Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

It, performance eclatanti

21/04/2017

Sono anni che si parla delle performance straordinarie dell’It e che analisti e gestori mettono in guardia gli investitori sul fatto che queste performance possano proseguire. E ormai sono anni che i risultati sono eclatanti. Cominciamo con i primi tre mesi dell'anno osservando l’andamento dell'indice S&P 500 information technology, che raccoglie le aziende tecnologiche racchiuse nel benchmark principale, l’S&P 500: nel quarto iniziale del 2017 la crescita è stata del 12,16% senza contare i dividendi, un valore più che doppio rispetto al 5,53% dell’S&P 500. Questa percentuale mette l'It statunitense al pari dei guadagni dei più brillanti mercati emergenti calcolati in dollari.

Ma se si vuole veramente capire l’andamento di questo settore, che all’inizio del nuovo millennio aveva dato luogo a una bolla speculativa che aveva fatto perdere al Nasdaq oltre due terzi del suo valore in pochi mesi, occorre partire da un'analisi delle performance degli ultimi 10 anni, che sono clamorose nell'ultimo triennio. A fine marzo 2017 la crescita annuale dell'S&P 500 It in termini di total return, cioè includendo nel calcolo anche i dividendi, nel decennio precedente è stata dell'11,35%, mentre conteggiando semplicemente le oscillazioni di prezzo si ottiene un +9,91%. L'S&P 500 nello stesso periodo è cresciuto del 5,22% all'anno, un valore che sale fino al 7,51% se teniamo conto dei dividendi.

La vera crescita ha cominciato a essere evidente dalla seconda metà del 2012 in poi. Se analizziamo nell'ultimo triennio il total return dell’S&P 500 It, troviamo un Cagr del 16,82%, a fronte di un +10,37% per l'indice generale. In pratica man mano che il resto dell'azionario americano cominciava a quietarsi e a mostrare qua e là qualche crepa, la tecnologia diventava sempre più protagonista nei portafogli degli investitori. Indicativo il 2016, in cui la borsa nel complesso chiuse in lieve calo, al netto dei dividendi, mentre i titoli tecnologici salirono di oltre il 4%.

È interessante notare che ciò è vero anche se ci muoviamo al di fuori del gigantesco complesso delle aziende Usa: se prendiamo  l’Msci world It, che comprende l’hi-tech dei paesi sviluppati, si vede che, oltre a presentare un dominio assoluto degli Usa, che contano per oltre l'85% della capitalizzazione dell’indice, le performance hanno stracciato quelle dell’Msci world con +8,98% a fronte di +4,21%.

Infine un quadro simile emerge se consideriamo l'Msci Acwi It, che comprende anche i colossi tecnologici di Cina, Corea del sud e Taiwan: nell'ultimo decennio il Cagr è stato del 9,33% a fronte del 4,26% dell’Msci Acwi generale, mentre negli ultimi tre anni il distacco si è intensificato  con +14,37% contro +5,65%.

Un altro aspetto interessante, che si può intuire anche dai dati del travagliato 2015, è che il progressivo allargamento della base degli investitori e i risultati fenomenali a livello di conti di molte aziende del comparto hanno portato a una forte riduzione della volatilità: infatti la Standard deviation annualizzata dell’S&P 500 It è calata di quasi un quarto del totale, se consideriamo i dati nell'ultimo triennio rispetto a quelli su una decade.

In pratica una gallina dalle uova d’oro per gli investitori? Ovviamente no. A parte lo scoppio della bolla speculativa dell’inizio degli anni 2000, che è stata recuperata da poco più di anno (in pratica chi avesse investito ai massimi del Nasdaq ci avrebbe messo 15 anni a pareggiare i conti), il settore presenta una rotazione di temi e una serie di cambiamenti forsennati e scegliere i titoli giusti, quelli che portano i veri guadagni non è facile per nessuno. Vedremo nei prossimi contributi come ci si può riuscire.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: It, performance, sp 500 It, titoli it
Come valuti questa notizia?
It, performance eclatanti Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Otto miti duri a morire
Notizia successiva »
It, sarà ancora protagonista
ARTICOLI CORRELATI
Le chance delle azioni europee nello scenario globale pubblicato il 8 maggio 2018
Il Piave italiano pubblicato il 4 aprile 2018
Torna l’appeal per i titoli di stato pubblicato il 9 aprile 2018
Nasdaq 100, non sempre un grande affare pubblicato il 11 aprile 2018
L'alto debito pubblico rende l'economia italiana vulnerabile a forti tensioni sui mercati finanziari pubblicato il 15 maggio 2018