Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Wall Street e il resto del mondo

26/02/2018

Wall Street e il resto del mondo

È uscita una tabella di estremo interesse da parte di uno dei maggiori gruppi di asset management del mondo basato in Germania. Essa mette in rapporto, nell'ultimo decennio, i livelli di P/E trailing (il rapporto prezzo/utili ottenuto calcolando i profitti dell'ultimo quarto trimestre) di diversi mercati con l'andamento dei prezzi dell'S&P 500. La fasce indicate per l'ultima decade erano 10-12-14-16-18-20.

Cominciamo subito con una considerazione banale: attualmente il principale benchmark azionario mondiale si trova intorno a 20, un po’ più in basso rispetto ai valori record di fine gennaio. Si tratta di un livello che non ha pari nella storia dell'equity statunitense, a parte la folle bolla di fine anni ‘90. Andando però a ritroso nel tempo, scopriamo alcuni elementi interessanti: nel periodo post crisi-finanziaria, quando gli utili hanno ripreso a crescere notevolmente, questo indicatore è passato da un minimo poco sotto quota 12 durante l'estate buia del 2011, quando le quotazioni dell’S&P 500 si trovavano poco sopra 1.130, per passare poi la soglia di 16 nella seconda parte del 2013, quando il benchmark era sopra 1.600.

Come si può capire da questi numeri, in quel periodo vi fu un miglioramento sostanziale dei risultati delle aziende americane, tanto che i multipli si espansero molto meno dei corsi dell'indice. Nei due anni e mezzo successivi vi è stata una stagnazione e una mini-recessione dei profitti con il P/E trailing che ha oscillato sempre fra 16 e 18; la soglia di 16 peraltro ha fornito in quel periodo clamorose occasioni di acquisto.

A questo punto però vale la pena realizzare una piccola analisi: dove finirebbe il mercato Usa se i multipli rientrassero verso i valori mostrati da altri grandi mercati azionari? Cominciamo dagli emergenti: il P/E trailing dell’Msci emerging markets è intorno a 16, un livello che implicherebbe per l’S&P 500 un collasso grosso modo del 20%. Se ci spostiamo nello specifico sull'Msci China, che comprende i colossi quotati all'estero (Adr, azioni H di Hong Kong, red chip) vediamo che il P/E trailing è pari a 18: per pareggiarlo sarebbe sufficiente un calo del 10% da parte delle azioni statunitensi. Nel caso dell’Msci India, addirittura il nostro indicatore di riferimento raggiunge quota 24, mentre in America Latina si scambia intorno a un considerevole livello di 19.

Anche  il trailing dell’Msci Europe, che comprende le maggiori piazze delle nazioni sviluppate del Vecchio continente, è praticamente uguale a quello statunitense, con però un forward (utili previsti per l’anno prossimo) molto più basso, segno che analisti e investitori credono a una continuazione robusta dell'ascesa dei profitti europei. Lo stesso discorso vale per l’America Latina (forward intorno a 15), India (19) e Cina (14).

Solo il Giappone, fra gli sviluppati, mostra una combinazione dei due P/E equilibrata (16 il trailing, 14 il forward),mentre il resto in pratica è tutto caro più o meno come gli Usa, a parte qualche emergente. Le migliori prospettive relative sono generate semplicemente da previsioni molto più aggressive per il resto del mondo di aumento dei profitti. Il che francamente non sembra costituire una prospettiva entusiasmante per affrontare un futuro fatto di maggiore volatilità. In pratica il pianeta al di fuori degli Stati Uniti sta scontando la tesi della continuazione del processo di messa in pari con l'America di utili e margini.

Fintanto che le correzioni sono generate da panico improvviso che porta fuori dal mercato liquidità di breve, sostanzialmente tutti stanno sulla stessa barca. Se però questo roseo scenario di cui abbiamo accennato non dovesse materializzarsi per il pianeta, non sarebbe inconcepibile ritenere che Wal Street continuerebbe a costituire il meglio disponibile a livello globale. Nel prossimo futuro vedremo qualche dettaglio in più.

A cura di: Boris Secciani
Come valuti questa notizia?
Wall Street e il resto del mondo Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Elezioni, stallo o impennata per la Borsa italiana
Notizia successiva »
Il lento risveglio dell’inflazione
ARTICOLI CORRELATI
Urban China pubblicato il 6 marzo 2019
Un Far East poco diversificato pubblicato il 18 aprile 2019
I populisti piacciono alle Borse, ma non sempre pubblicato il 15 maggio 2019
Emerging Europe pubblicato il 17 dicembre 2018
I drivers del mercato azionario Usa pubblicato il 10 aprile 2019