempo, la domanda ha giocato un ruolo marginale nel processo di formazione dei prezzi. In altre parole, le imprese hanno solo di rado stabilito il prezzo di un bene o servizio in funzione della domanda. In tutte le occasioni in cui si è verificata un’accelerazione dei prezzi al consumo, la spinta decisiva è arrivata dalle materie prime.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: domanda, offerta, costi, petrolio
Come valuti questa notizia?
Il mistero dell’inflazione perduta Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Brasile, timidi segnali di ripresa
Notizia successiva »
L’inflazione sale ma non fa tutti felici
ARTICOLI CORRELATI
Rame e petrolio, segnali poco incoraggianti pubblicato il 28 novembre 2018
La sfida del cambio climatico pubblicato il 13 novembre 2018
L'Italia, un paese con poche opzioni pubblicato il 20 ottobre 2018
Proseguirà il rialzo del petrolio? pubblicato il 20 giugno 2018
Petrolio, in pieno bull market pubblicato il 14 maggio 2018