Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Radar SWG: una nuova normalità che non piace

30/07/2020

Radar SWG: una nuova normalità che non piace

È proseguito ancora il percorso degli italiani verso la nuova normalità che, purtroppo, sempre meno spesso appare migliore della precedente. Infatti, secondo il più recente Radar SWG, tra coloro che sono andati per esempio in un bar, in un centro commerciale o in un ristorante dopo il lockdown, la percentuale di chi ha avuto una esperienza negativa è doppia rispetto a chi ha invece ritiene di averne avuta una positiva. Dalla ricerca (effettuata tra il 13 e il 19 luglio) spiccano soprattutto le valutazioni negative di chi è andato al bar (39% contro il 17% che ha sostenuto che sia stato meglio del passato), di chi ha frequentato un centro commerciale (37% contro 20%) o un ristorante (36% contro 18%).

Ancora diffidenza nell’usare i mezzi pubblici

È ancora rilevante la diffidenza degli italiani nel prendere i mezzi di trasporto pubblici: il 36% continua a sostenere che usare per esempio la metro o il bus sia oggi peggio rispetto al passato (i giudizi positivi si fermano al 25%). Questa percentuale va comunque letta insieme al rilevante 34% che, avendo fatto questa esperienza, l’ha giudicata in linea con quella del passato. C’è invece una valutazione in ‘sospeso’ (pro e contro sono alla pari: 21%) per chi è andato al mare, anche se il quadro (complice la stagione estiva) tende al miglioramento (una quota del 55% la giudica infatti in linea con il passato).

Fiducia nel tenere sotto controllo i nuovi focolai

Rimane ai minimi la preoccupazione per un possibile contagio (i molto preoccupati si attestano al 21% e quelli che ritengono probabile contrarre personalmente il virus si fermano al 44%). Infatti, nonostante i nuovi focolai registrati nel Paese, tra gli italiani è forte (82%) la percezione che il nostro sistema sanitario sia oggi più efficace nell’isolarli e nel prendere in carico i pazienti di quanto lo fosse tre mesi fa. Per altro, un’alta percentuale (74%) ritiene che oggi la probabilità di contrarre il Covid in Italia sia decisamente diminuita rispetto allo scorso marzo.

Un italiano su dieci pensa di avere contratto il virus

Tra gli italiani c’è anche un’ampia maggioranza (59%) di chi pensa che il virus sia diventato molto meno pericoloso rispetto al passato, così come prevale la convinzione (52%) di chi crede che oggi muoiano di coronavirus solo persone molto anziane o già malate per altri motivi. In tutto questo un italiano su dieci pensa (anche se l’83% dichiara di non avere fatto alcun test) di avere contratto una forma leggera di Covid-19 e l’idea di questa possibilità ha prevalentemente un effetto di rasserenamento.

Torna la voglia dello shopping online

Nel frattempo, dopo la brusca caduta del mese di giugno, la propensione ad acquistare online degli italiani è tornata ad accelerare. Nella settimana presa in considerazione la quota è infatti balzata al 39% dal 34% segnato ai primi di luglio. Nello stesso periodo è scesa la frequentazione dei negozi sia di grandi dimensioni (al 34% dal 38%) sia di piccole dimensioni (al 26% dal 30%).

Visto con favore lo sviluppo del web e dell’IA

La ricerca di SWG questa settimana ha puntato i riflettori sullo sviluppo di internet e sulle applicazioni dell’IA (intelligenza artificiale). Un aspetto della tecnologia che viene oramai accolto con favore da gran parte delle persone (61%), anche dai meno giovani, i benefici che esso offre sembrano superare i rischi che comporta. Tuttavia il ruolo delle grandi imprese internazionali che mettono a disposizione i servizi e i prodotti tecnologici viene percepito in modo controverso. Da una parte viene loro riconosciuto l’importante contributo allo sviluppo e all’aumento dell’efficienza delle imprese (31%), nonché al benessere dei cittadini, dall’altra quasi la metà dei rispondenti (49%) asserisce che ciò non venga fatto per motivi di responsabilità sociale, bensì con il fine unico di incrementare i profitti.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: coronavirus, swg, shopping
Come valuti questa notizia?
Radar SWG: una nuova normalità che non piace Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Bce: timidi segnali di ripresa, ma outlook altamente incerto
Notizia successiva »
Recovery fund: accordo storico per rilanciare l’economia
ARTICOLI CORRELATI
BlueBay: sui mercati malessere da seconda ondata pubblicato il 2 ottobre 2020
Federconsumatori: come cambia la nostra vita col Covid pubblicato il 6 ottobre 2020
TCW: il Covid ha dato luce all’economia del 2030 pubblicato il 19 ottobre 2020
BlueBay: mercati tranquilli, aspettando l’autunno pubblicato il 3 settembre 2020
Covid19: metà degli italiani disposta a vaccinarsi subito pubblicato il 17 settembre 2020