Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Bce: timidi segnali di ripresa, ma outlook altamente incerto

23/07/2020

Bce: timidi segnali di ripresa, ma outlook altamente incerto

La Banca Centrale Europea ha lasciato invariati i tassi di riferimento: il saggio principale rimane così fermo a zero, quello sui depositi a -0,50% e quello sui prestiti marginali a 0,25%. Nessuna sorpresa per i mercati e gli addetti ai lavori, i quali sostengono concordi che l’Eurotower abbia voluto giocare di rimessa aspettando la ‘chiusura’ dell’accordo sul Recovery Fund a Bruxelles. E, comunque, come ha lasciato capire in conferenza stampa la Presidente della Bce, Christine Lagarde, il quadro economico dell’Eurozona appare meno accidentato anche se, ovviamente, ancora non ci si può abbandonare a facili entusiami.

Il risveglio dei consumi e della produzione industriale

Gli ultimi dati, ha affermato, indicano per maggio e giugno segnali di ripresa delle attività, ma su livelli che rimangono “ben al di sotto dei livelli pre-Covid” e l’outlook rimane “altamente incerto”. Dopo essere diminuito nel primo trimestre del 3,6% congiunturale si stima, ha segnalato, che il Pil reale dell'area dell'euro si sia ulteriormente ridotto nel secondo trimestre, “sostanzialmente in linea con le proiezioni macroeconomiche di giugno dello staff dell'Eurosistema”. Nel frattempo, ha aggiunto, sono stati registrati segnali incoraggianti, come la ripresa dei consumi e il significativo rimbalzo della produzione industriale.

Preoccupazioni per il lavoro e il crescente risparmio

La Bce, per contro, ha rilevato che nello stesso tempo perdurano le modeste condizioni del mercato del lavoro e la tendenza delle famiglie ad aumentare i risparmi in maniera precauzionale, comportamento che incide nei programmi di spesa dei consumatori. D’altronde le deboli prospettive commerciali e l'elevata incertezza riscontrata stanno pesando sugli investimenti, così come la debolezza dell'economia globale continua ad ostacolare la domanda estera di beni e servizi nell’area.

Atteso rimbalzo dell’attività nel terzo trimestre

Secondo Lagarde, “l'attivita' nell'Eurozona dovrebbe rimbalzare nel terzo trimestre, man mano che le misure di contenimento vengono ulteriormente allentate, sostenuta da condizioni di finanziamento favorevoli, da una posizione di bilancio espansiva e da una ripresa dell'attività globale, sebbene permangano incertezze sulla velocità e sulla portata complessiva del rimbalzo”. In generale, ha affermato, “l'entità della contrazione e della ripresa dipenderanno in modo cruciale dalla durata e dall'efficacia delle misure di contenimento, dal successo delle politiche per mitigare gli effetti negativi sui redditi e sull'occupazione e dalla misura in cui offerta e domanda interna sono permanentemente colpiti. Nel complesso, il Consiglio direttivo valuta che il saldo dei rischi con le prospettive di crescita dell'area dell'euro rimanga orientato al ribasso”.

Misure di politica monetaria efficaci e adeguate

Al termine del consiglio direttivo la Bce ha comunicato che "è pronta a regolare tutti i suoi strumenti, come opportuno, per assicurare la convergenza dell'inflazione verso il suo obiettivo in maniera sostenibile". L’Istituto, inoltre, ha ribadito che continuerà gli acquisti di debito col programma per l'emergenza pandemica ‘Pepp’ “almeno fino a giugno 2021” conducendoli "in maniera flessibile nel tempo, per classi di asset e fra le giurisdizioni”. Al riguardo, Lagarde ha affermato che l'insieme di misure di politiche monetarie, dal ‘Pepp’ alla liquidità, al momento “è efficace, adeguato e sta funzionando”.

L’accelerazione dell’euro può incidere sulla ripresa

Tuttavia, ha notato Kaspar Hense, senior portafoglio manager di BlueBay Asset Management, la Bce non ha fatto alcun accenno all’impatto negativo che può avere un rafforzamento dell’euro. “Crediamo - ha detto - che in qualche modo la Banca Centrale alzerà la voce se l’euro si avvicinerà a 1,20: fino ad allora sembra che la moneta abbia spazio per apprezzarsi ulteriormente”. Secondo Anna Stupnytska, global macro economist Fidelity International, le prossime mosse della Bce “dipenderanno da come si evolverà la diffusione del virus e dall’efficacia degli interventi politici, anche se eventuali sue nuove azioni potrebbero essere intraprese a settembre o dicembre”.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Bce: timidi segnali di ripresa, ma outlook altamente incerto Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Banca d’Italia: peggiorano le stime per il Pil 2020
Notizia successiva »
Radar SWG: una nuova normalità che non piace