Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Investire in titoli di una banca centrale

26/09/2017

Investire in titoli di una banca centraleLo sbarco della SNB in Borsa è avvenuto nel lontano 1907. Circa il 48% del capitale è nelle mani di investitori privati e la restante parte è stata sottoscritta da cantoni e banche pubbliche

Il recente rialzo delle quotazioni ha sorpreso un po’ tutti gli osservatori perché i titoli della SNB sono caratterizzati da un livello di liquidità molto basso (sul mercato ci sono soltanto 100.000 azioni che hanno un valore nominale di 250 franchi svizzeri gli scambi sono piuttosto risicati). La Borsa fa registrare sessioni in cui il titolo non è interessato dall’assenza di scambi. Gli investitori istituzionali non generano negoziazioni perché si comportano come cassettisti e non esistono analisi di esperti che si focalizzino su questi titoli. In siffatte condizioni è molto complicato dare una spiegazione al processo di rivalutazione (che in apparenza sembra essere dovuto alla sensibile rivalutazione delle riserve di divise estere).

Le azioni della Banca centrale elvetica hanno accumulato una rivalutazione dell’80% nei primi otto mesi dell’anno. La conseguenza di questa performance è un incremento della capitalizzazione del titolo di 124 mln di euro. La ragione? Il controllo che le autorità svizzere mantengono sul cambio della divisa domestica sta facendo impennare il valore delle sue riserve di valuta estera. Le autorità monetarie elvetiche hanno infatti optato per un intervento deciso sulla propria divisa, che il mercato suole utilizzare come asset rifugio nei periodi di maggiori turbolenze. L’obiettivo di tale azione è noto: evitare che l’economia domestica subisca gli effetti negativi delle oscillazioni sfavorevoli dei mercati valutari.

Cantoni svizzeri e investitori privati – i principali azionisti dell’istituto- stanno traendo enormi benefici da questa situazione sotto forma di dividendi crescenti erogati dall’entità. Per i detentori di azioni della Banca centrale elvetica si tratta di un risultato eccellente in un paese in cui i titoli governativi offrono rendimenti nulli. L’istituto dedito al controllo della politica monetaria in Svizzera non è l’unica banca centrale quotata al mondo. Anche i titoli della Bank of Japan possono essere negoziati dagli investitori.

Dal 2008, le riserve di divise della SNB si sono moltiplicate per otto, raggiungendo un ammontare di 700 mld di usd alla fine del 2016. Il recente deprezzamento del franco svizzero ha dato ancora più linfa alla rivalutazione delle riserve di divise. Recentemente l’entità ha comunicato l’investimento di un 20% dell’ammontare detenuto in divise straniere in obbligazioni e azioni.

Quello che rende le azioni della SNB un investimento interessante per gli investitori privati svizzeri è il buon rapporto tra rendimento da dividendo e sicurezza. A 3.000 franchi per azioni il rendimento da dividendo si posiziona allo 0,5%, decisamente più in alto di quello offerto dai titoli di stato svizzeri (che sulle scadenze brevi presentano rendimenti negativi e su quelle lunghe –decennali- non si spinge oltre lo 0,15% annuo). In linea teorica, l’affidabilità della SNB è superiore a quella dello Stato elvetico perché è l’istituto che ha il potere di fissare la quantità di moneta in circolazione (il suo default è teoricamente impossibile).

Tuttavia, l’investimento non è esente da rischi. Nel 2013 la SNB optò per la sospensione dell’erogazione dei dividendi. L’altro rischio è di natura politica perché nel paese si discute molto sul cosa fare delle enormi riserve di divisa estera. L’opinione pubblica si divide tra coloro che spingono per un incremento degli investimenti pubblici e quelli che preferirebbero la creazione di un grande fondo sovrano sul modello di quello norvegese.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: snb, franco, svizzera, rivalutazione
Come valuti questa notizia?
Investire in titoli di una banca centrale Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Fondi auriferi, più ombre che luci
Notizia successiva »
Vola l'export extra-Ue
ARTICOLI CORRELATI
L’usd non è l’unico colpevole della crisi degli Em pubblicato il 5 settembre 2018
Come investire puntando a una rivalutazione dell’usd pubblicato il 4 dicembre 2017
Sterlina prossimo franco svizzero pubblicato il 18 maggio 2017
Inflazione, la migliore alleata della Svizzera pubblicato il 13 luglio 2017
Il Re nudo pubblicato il 19 maggio 2017