Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Nuovo record per il debito mondiale

13/01/2017

Stando agli uNuovo record per il debito mondialeltimi dati elaborati dall’IIF, nei primi tre trimestri del 2016, il debito globale è aumentato di 11.000 miliardi di Usd fino a raggiungere l’esorbitante quota di 217.000 miliardi di dollari

L’indebitamento mondiale continua a lievitare senza sosta. Il debito ha sperimentato la crescita più consistente nei mercati emergenti, dove l’emissione di titoli di stato si è triplicata nel 2016 rispetto ai livelli archiviati nel 2015. La Cina ha giocato un ruolo di primo piano nel processo di emissione di nuovi titoli assorbendo 710 mld degli 855 relativi al segmento emerging markets. L’emissione di titoli di debito denominati in valuta locale ha assorbito l’85% del totale. I nuovi titoli in divisa estera hanno invece più che duplicato il volume complessivo, passando dai circa 50 mld di usd del 2015 ai circa 130 mld di usd del 2016.

Allo stesso tempo, l’Institute of International Finance ha messo in guardia sui rischi insiti nelle capacità di rimborsare i propri debiti da parte di un buon numero di società localizzate nei mercati emergenti. La solvibilità degli emittenti corporate dei paesi emergenti continuerà, secondo l’IIF, a rappresentare una fonte di rischio difficilmente determinabile anche nel 2017.

L’organismo ha giustificato il suo pessimismo citando le 240 revisioni al ribasso (downgrade) di livelli di affidabilità creditizia che hanno coinvolto società emergenti non finanziarie durante il 2016. Le preoccupazioni più rilevanti si focalizzano sull’evoluzione dei rating nel mercato brasiliano (che ha archiviato l’anno scorso con ben 100 revisioni al ribasso dei rating) e quello cinese (che ha sperimentato 40 downgrade nello stesso periodo).

A livello globale, l’emissioni di nuovi titoli di debito governativi ha presentato un incremento, nei primi tre trimestri dell’anno scorso, di circa 5.300 miliardi di biglietti verdi. Il totale mondiale dei titoli di stato in circolazione ha così raggiunto quota 60.000 miliardi di usd. Il segmento dei corporate bond ha invece archiviato il 2016 con un incremento di 2.600 mld di usd che ha portato il totale fino a quota 63.000 mld di usd.

Dall’IIF avvertono che i rischi derivanti dai crescenti livelli di indebitamento globale sono considerevoli. I fattori di rischio più pericolosi da tenere in considerazione per il 2017 sono quattro: il probabile incremento dei costi di finanziamento derivante dalle politiche che saranno implementate dal nuovo Governo Usa a guida Trump e dal conseguente aumento dei tassi d’interesse ufficiali fissati dalla Federal Reserve; il continuo rafforzamento del biglietto verde, che potrebbe mettere in difficoltà gli emittenti di titoli in dollari, in particolare quelli dei paesi emergenti;  la debolezza della crescita economica in molte aree del pianeta; l’incremento dei rendimenti dei titoli governativi e il deterioramento della qualità creditizia di molti titoli societari.

L’IIF mette in guardia anche dai potenziali pericoli per i flussi finanziari globali derivanti dall’implementazione di politiche commerciali votate al protezionismo (fatto che renderebbe ancora più vulnerabili alcune società alle prese con posizioni debitorie elevate o pesanti esposizioni in usd). Infine, gli esperti sostengono che la persistente incertezza sulle modalità della Brexit potrebbero avere effetti negativi sui costi di finanziamento delle imprese a causa dei cambiamenti che potrebbero investire l’importante Piazza finanziaria di Londra (che riveste un ruolo primario nell’emissione di titoli di debito).

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Nuovo record per il debito mondiale Valutazione: 4/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Emergenti, tante debolezze di fondo
Notizia successiva »
Europa, attenti al petrolio
ARTICOLI CORRELATI
Una penalizzazione eccessiva per il reddito fisso emergente pubblicato il 14 novembre 2018
Opzione emerging bond pubblicato il 12 novembre 2018
I corporate bond alla prova del Treasury pubblicato il 13 novembre 2018
Brasile, si spera nelle elezioni per scongiurare la crisi del debito pubblicato il 5 ottobre 2018
Un margine ristretto per il debito pubblico italiano pubblicato il 11 ottobre 2018