Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Banca d’Italia: peggiorano le stime per il Pil 2020

22/07/2020

Banca d’Italia: peggiorano le stime per il Pil 2020

Banca d'Italia stima per quest’anno, nel suo scenario base (in cui si presuppone che la diffusione della pandemia rimanga sotto controllo sia nel nostro Paese sia a livello globale), una caduta dell'economia italiana del 9,5%: si tratta di un peggioramento rispetto al -9,2% indicato un mese fa. Per contro, ha confermato le previsioni (-13% circa nel 2020) dello scenario “severo”, che mette in conto una nuova ondata della pandemia da coronavirus. Per il prossimo biennio via Nazionale stima una ripresa, del 4,8% per il 2021 e del 2,4% per il 2022, che continuerà a risentire degli effetti perversi della pandemia da coronavirus sui consumi.

La ripresa sarà graduale

Infatti, riporta il bollettino, la ripresa sarà “graduale”, in quanto “effetti persistenti sui consumi delle famiglie deriverebbero dal calo dell’occupazione e del reddito disponibile, ancorché mitigato dalle misure di sostegno”. Il peggioramento delle prospettive di domanda e della fiducia delle imprese inciderebbe sugli investimenti, la cui caduta nel 2020, segnalata anche dai sondaggi della Banca d’Italia, verrebbe in parte recuperata nel biennio 2021-22. L’inflazione sarebbe nel frattempo pressoché nulla, sia quest’anno sia il prossimo. I prezzi, stima l’Istituto, tornerebbero a salire nel 2022, dell’1 per cento.

A maggio i primi segnali del risveglio dell’economia

Intanto, secondo Via Nazionale, nel Paese il calo del prodotto, pari al 5,3 per cento nel primo trimestre, “si sarebbe intensificato nel secondo, collocandosi in base alle informazioni attualmente disponibili attorno al 10 per cento”. Questa stima rispecchia soprattutto un andamento molto sfavorevole nel mese di aprile (segnato dal lockdown). Intanto rileva che “i trasporti autostradali, i consumi elettrici e quelli di gas segnalano che in maggio si è avviata una ripresa dell’attività, favorita dal progressivo allentamento delle misure di sospensione”. Anche gli indici dei responsabili degli acquisti delle imprese sono risaliti, anche se restano ancora sotto la soglia di espansione.

Al 4,5% il peso di ‘Cura Ialia’ e ‘Dl Rilancio’ nell’economia

Il Pil italiano quest'anno, dopo essere sceso di circa 15 punti nel primo semestre, tornerà ad espandersi nel secondo semestre, in larga parte grazie alla fine del lockdown. Le proiezioni dell’istituto includono l'impatto del ‘Cura Italia’ e del ‘Dl Rilancio’, il cui peso ammonta a circa il 4,5% del Pil. “Si stima che tali interventi, in larga misura temporanei, possano attenuare la caduta del prodotto per oltre due punti percentuali quest'anno”. Preoccupazione per le condizioni del mercato del lavoro, che registra un forte calo delle ore lavorate nel primo trimestre (-7,5%) e una diminuzione dello 0,3% degli occupati.

Il contagio a livello globale condizionerà il futuro

Nonostante i segnali di ripresa avvertiti nel secondo trimestre, l’Istituto invita a non abbandonarsi a facili entusiasmi perché, avverte, restano “significativi i rischi”, tenuto conto che l’epidemia si è intensificata in alcune economie emergenti e negli Usa. E anche se ha rilevato il rientro delle tensioni sui mercati finanziari, grazie alle misure espansive monetarie e di bilancio adottate nel frattempo, consiglia di non trascurare anche la loro estrema sensibilità alle notizie sulla diffusione del contagio nel mondo. Intanto a farne le spese è il commercio internazionale, che ha subito nel primo trimestre una marcata flessione (-11,3% annuo) a causa della calo della domanda nella maggior parte delle economie, dell’interruzione dei flussi turistici e dei minori scambi connessi con le catene di fornitura globali.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Banca d’Italia: peggiorano le stime per il Pil 2020 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Mic: disagio sociale a maggio sempre vicino ai massimi
Notizia successiva »
Bce: timidi segnali di ripresa, ma outlook altamente incerto