Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

BlueBay: sui mercati malessere da seconda ondata

02/10/2020

BlueBay: sui mercati malessere da seconda ondata

Se i mercati finanziari scenderanno, di certo non sarà per colpa delle Banche Centrali, anche se queste potrebbero venire additate facilmente nella speranza che agiscano di nuovo a sostegno della ripresa. In altre parole tra gli investitori inizia a serpeggiare il malessere da ‘seconda ondata’ della pandemia da coronavirus. Ne è convinto Mark Dowding, Cio di BlueBay, secondo cui la verità è che le economie non saranno in grado di tornare sui livelli di fine 2019 almeno fino alla fine del prossimo anno. Quando ne prenderemo atto, allora accetteremo anche che c’è un limite al margine con cui i mercati possono essere sganciati dalla ripresa. “Una seconda ondata di malessere quindi è una paura reale man mano che ci avviamo verso l’ultimo trimestre, ma – aggiunge subito - arriveranno tempi migliori, se sapremo essere pazienti”.

Nell’Eurozona economia in fase di stallo

Nell’Eurozona i PMI sembrano indicare che l’economia stia per entrare in stallo (dopo l’iniziale ripresa della domanda vista in estate), con molti settori ancora in sofferenza (l’ospitalità e i viaggi). Il quadro vorrebbe un’estensione del programma PEPP fino a fine 2021, anche se non sarà facile ottenere il consensus. Sembra chiaro, sostiene Dowding, che Germania e i Paesi del nord stanno andando molto meglio rispetto ai meridionali e, con il PEPP in scadenza a giugno, c’è la speranza che a quel punto la pandemia sarà superata. Un compromesso sul prolungamento del PEPP potrebbe pesare sulle zone periferiche. Per questo, dice l’esperto, per gli investitori “potrebbe essere il momento giusto per realizzare i profitti e adottare una posizione neutrale, in attesa di nuove opportunità – se emergeranno – per sfruttare la debolezza”.

Le armi spuntate della Fed

Anche se la Fed ha sottolineato la necessità di politiche fiscali per sostenere l’economia, questa possibilità sembra arenata per il momento. Probabilmente bisognerà aspettare a dopo le elezioni di novembre perché vengano annunciate nuove misure. Tuttavia, dato che la nuova Amministrazione non sarà in carica fino all’inizio del prossimo anno, ci sono crescenti timori che il reddito delle famiglie dovrà affrontare un aumento improvviso del carico fiscale, visto che numerosi benefit sono ormai scaduti. La realtà è che c’è un limite a ciò che la Banca Centrale può fare per allentare le politiche, dato che i tassi sono già a zero e la curva dei rendimenti è bloccata su livelli ultra-bassi. A questo punto, sostiene Dowding, “se gli indicatori peggioreranno nelle prossime settimane, è probabile che la Fed incrementerà il proprio programma di acquisti a novembre” e potrebbe estendere la scadenza degli asset ma con effetti relativamente scarsi sulla congiuntura. 

Usa, nel 2021 arriverà un allentamento fiscale significativo

Ma questo scenario, precisa, non significa necessariamente che i mercati continueranno a scivolare, ma i rischi stanno aumentando e per la Fed è difficile correre in loro aiuto troppo velocemente, considerate la vicinanza delle elezioni e perché rischierebbe di essere accusata di aver ceduto alle pressioni politiche. In ultima analisi, l’esperto di BlueBay è convinto che nel 2021 verrà implementato un allentamento fiscale significativo negli Stati Uniti, indipendentemente da chi vincerà le elezioni. È inoltre fiducioso nello sviluppo di un vaccino, anche se dubita che sarà effettivamente disponibile prima dell’anno prossimo. Per questo, è difficile essere troppo pessimisti sul medio termine, ma sul breve termine è assolutamente possibile che la recente correzione possa proseguire ancora per molto, vista l’ampiezza dell’aumento dei prezzi degli asset nel corso dell’estate.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: BlueBay, coronavirus, mercati, lockdown
Come valuti questa notizia?
BlueBay: sui mercati malessere da seconda ondata Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Schroders: homebody economy, fenomeno in crescita
Notizia successiva »
Federconsumatori: come cambia la nostra vita col Covid
ARTICOLI CORRELATI
Schroders: homebody economy, fenomeno in crescita pubblicato il 1 ottobre 2020
Federconsumatori: come cambia la nostra vita col Covid pubblicato il 6 ottobre 2020
TCW: il Covid ha dato luce all’economia del 2030 pubblicato il 19 ottobre 2020
BlueBay: mercati tranquilli, aspettando l’autunno pubblicato il 3 settembre 2020
Covid19: metà degli italiani disposta a vaccinarsi subito pubblicato il 17 settembre 2020