Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Federconsumatori: come cambia la nostra vita col Covid

06/10/2020

Federconsumatori: come cambia la nostra vita col Covid

Gli italiani e il Covid-19, il loro giudizio sulle decisioni prese dalle autorità per contenere la pandemia e l’auspicio di avere una sanità migliore. Su tutto, la loro valutazione è complessivamente positiva circa le misure messe in atto dalle Istituzioni anche se, sottolineano, sono state prese in alcuni casi in modo tardivo. È la sintesi dell’indagine promossa da Federconsumatori (realizzata da Ires Emilia-Romagna) ‘Coronavirus: come cambia la nostra vita’, condotta durante e dopo il lockdown per indagare gli orientamenti, la fiducia e gli atteggiamenti dei cittadini in relazione ai profondi mutamenti determinati dall’emergenza sanitaria in corso.

Fiducia nel Sistema sanitario

In particolare l’aspetto che spicca con maggiore risalto dalla ricerca è che tra i nostri concittadini c’è fiducia nel Sistema sanitario nazionale e nella Protezione civile, mentre è più articolato e controverso il loro giudizio sulle misure per fronteggiare la pandemia messe in campo dalle altre istituzioni (Governo, Regione, Comune), giudicate adeguate ma tardive. Emerge anche attenzione e responsabilità nell’uso di gel, mascherine e distanziamento, ma allo stesso tempo c’è preoccupazione per la salute dei propri cari e per le ricadute economiche. Passando dal lockdown alla cosiddetta fase 2 di progressiva riapertura, però, queste paure e preoccupazioni soggettive si sono trasformate.

I giovani e i lavoratori i più critici sulla gestione crisi

La fiducia nei confronti delle Istituzioni è calata e, allo stesso tempo, è aumentata la loro severità di giudizio rispetto all'adeguatezza delle misure di intervento, evidenziando una sostanziale difformità di valutazione tra gestione della crisi sanitaria e la crisi economica e occupazionale. Lo ha spiegato Davide Dazzi, ricercatore Ires e curatore dell’indagine, secondo cui di fronte al Covid-19 non tutti gli italiani hanno reagito allo stesso modo. Le figure più fortemente critiche rispetto alla capacità di reazione delle istituzioni sono risultati i più giovani e i lavoratori autonomi, mettendo così a nudo le asimmetrie di copertura dei sistemi di protezione sociale.

I riflettori sulla Sanità non si spengano

L’indagine di Federconsumatori ha avuto inoltre la funzione di rilanciare, a lockdown finito (e passata quindi la fortissima onda emotiva), il dibattito sul futuro della Sanità in Italia. Proprio i fatti di questi mesi hanno messo in luce come i principi ispiratori della ‘Legge 833’ siano quanto mai attuali per costruire la sanità di domani. Ora, secondo gli italiani, è fondamentale evitare che i riflettori sulla sanità si spengano. Anche la ricerca ha messo in evidenza questo fenomeno tra i cittadini: nel pieno della pandemia l’attenzione ai destini della sanità pubblica era al vertice, ma col venire meno del pericolo imminente il dato ha iniziato a calare (pur rimanendo a livelli elevati). Questa parabola non può essere la stessa per i decisori politici, che ora sono chiamati a compiere scelte importanti e decisive.

Viafora, urgono i fondi MES per riformare sistema sanitario

La ricerca, ha commentato Emilio Viafora, presidente dell’associazione dei consumatori, ci consegna uno spaccato particolarmente significativo della situazione del sistema sanitario del nostro Paese, “che rende ancora più urgente l’attivazione di fondi del MES per rilanciare la centralità del sistema pubblico universale, per potenziare la medicina territoriale, per ammodernare le strutture ospedaliere pubbliche, per superare i gravi ritardi di molte regioni italiane soprattutto al Sud, per ampliare oltre che accrescere i LEA”.

Al via campagna ‘Stop alle liste di attesa’

È doveroso, ha aggiunto il numero uno di Federconsumatori, oltre a pensare in termini di piani di rilancio e riforma, anche porre il problema della ripresa della normale funzionalità dei servizi sanitari, fortemente compromessa in questa fase. Per questa ragione, l’associazione ha deciso di lanciare la campagna nazionale ‘Stop alle liste di attesa’, che porterà avanti in tutta Italia per informare i cittadini circa i loro diritti in ambito sanitario e tutelarli di fronte a ritardi e disservizi.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Federconsumatori: come cambia la nostra vita col Covid Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
BlueBay: sui mercati malessere da seconda ondata
Notizia successiva »
Usa: Trump o Biden, cosa cambia per gli investitori
ARTICOLI CORRELATI
Schroders: homebody economy, fenomeno in crescita pubblicato il 1 ottobre 2020
BlueBay: sui mercati malessere da seconda ondata pubblicato il 2 ottobre 2020
TCW: il Covid ha dato luce all’economia del 2030 pubblicato il 19 ottobre 2020
BlueBay: mercati tranquilli, aspettando l’autunno pubblicato il 3 settembre 2020
Covid19: metà degli italiani disposta a vaccinarsi subito pubblicato il 17 settembre 2020