Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Banche, poche good news

04/04/2017

bancheCome se non bastasse il fardello di quasi 80 miliardi di crediti deteriorati che appesantiscono i bilanci e rischiano di mettere in seria difficoltà alcuni istituti di credito del Belpaese, l’assottigliamento dei margini causato dalle innovazioni tecnologiche che stanno spingendo sempre più clienti verso il fai da te, specie per le operazioni bancarie più semplici, pone inquietanti dubbi sul futuro degli istituti di credito italiani, che non a caso non rappresentano più il comparto di maggior peso all’interno del Ftse-Mib.

Conseguentemente, molte banche italiane, dopo essere uscite per parecchi mesi dai radar dei gestori dei fondi, sono tornate in auge evidenziando quotazioni a sconto (secondo alcuni, addirittura, mostrano prezzi da saldo) che le rendono parecchio appetibili, al di là dei problemi di fondo che continuano a rendere accidentato il loro percorso.

Giusto per fare il punto sulla nuova realtà competitiva delle banche, costrette a tagliare le filiali oramai desolatamente vuote, Abi e GfK hanno promosso un’indagine sulle nuove tendenze dei clienti bancari che usano i canali on line per entrare in contatto con le banche e navigano con regolarità in Internet. Dal report emerge che il cliente italiano è abituato a navigare assiduamente in Internet e usa il web anche per accedere ai servizi bancari, sia da pc sia, sempre più spesso, da smartphone.

Per il cliente bancario evoluto, che ha ormai familiarizzato con l’Internet banking, la nuova frontiera è la sempre più spiccata tendenza a muoversi anche in rete con attitudine proattiva, in cerca di offerte e soluzioni migliori, sia della propria banca sia di operatori concorrenti. Tale attività, definita “shopping around”, coinvolge oltre la metà (il 54%) dei clienti evoluti e si traduce, nel 62% dei casi, nell’effettivo acquisto di un prodotto finanziario.

In sintesi, l’attività di ricerca e raccolta di informazioni sui prodotti e servizi bancari e finanziari maggiormente adatti alle proprie esigenze non si realizza più solo andando in filiale ma si attua ormai anche grazie alla rete: nel segmento degli evoluti che si attivano per individuare le migliori offerte finanziarie due clienti su tre (il 66%) ricercano le informazioni sul sito Internet o sui profili presenti nelle reti socia della propria banca. Una percentuale più ridotta (il 30%) raccoglie dati, opinioni, recensioni e analisi comparative su prodotti e servizi anche presso altre fonti ovvero siti web di banche concorrenti o di altri soggetti. L’agenzia resta comunque per il 60% dei casi un punto di riferimento anche per i clienti evoluti.

Allo stesso tempo i clienti evoluti, che hanno ormai familiarizzato con le modalità di contatto fai da te, sono i primi interessati a comprendere le caratteristiche del servizio di consulenza automatizzata (cosiddetto “robo-advisory”): circa un quarto di coloro che hanno investimenti lo sottoscriverebbe.

Proprio per analizzare l’esperienza dei clienti con la banca, la multicanalità, i big data, gli approcci commerciali e di comunicazione, l’Abi e GfK hanno studiato il mercato retail con lo scoopo di analizzare i nuovi comportamenti e atteggiamenti della domanda e le soluzioni innovative realizzate nel mondo dei servizi finanziari per soddisfare e fidelizzare il cliente bancario.

A cura di: Massimiliano D'Amico
Come valuti questa notizia?
Banche, poche good news Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il mondo e i mercati hanno sete di acqua
Notizia successiva »
Il puzzle dei fondi Absolute Return
ARTICOLI CORRELATI
Un’Italia con pochi margini pubblicato il 24 maggio 2018
Un futuro incerto per le banche e il risparmio gestito pubblicato il 21 marzo 2018
Due view sul futuro di Wall Street pubblicato il 18 luglio 2018
La blockchain non spaventa 14 banche pubblicato il 5 giugno 2018
Coco, un'alternativa ai Btp pubblicato il 11 giugno 2018