Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

Tanti piccoli passi per un bull market

05/05/2017

Dopo avere ricavato qualche dato di sintesi da 37 anni di chiusure giornaliere dell'S&P 500 e avere evidenziato a grandi linee come si è generato il mostruoso bull market in quella che può essere considerata l'era  moderna del sistema finanziario (dagli anni ‘80 in poi), oggi è interessante concentrarci su un sottoinsieme di questo lungo periodo, ovvero le performance giornaliere nell'attuale decennio. In pratica prendiamo i sette anni che vanno dall'inizio di gennaio del 2010 alla fine di dicembre del 2016, un totale di 1.762 sessioni di mercato in cui l'S&P 500 è passato da 1.115 di fine 2009 a 2.238 di fine 2016.

Su questo sottoinsieme applichiamo più o meno gli stessi calcoli che sono stati attuati in precedenza. Innanzitutto va rilevato che in questi ultimi anni mediamente la chiusura giornaliera ha fornito + 0,044% circa di rendimento. Come si può capire, rispetto al +0,038% generale, si è avuto un forte bull market. In pratica, dopo il terribile primo decennio degli anni 2000, l'equity statunitense ha vissuto una ripresa più lunga e più intensa rispetto alla media storica. Complessivamente questo recupero è stato anche meno volatile, con una standard deviation dei rendimenti che è scesa  a +0,98% circa, a fronte dell'1,11% registrato nell'insieme complessivo 1980-2016.

Ora andiamo a vedere nel dettaglio alcuni intervalli di oscillazione dei rendimenti giornalieri con le loro percentuali associate. Innanzitutto complessivamente ci sono state 955 chiusure positive 807 negative o indistinguibili da 0, complessivamente il 54,2% e il 45,8% rispettivamente. Il rapporto è migliorato in maniera non impercettibile ma comunque non enorme rispetto ai numeri della serie storica totale, in cui le chiusure positive erano state il 53,1%.

Dati interessanti, non sorprendentemente, si trovano nelle varie fasce di movimento. Guadagni fra 0 e 0,5% si sono verificati nel 27,87% dei casi, il corrispondente negativo nel 24,80%. Se ci spostiamo nel sotto-insieme da 0,5% fino all'1% abbiamo rispettivamente il 13,68% del totale delle chiusure da attribuire ai guadagni e il 9,93% alle perdite. I numeri corrispondenti per il segmento 1-1,5% sono pari a 7,43% (gli incrementi) e 5,33% (le perdite). Se poi saliamo nel gruppo 1,5-2% registriamo guadagni di tale entità per un totale del 2,89% delle chiusure e perdite che comprendono il 2,84% dei dati analizzati. La fascia estrema, oltre al 2%, vede salite nel 2,33% dei casi e discese nel 2,89%.

Subito qualche considerazione: come si può vedere la quantità di eventi estremi negativa, in anni eccellenti per l'azionario statunitense, tutto sommato non è risultata proporzionalmente minore. Infatti in quasi il 3% delle sessioni si è registrata una perdita peggiore del 2%. Il calo non è insignificante rispetto al 3,1% registrato in 37 anni, ma comunque certamente la differenza non è enorme.  Certo questi valori di sintesi vanno un poco elaborati: nello specifico abbiamo (piuttosto arbitrariamente) messo in un unico insieme tutte le oscillazioni superiori al 2%, appare però piuttosto intuitivo comprendere che tra un crollo del 3% ed eventi quali il lunedì nero del 1987 o quello post-Lehman del 2008 vi sono considerevoli differenze.

Sicuramente la mancanza di crash epici ha aiuto le performance complessive degli anni ‘10, ma va anche detto che è lievemente calata la percentuale di chiusure positive superiori all'1,5%. Da dove è sgorgata allora la super-ripresa dell'S&P 500? Torniamo ai dati fra 0 e 0,5%. Come si può vedere, in questo ambito le chiusure positive hanno superato del 12,4% circa (22,87/24,8-1) il loro contraltare con il segno meno, un ratio migliore del 10,9% di scarto rispetto alla serie 80-16. Lo stacco, in fondo non sorprendentemente, si fa ancora più netto in quel gruppo di mezzo che già avevamo evidenziato la volta scorsa. I più fra 0,5 e 1% sono stati infatti nel periodo 2010-2016 il 37,6% in più rispetto ai meno equivalenti, un incremento enorme rispetto al circa 20% di distacco nella serie lunga. Fra 1 e 1,5 la differenza è stata del 39,4%, anche qui un valore abnorme rispetto al 22,9% totale.

In pratica quest'ultimo bull market, di dimensioni mostruose, è stato in gran parte generato da un calo delle sessioni significativamente negative ma non a livelli di panico con una contemporanea forte ascesa del loro contraltare positivo. Intorno allo 0 e nelle fasce più estreme i cambiamenti non sono stati poi così drastici: nell'intervallo 0,5%-1,5% si è avuto invece un'ascesa fenomenale.

A cura di: Boris Secciani
Come valuti questa notizia?
Tanti piccoli passi per un bull market Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
« Notizia precedente
Fare meglio dell’inflazione Usa con gli HY bond
Notizia successiva »
I mercati dopo la vittoria di Macron
ARTICOLI CORRELATI
Emergenti, la vera sorpresa positiva pubblicato il 2 ottobre 2017
Potenzialità e rischi del listino italiano pubblicato il 10 ottobre 2017
Wall Street a 2.500 pubblicato il 18 settembre 2017
L’Europa va meglio, ma Wall Street cresce di più pubblicato il 20 settembre 2017
Auto, bene le vendite, male in borsa pubblicato il 25 agosto 2017