Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

T. Rowe Price: ripresa dell’Eurozona in frenata

06/11/2020

T. Rowe Price: ripresa dell’Eurozona in frenata

L’economia europea è tornata in alto mare: la ripresa, iniziata con tanta enfasi dopo il lockdown della scorsa primavera, si sta infatti arenando rapidamente. La seconda ondata di casi di Covid-19 ha reso tutto più incerto e le previsioni sono sempre più difficili da fare, con gli economisti che si limitano ad ipotizzare solo i possibili scenari. E, come ammettono tra gli altri Tomasz Wieladek (international economist) e Ivan Morozov (sovereign credit analyst) di T. Rowe Price, risulta piuttosto complesso assegnare una probabilità ad ognuno di essi.

Crescita zero per IV trimestre e inizio del 2021

La loro view al momento è che l’approccio dei lockdown mirati o intelligenti potrebbe portare a una crescita dello 0% nel quarto trimestre del 2020 e nel primo del 2021, ma la situazione è in continua evoluzione e le previsioni potrebbero cambiare. Possiamo però fare tesoro dell’esperienza fatta nelle passate recessioni, quando alle profondi crisi sono state seguite riprese a ‘V’ e la magrezza dei bilanci dei consumatori prima di questa recessione suggerisce che ciò potrebbe forse verificarsi anche questa volta. Tuttavia appare chiaro che la causa dell’attuale recessione non può essere risolta solo a livello di politiche economiche.

Con lockdown ‘intelligenti’ impatto economico minore

È infatti sempre possibile un secondo shock legato a restrizioni più diffuse e/o un impatto importante sulla fiducia economica. Se il virus si diffonderà a tassi elevati, affermano Wieladek e Morozov, l'approccio dei lockdown intelligenti sarà l’opzione più semplice per i Governi. Imponendo restrizioni ad alcune attività, come bar e ristoranti, e agli incontri allargati, ma lasciando le aziende aperte, questo approccio dovrebbe permettere un certo controllo sul virus ma con un impatto economico minore. In Europa diversi Paesi hanno adottato misure simili.

La Bce pronta a intervenire

Resta da vedere se questo basterà per contenere i nuovi contagi. Nel caso contrario la Bce ha già detto che si attiverà per una risposta adeguata, in linea con il peggioramento del ciclo. Tanto più adesso, sottolineano i due esperti, che la Bce sa che agire rapidamente funziona e che la flessibilità intrinseca al PEPP è riuscita a stabilizzare i mercati. Più condizionata invece potrebbe essere la risposta Ue che, dopo il Recovery Fund da 750 miliardi di euro, potrebbe incontrare difficoltà a trovare un accordo politico per maggiori stimoli da fornire alla ripresa.

Atteso aumento dei deficit

Il peggioramento dell’economia si tradurrà in deficit più ampi, probabilmente superiori al 10% rispetto al Pil nei maggiori Paesi. Gli esperti si aspettano che quest’anno la Francia sarà l’economia più colpita, con un deficit/Pil del 15%, seguita dalla Spagna. Italia e Germania dovrebbero cavarsela meglio, con deficit dell’11%, grazie a un gettito fiscale migliore del previsto. Se ci sarà comunque una seconda ondata di lockdown su scala nazionale, gran parte dei deficit resterà elevato nel 2021 e potrebbe salire addirittura se saranno necessarie ulteriori forme di supporto. Finanziare disavanzi così ampi senza il supporto Bce diventerà molto difficile per gran parte dei Paesi e quindi diventa probabile un’estensione del programma da parte del’Eurotower.

Rischio downgrade per alcuni Paesi, Italia meno a rischio

Le agenzie di rating probabilmente non ridurranno le stime sul debito sovrano dell’Eurozona, almeno fino alla fine dell’anno, o all’inizio del 2021. Quando lo faranno, stimano Wieladek e Morozov, Francia e Spagna sono quelle più a rischio di downgrade rispetto all’Italia. Il debito italiano, infatti, ha già rating BBB e probabilmente non verrà ridotto ulteriormente, grazie al supporto della BCE e del Recovery Fund. Francia e Spagna hanno rating superiori rispetto all’Italia e ciò implica che le agenzie avranno modo di rivederli al ribasso se le due economie non riusciranno a offrire piani di consolidamento di medio termine.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: rowe, bce, lockdown, crescita zero
Come valuti questa notizia?
T. Rowe Price: ripresa dell’Eurozona in frenata Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Coronavirus: la Bce promette nuovi strumenti di sostegno
Notizia successiva »
Misery Index: settembre migliore ma dubbi su prospettive
ARTICOLI CORRELATI
Crif: agli italiani piace lo shopping online pubblicato il 20 novembre 2020
T. Rowe Price: 2021 a tutta volatilità per i mercati pubblicato il 24 novembre 2020
Coronavirus: la Bce promette nuovi strumenti di sostegno pubblicato il 4 novembre 2020
Schroders: homebody economy, fenomeno in crescita pubblicato il 1 ottobre 2020
BlueBay: sui mercati malessere da seconda ondata pubblicato il 2 ottobre 2020