Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Radar Swg: la fase 2 partita con molte incertezze

22/05/2020

Radar Swg: la fase 2 partita con molte incertezze

Il 18 maggio l’Italia è uscita quasi del tutto dal lockdown. L’entrata nella ‘fase 2’ tuttavia non ha comportato il totale rasserenamento dei cittadini, i quali hanno sì meno timori del contagio del virus (la percentuale dei ‘molto preoccupati’ è scesa al 29% nella settimana al 10 maggio dal 35% della settimana precedente), ma resta elevata (al 50% dal 51%) la loro apprensione circa le conseguenze sull’occupazione. È quanto emerge dall’ultimo ‘Radar’ di Swg su come la crisi legata al Covid-19 sta modificando i comportamenti e gli atteggiamenti dei consumatori nel Paese.

Cala il timore di intaccare i risparmi

In un quadro emotivo immutato e dominato da un’incertezza che cresce ulteriormente, si è comunque ridotto il pessimismo per la situazione economica e sono diminuite le paure circa la necessità di utilizzare i risparmi per coprire le spese quotidiane. La quota di chi pensa di essere costretto a intaccare quanto messo da parte è infatti scesa al 56% (60%), così come nella stessa direzione si sono mosse le percentuali di chi teme di non riuscire a rispettare i pagamenti (al 37% dal 38%) ed essere costretti a chiedere un prestito (al 27% dal 29%). In questo ambito è da sottolineare anche il lieve calo (al 58% dal 61%) di chi crede che l’economia non riuscirà a riprendersi per molto tempo.

Il senso di sicurezza nei mezzi pubblici è ai minimi

Con la partenza della ‘fase 2’ è aumentato tra gli italiani il senso di sicurezza a uscire di casa (al 57% dal 53%), così come è cresciuta la quota di chi pensa che il Paese sia pronto per ‘ripartire’ (al 55% dal 51%), benché rimanga alta la percentuale (stabile al 62%) di chi ritiene che non ci siano ancora le condizioni di sicurezza necessarie per riaprire tutte le attività. Il senso di sicurezza nell’utilizzare i mezzi pubblici è nel frattempo ulteriormente sceso (al 15% dal 17%), mentre è aumentato quello nel fare la spesa al supermercato (al 45% dal 43%).

Difficile accettare la mancanza di socialità

Anche con l’uscita dal lockdown, e pur rimanendo vivo il timore di contrarre la malattia, è difficile per gli italiani accettare l’idea che la vera ‘normalità’ sia ancora lontana (61%) e, in particolare, non poter più fare determinate cose come viaggi, andare al ristorante o al cinema (35%). Pesa in questa nuova fase soprattutto la mancanza di socialità (39%), il contatto fisico (48%), non poter andare in altre regioni (30%). Alcune categorie manifestano poi criticità specifiche: i ceti sociali più deboli sono particolarmente preoccupati per la prospettiva economica, i genitori sono in apprensione per come riusciranno a gestire i figli (13%). In tale situazione le aspettative nei confronti delle istituzioni sono elevate. Emerge innanzitutto una forte richiesta di snellire la burocrazia (48%) al fine di rendere le misure più efficaci, ma ci si aspetta anche interventi per prevenire una seconda ondata (39%) e vi è una forte consapevolezza che le imprese abbiano necessità di supporto da parte dello Stato (37%).

Lo shopping partirà al rallentatore

La tanto attesa riapertura dei negozi non porterà subito la ressa davanti alle vetrine: un terzo degli italiani, infatti, esclude di fare shopping nell’immediato e quattro su dieci prevedono comunque di diminuire la spesa rispetto a quanto era di abitudine nel pre-emergenza. Dietro a questo comportamento prudente, secondo la ricerca di Swg, ci sono diversi motivi: soprattutto perché le persone hanno perplessità sul piano della sicurezza (27%), ma anche perché prevedono lunghe file (23%) o per via di un calo delle proprie disponibilità economiche (20%). In ogni caso le riaperture più attese sono state quelle di parrucchieri ed estetiste (in modo marcato tra le donne anziane), seguiti dai negozi, soprattutto di abbigliamento, ma anche di articoli per la casa, cosmetici ed elettronica.
Dell’afflusso limitato di clienti potrebbero risentire in particolare i negozi più piccoli, dato che vi è una maggiore propensione a recarsi nei centri commerciali (38%) o nei grandi esercizi (33%). Anche per la riapertura di bar e negozi c’è molta attesa, dato che poco meno della metà non gradisce sostituirli con le pratiche del delivery o dell’asporto.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: swg, coronavirus, lockdown
Come valuti questa notizia?
Radar Swg: la fase 2 partita con molte incertezze Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Oro: la corsa continua
Notizia successiva »
CTI: 4 macroaree per capire gli effetti da Covid19
ARTICOLI CORRELATI
BlueBay: mercati tranquilli, aspettando l’autunno pubblicato il 3 settembre 2020
Covid19: metà degli italiani disposta a vaccinarsi subito pubblicato il 17 settembre 2020
Ocse: crollo Pil mondiale 2020 inferiore al previsto pubblicato il 24 settembre 2020
Deloitte: impatto del Covid su Millennial e Gen Z pubblicato il 5 agosto 2020
Eurizon: mercati refrattari alle notizie sulla pandemia pubblicato il 14 agosto 2020