Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Luci e ombre su un anno di Trump

22/01/2018

Siamo arrivati a un anno dall'insediamento di Donald Trump sulla seggiola più importante del mondo ed è naturale fare un minimo di bilanci. Va subito detto che in questa analisi cercheremo di concentrarci meno sugli aspetti ideologici, sottolineando soprattutto i dati di natura economica emersi finora.

Sostanzialmente ciò che è accaduto è che l'economia statunitense è tornata a crescere a ritmi che si posizionano nella parte più alta del range che ha caratterizzato l'ultimo decennio della prima economia del pianeta. Lo scorso terzo trimestre l'incremento, calcolato su base congiunturale e annualizzata, è stato +3,3%, il valore più elevato da circa un triennio. Nel corso del 2017 il Pil dovrebbe essere salito di circa il 2,3- 2,5%, un livello che probabilmente si ripeterà nel 2018. Si tratta di un'accelerazione non indifferente rispetto al +1,5% registrato nel 2016, anno che era risultato il peggiore dopo la crisi finanziaria e che però aveva fatto seguito a un buon 2015 (+2,9%).

In realtà con ogni probabilità negli Usa non è successo nulla di diverso rispetto a ciò che si è visto in giro per il mondo. In pratica si è verificata una quasi recessione dovuta al rallentamento cinese che a sua volta ha provocato un collasso nell'ambito delle materie prime. I forti investimenti industriali in tutto ciò che è energia hanno poi fatto sì che il paese si trovasse esposto al ciclo globale industriale più di quanto comunemente si ritenga possibile per un’economia orientata ai servizi come quella statunitense. Di conseguenza gli Usa sembrano rientrati più o meno in quella che è ormai il new normal da molti anni, probabilmente con un po’ di spinta aggiuntiva dovuta alla ripresa globale.

Contemporaneamente l'occupazione ha più o meno seguito la stesso andamento: l'anno è infatti finito con un tasso praticamente pari alla piena occupazione (4,1%), mentre lo scorso gennaio era a 4,8%.  Quest'ultimo valore era rimasto quasi invariato rispetto al 4,9% registrato nel gennaio 2016, segno anche sul fronte del lavoro delle difficoltà di tale anno.

Se però andiamo indietro nel tempo scopriamo che in realtà anche l'andamento dell'occupazione è rientrato nella norma degli anni 10. Fra il gennaio del 2014 e quello del 2015, ad esempio, il tasso di disoccupazione è passato dal 6,6% al 5,7%, mentre nell'anno successivo è sceso appunto al 4,8%.

Attualmente la media di nuovi posti di lavoro creati non è particolarmente elevata: siamo sotto quota 150 mila al mese, però anche in questo caso non c'è da stupirsi: dato il tasso di disoccupazione basso, è normale che non venga aggiunta una quantità clamorosa di nuovi posti.

L'inflazione quest'anno dovrebbe posizionarsi intorno al 2%, un valore che non si vedeva dal 2012, ma tutto sembra discendere più dalla ripresa dei corsi delle materie prime e da quel minimo di pressione in più che si sta vedendo sui salari, piuttosto che da specifici cambiamenti in termini di politiche attuate.

Per quanto riguarda queste ultime ovviamente la più importante è la riforma fiscale sugli utili delle imprese, nei confronti della quale vi sono grandi aspettative e nei cui confronti le reazioni sono state positive: su questo punto, che è certamente il provvedimento governativo più importante, varrà la pena ritornare. Per il momento però non si può fare altro che concludere che sostanzialmente né Trump né Obama, agli estremi opposti ma entrambi i due presidenti più ideologici che gli States hanno avuto dal dopoguerra, hanno cambiato più di tanto il sistema, né in meglio né in peggio (a seconda dei punti di vista).

Ciò depone senz'altro a favore di un'America il cui sistema riesce comunque ad autoregolarsi e a esprimere il proprio potenziale al di là delle traversie politiche di Washington.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: trump, pil usa, disoccupazione
Come valuti questa notizia?
Luci e ombre su un anno di Trump Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Sempre più It negli indici azionari EM
Notizia successiva »
Tendenze e sorprese del mercato degli Etf
ARTICOLI CORRELATI
Corea del Nord, Fed e Bce nell’agenda della settimana pubblicato il 11 giugno 2018
Disoccupazione in discesa, con qualche distinguo pubblicato il 13 marzo 2018
Italia in ripresa, resta il nodo disoccupazione pubblicato il 2 gennaio 2018
Come uccidere un bull market pubblicato il 23 marzo 2018
Luci e ombre della riforma fiscale di Trump pubblicato il 26 gennaio 2018