Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

L’anno delle divergenze

18/09/2018

L’anno delle divergenzeSe prendiamo l’azionario, a fine agosto l’indice S&P 500 aveva guadagnato il 9,94% su base annua, mentre l’indice Msci Emerging Markets aveva perso il 6,99%. A conti fatti, una differenza di quasi 17 punti percentuali.

La divergenza non si è manifestata solo a livello regionale. Negli Stati Uniti, l’indice Russell 1000 Growth ha sovraperformato l’indice Russell 1000 Value di 12,73 punti percentuali.

In ottica multi-asset, osserviamo divergenze analoghe anche nel segmento dei titoli di Stato, delle obbligazioni societarie, delle materie prime e di altre asset class. Nel reddito fisso, un ottimo esempio ci viene fornito dall’high yield statunitense, +2% a fine agosto, e dalle obbligazioni in valuta locale dei mercati emergenti (che vantano mediamente un rating migliore), -10,47% nello stesso periodo.

Un dollaro forte

Secondo i gestori di neuberger Berman, quste differenze sono spiegabili. È dall’inizio dell’anno che i dati economici degli Stati Uniti (fiducia di aziende e consumatori, tasso di occupazione) si mantengono positivi. Dall’Europa giungono segnali simili, mentre il mondo emergente ha perso terreno. Le nuove politiche fiscali statunitensi hanno accentuato notevolmente tali divergenze, alimentando l’aspettativa di un rialzo dei tassi di interesse che, a sua volta, ha rafforzato ulteriormente il dollaro.

Per le economie del mondo emergente che devono gestire un debito delle partite correnti finanziato con titoli denominati in dollari, un rafforzamento del dollaro causa difficoltà. E più il biglietto verde si rafforza, più gli investitori temono il contagio nei confronti dei mercati emergenti che si trovano più esposti finanziariamente. Il ridimensionamento del bilancio della Federal Reserve e i disaccordi che ancora aleggiano sugli scambi commerciali globali hanno rappresentato un ulteriore fattore avverso per i mercati emergenti, che sono particolarmente sensibili ai flussi globali di capitali e merci.

Se consideriamo questo quadro, la sovraperformance delle azioni e delle obbligazioni societarie statunitensi, da un lato, e la sottoperformance delle azioni, delle obbligazioni e delle valute dei mercati emergenti, dall’altro, non risultano sorprendenti, nonostante la notevole portata dello scostamento.

Più insolita, invece, pare la superiorità dei titoli growth in questa fase apparentemente matura del ciclo economico. In passato, in presenza di una forte crescita degli utili, di una compressione deglispread e di un rialzo dei multipli azionari, gli investitori sono stati più propensi a ricercare titoli value, che offrono la prospettiva di un’ulteriore espansione dei multipli e tendono a essere collegati ad aziende maggiormente cicliche, i cui utili reagiscono positivamente a un aumento della crescita, dei tassi e dell’inflazione.

Tuttavia, non è difficile riscontrare perché alcuni aspetti di questo ciclo sono diversi. La crescita globale rimane modesta, nonostante la durata del periodo di espansione, mentre inflazione e tassi di interesse restano bassi. Pertanto, le società che prospettano una crescita degli utili sostenibilmente elevata e presentano valutazioni meno sensibili al tasso di sconto possono ancora presentare un premio.

Ritorno alla media

Per quanto notevoli, quindi, queste divergenze sono spiegabili. C’è una cosa, però, che ogni investitore deve sapere di queste tendenze ed è questa: possono durare molto più a lungo del previsto. Ciascuno dei driver fondamentali che le alimenta potrebbe persistere, se non addirittura intensificarsi, nel breve termine. Inoltre, queste divergenze potrebbero essere segnali di un riallineamento strutturale dell’economia globale:i trend demografici, gli stimoli fiscali negli Stati Uniti combinati alle dure prese di posizione in materia di commercio estero e la sensazione sempre più forte che solamente poche solide società nel settore tecnologico potrebbero presentare margini unici in questo nuovo contesto mondiale, caratterizzato da una lenta crescita economica.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: divergenze, performance, driver, cause
Come valuti questa notizia?
L’anno delle divergenze Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Aumenta la popolarità dei criteri Esg
Notizia successiva »
Indicatori utili per valutare l’investimento negli Em
ARTICOLI CORRELATI
I drivers del mercato azionario Usa pubblicato il 10 aprile 2019
Performance e gestori, binomio indissolubile pubblicato il 14 febbraio 2019
L'era della Grande moderazione pubblicato il 10 maggio 2019
Un Far East poco diversificato pubblicato il 18 aprile 2019
Giappone, usato sicuro pubblicato il 23 aprile 2019