Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

Otto miti duri a morire

21/04/2017

Attenti ai falsi miti come: è un buon momento per investire in borsa; le azioni consentono di ottenere rendimenti medio annui vicini al 10%; si può fare timing con il mercato; le azioni danno il meglio nel lungo termine

E’ un buon momento per investire in borsa

Difficilmente troverete qualche esperto di finanza che vi dirà che è un momento negativo per investire in Borsa. E’ come domandare ad un barbiere se avete bisogno di una piccola sforbiciata ai vostri capelli.

Le azioni consentono di ottenere rendimenti medio annui vicini al 10%

Si tratta di un dato storico che prende in considerazione un lasso di tempo molto lungo (a partire dal 1800). I dati relativi al XIX secolo non sono molto rigorosi e il panorama del XX secolo è sensibilmente più complesso. Attualmente sono in molti gli esperti che sostengono che sarebbe meglio indicare un rendimento medio annuo del 5%. In tutti i casi, si tratta di una performance che tiene conto dell’acquisto dei titoli effettuato ad un prezzo medio e non di investimenti fatti sui livelli massimi.

Diffidate delle previsioni

Nel 2008 si potevano incontrare ancora molti esperti che negavano l’arrivo di qualsiasi tipo di fase recessiva. Warren Buffett ha affermato alcuni anni addietro che coloro che cercano di indovinare l’andamento dei mercati riescono a mettere in bella mostra maghi e fattucchiere.

Investire in Borsa vi consente di partecipare alla crescita dell’economia

Provate a dirlo ai giapponesi. Dal 1989 l’economia nipponica è cresciuta del 25% e la Borsa ha perso il 75%. Altri esempi: nel 1969 il Pil degli Stati Uniti era vicino al miliardo di Usd e il Dow Jones registrava quota 1.000 punti. Tredici anni dopo, l’economia era cresciuta fino ai 3,3 bln e il Dow Jones continuava a segnare 1.000 punti.

Se volete rendimenti più elevati dovete accollarvi una quota più alta di rischio 

Quest’affermazione rappresenta un approccio contrario a quello messo in atto dal grande Warren Buffett, che preferisce investire su società e business poco in voga. Negli ultimi venticinque anni, l’indice Factset Research dei titoli ‘utilities’ ha superato il ben più rischioso indice Nasdaq. L’unico modo per ottenere performance superiori a quelle del mercato consiste nell’acquistare le azioni a prezzi bassi in relazione ai rispettivi flussi di cassa futuri. E’ probabile che nei vostri ragionamenti facciate spesso riferimento ai termini ‘rischio’ e volatilita’ per indicare i saliscendi di un mercato o di un titolo. Tuttavia, per l’investitore il rischio è la reale possibilità di perdere denaro.

La Borsa è conveniente perché il P/e è solo tredici volte

Il ratio P/e (rapporto tra prezzo e utile) presenta delle insidie a causa della volatilità degli utili. E’ meglio approfondire altre variabili: il rendimento da dividendo o il P/e calcolato su un ciclo decennale. Nessuna di queste variabili è perfetta, ma le ultime due possono aiutare a formulare una valutazione del mercato più realista. 

Non si può fare timing con il mercato

E’ davvero una pazzia cercare di approfittare dei continui saliscendi dei mercati, tuttavia, questo non vuol dire che se si riesce ad acquistare azioni quando il prezzo è conveniente rispetto ai flussi di cassa previsti (vale a dire quando gli investitori mostrano tutto il loro pessimismo), avremo una maggiore probabilità di centrare buoni risultati rispetto al caso di acquisti realizzati durante le fasi di ottimismo contagioso. 

Le azioni danno il meglio nel lungo termine

Cosa significa lungo termine? A cosa serve il lungo periodo se l’investitore entra nel momento sbagliato e perde dieci o quindici anni per recuperare il valore nominale (non reale) del suo investimento?. Come diceva John Maynard Keynes: ‘Nel lungo termine saremo tutti morti’.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: miti, azioni, lungo termine, lezioni
Come valuti questa notizia?
Otto miti duri a morire Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
« Notizia precedente
Eccellenza scandinava
Notizia successiva »
It, performance eclatanti
ARTICOLI CORRELATI
Emergenti, la vera sorpresa positiva pubblicato il 2 ottobre 2017
Emergenti, la crescita matura pubblicato il 6 ottobre 2017
L’importanza dell’orizzonte temporale pubblicato il 5 ottobre 2017
Potenzialità e rischi del listino italiano pubblicato il 10 ottobre 2017
Il mondo cresce pubblicato il 13 ottobre 2017