Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Nuova accelerazione per i dividendi Usa

12/05/2017

Le attese per un provvedimento –interno o meno alla riforma fiscale proposta da Trump- che favorisca il rimpatrio degli utili aziendali sta alimentando l’incremento dei dividendi erogati a favore degli azionisti

Secondo i dati raccolti ed elaborati da S&P Dow Jones Indices, l’incremento netto dei dividendi erogati dalle singole società statunitensi ha raggiunto il 177% nel primo trimestre dell’anno incorso, raggiungendo il volume complessivo di 10.900 mln di dollari. Nello stesso periodo del 2016, l’incremento degli utili distribuiti agli azionisti non era andato oltre i 3.900 mln di usd. Il netto incremento sperimentato rispetto al primo trimestre dell’anno scorso è condizionato dall’insieme delle circostanze attuali. Ricordiamo che nei primi mesi del 2016, in particolare a febbraio, tutti i listini azionari furono scossi dalla svalutazione della divisa cinese e il calo continuo delle quotazioni petrolifere.

La prima parte del 2017 è stata, al contrario, caratterizzata da un ottimismo generato dalle aspettative per le politiche economiche annunciate dal neo presidente statunitense Donald Trump e dalla continuità mostrata dal trend di crescita dell’economia globale.

Nel primo trimestre dell’anno, l’indice Standard and Poor’s 500 accumula una performance del 6% e il Dow Jones lo ha seguito a ruota. La prospettiva di una riforma fiscale che incentivi il rimpatrio degli utili aziendali e l’attesa per l’approvazione del piano di rilancio delle infrastrutture pubbliche, hanno alimentato l’ottimismo tra consumatori, investitori e imprese.

In siffatto scenario di riferimento, molte imprese hanno continuato ad annunciare aumenti dei dividendi, in scia alle aspettative per l’arrivo di condizioni ancora più favorevoli allo sviluppo del proprio business. Nei dodici mesi che intercorrono tra marzo 2016 e marzo 2017, l’aumento netto dei dividendi ha raggiunto i 33.000 mln di usd. Il dato implica un progresso del 9,9% rispetto ai dodici mesi anteriori. Nel primo trimestre di quest’anno sono stati annunciati ben 881 provvedimenti di rialzo del dividendo (mentre gli annunci di un taglio alle retribuzioni degli azionisti hanno raggiunto quota 166).

All’interno dello Standard and Poor’s 500 Index, l’incremento medio dei dividendi registrato nel primo trimestre del 2017 è stato del 10,2% rispetto al 10,8% archiviato nello stesso periodo del 2016. Mentre i dividendi del settore oil e utilities hanno si sono stabilizzati, le attese per ulteriori rialzi del costo del denaro da parte della Federal Reserve potrebbero aumentare la pressione delle imprese per aumentare i dividendi.

In assenza di eventi particolarmente negativi (tali da scuotere significativamente il trend rialzista delle Borse o addirittura provocarne un’inversione), il 2017 dovrebbe chiudersi con un aumento degli utili aziendali e della liquidità presente nelle casse delle società a stelle e strisce. Allo stesso tempo non bisogna dimenticare i potenziali effetti positivi ascrivibili al rimpatrio degli utili, perfezionato all’interno della riforma fiscale o seguendo modalità separate da quest’ultima. Al ritmo di crescita attuale, i dividendi stanno per archiviare un incremento simile a quello messo a segno nel 2016 (+5,4%).

Vale la pena ricordare che nel 2004, in occasione dell’ultimo provvedimento governativo teso al rimpatrio degli utili delle società Usa, si verificò un sensibile incremento dei dividendi e delle operazioni di riacquisto di azioni proprie (buyback).

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Nuova accelerazione per i dividendi Usa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Cosa fare se manca la direzione
Notizia successiva »
Spread e duration per puntare sui bond ad alto rendimento Usa
ARTICOLI CORRELATI
L’effetto contagio è sempre in agguato pubblicato il 8 giugno 2018
In Europa i dividendi più ricchi arrivano dalle Telecom pubblicato il 14 maggio 2018
Gli utili continuano a sostenere i dividendi pubblicato il 22 maggio 2018
Un anno incerto per gli high yield bond pubblicato il 6 aprile 2018
Duration e tassi preoccupano gli investitori pubblicato il 18 maggio 2018