Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Aumenta la popolarità dei criteri Esg

18/09/2018

Aumenta la popolarità dei criteri EsgDalla ricerca, alla quale hanno partecipato 1.731 aziende e investitori istituzionali, emerge che i rendimenti finanziari e gli incentivi fiscali sono i due principali fattori alla base delle decisioni in ambito Esg di tutti gli emittenti e della maggior parte degli investitori intervistati.

Il secondo driver, invece, è rappresentato dalla normativa statale dei fondi pensione e degli investitori in titoli sovrani (SWFs), seguito dai rendimenti finanziari. Anche in questo caso, le differenze geografiche sono nette. Le aziende cinesi e di Hong Kong con un fatturato di 10 miliardi di dollari ritengono che le iniziative per la catena del valore siano il secondo driver per il finanziamento Esg. In Europa, in cima alla lista invece troviamo: la politica, la strategia, gli obiettivi Esg e la pressione degli stakeholder.

Un numero sempre più rilevante di investitori considera i rischi e le opportunità legate alla sostenibilità e all’impatto Esg come parte integrante del processo di investimento, considerato anche l’effetto positivo dei criteri sulla performance. Oggi le strategie di investimento Esg infatti continuano a crescere. L’interesse per l’Esg è già largamente diffuso in Europa e continuerà a livello globale, poiché gli investitori non vogliono soltanto ottenere rendimenti dai propri investimenti, ma richiedono anche che siano in linea con i propri valori e i timori per il futuro del pianeta.

Allocation di Fondi

Le aziende sono coerenti nel reinvestimento dei ricavi ottenuti, con il 66% degli intervistati che afferma che tali proventi vengono destinati internamente a nuovi impianti, macchinari o nuove fonti di energia rinnovabile per rendere la propria attività più ecologica. Un caso anomalo è rappresentato dalla Cina, con solo il 98% degli intervistati che parla di M&A ecosostenibili.

Ostacoli percepiti

È incoraggiante che il 67% degli emittenti e il 57% degli investitori non vedano ostacoli all’incremento dei propri impegni in ambito ESG. Attualmente, meno del 10% degli investitori ha dei fondi di investimento ESG dedicati, ma si prevede che il dato aumenterà del 22% nel 2019.

Al contrario, il 58% di coloro che vedono barriere all’incremento degli impegni Esg, ritiene che la difficile definizione dei criteri Esg rappresenti il principale ostacolo. Questa difficoltà è quindi la barriera numero uno per gli emittenti a livello globale ed è considerata tale anche dagli investitori in Europa e nel Regno Unito. Dalla ricerca emerge inoltre come gli investitori considerino la mancanza di opportunità di investimento, aggravate dalla scarsa qualità dei dati, un’altra barriera per i criteri Esg.

Scarsa conoscenza della Task Force on Climate-related Financial Disclosures

Mentre da un lato le normative internazionali vengono identificate come il motivo principale che spinge all’aumento della divulgazione a livello globale, dall’altro, solo l’8% degli emittenti e il 10% degli investitori è a conoscenza dell’esistenza della Task Force on Climate-related Financial Disclosures. La TCFD è la task force che ha lavorato allo sviluppo di una serie di raccomandazioni globali, chiare e coerenti, in merito alla divulgazione di informazioni aziendali sul rischio climatico. Per quanto riguarda gli emittenti, solo il Regno Unito (20%) e il Canada (11%) hanno livelli di consapevolezza a due cifre, un dato relativo alle aziende con un fatturato pari a 10 miliardi di dollari.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: esg, criteri, investimento, ricerca
Come valuti questa notizia?
Aumenta la popolarità dei criteri Esg Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Una Star a Piazza Affari
Notizia successiva »
L’anno delle divergenze
ARTICOLI CORRELATI
Bond: ricerca di rendimenti in un momento di tassi a zero pubblicato il 7 febbraio 2020
Fondi, un veicolo d’investimento per tutti pubblicato il 13 maggio 2019
Smart city, un investimento per i prossimi decenni pubblicato il 22 marzo 2019
Il pendolo dei mercati finanziari pubblicato il 3 aprile 2019
Flussi d’investimento, l’incertezza premia la prudenza pubblicato il 27 febbraio 2019