Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Bond decennali, regna l’ottimismo

08/11/2017

Bond decennali, regna l’ottimismo

Lo spread tra i rendimenti del titolo di stato a 10 anni rappresenta di fatto il giudizio che il mercato dà di un paese. In pratica, considerando che attualmente il bond governativo di riferimento è il Bund tedesco che rende l’ 0,31%, quanto più il tasso del corrispondente bond di un altro paese è  più alto, quanto minore è la fiducia dei gestori e degli analisti nei confronti dell’intero sistema paese che viene paragonato alla Germania. In pratica se un investitore decide di puntare sulle obbligazioni di uno stato diverso da quello tedesco pretende che il rischio maggiore venga remunerato.

Ma vediamo come oggi il mercato giudica il livello di rischio dei vari titoli e delle economie che stanno alla base. Tendenzialmente l’andamento dei titoli di stato sta confermando la forte ondata di ottimismo di cui sta godendo l’Europa negli ultimi mesi e le differenze tra paesi anche molto diversi sono abbastanza ridotte. Ha influito sulla visione positiva generale anche il fatto che il presidente della Bce, Mario Draghi, abbia appena dichiarato che a breve non toccherà i tassi nell’area euro.

Germania. Con un rendimento di circa 31 punti base il bond governativo decennale tedesco è attualmente su livelli bassi, visto che soltanto nel luglio scorso sfiorava 60 punti. Siamo ancora lontani dai minimi di 15 punti fatti registrare nell’aprile dei quest’anno, ma sicuramente la fiducia nei confronti dello stato tedesco è molto alta, nonostante il paese stenti a formare un governo dopo le ultime elezioni politiche e ci sia per la prima volta un concreto rischio di ingovernabilità. Soprattutto la discesa dei rendimenti è avvenuta negli ultimi giorni: soltanto il 27 ottobre il tasso di interesse era lo 0,47%.

Italia. Con una cedola annuale dell’1,71% e 140 punti base di differenza di rendimento tra il Btp decennale e il Bund, il titolo italiano ha messo a segno la migliore performance da un anno a questa parte. In pratica gli operatori sul mercato giudicano che il rischio a investire sull’Italia stia diminuendo. Certo, questa differenza resta ancora una delle più alte all’interno dell’Europa.

Paesi del nord Europa. I paesi del nord Europa, spesso con economie complementari rispetto alla Germania, hanno spread molto vicini a quelli tedeschi: l’Austria dà ai sottoscrittori lo 0, 48% annuo (+0, 17% rispetto al Bund a 10 anni), mentre la Danimarca con una cedola dello 0,40% è appena al di sopra rispetto ai titoli emessi da Berlino (+0,09%). Sugli stessi livelli anche l’Olanda, con un rendimento dello 0,42%, la Finlandia che offre lo 0,47% e persino il disastrato Belgio, i cui decennali danno lo 0,55%. In pratica investire sulla Germania e sui paesi che gravitano intorno a essa non dà grandi vantaggi.

Spagna. Quella della Spagna è una situazione molto particolare: il paese fa parte di quel sud Europa che negli anni scorsi ha molto sofferto, ma a differenza dell’Italia da circa un anno a questa parte ha dato il via a una spettacolare performance economica. Ma a complicare le cose è intervenuto il tentativo di secessione catalana. Attualmente i titoli spagnoli rendono l’1,50% con una differenza rispetto a quelli tedeschi dell’1,19%: nel pieno della crisi a Barcellona il titolo era arrivato a rendere fino all’1,78%, ma nelle ultime settimane è velocemente rientrato sui livelli abituali, segno che il mercato non crede che i fatti catalani possano provocare enormi danni.

A cura di: Alessandro Secciani
Parole chiave: bund, btp, decennale, titoli di stato
Come valuti questa notizia?
Bond decennali, regna l’ottimismo Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il punto su Wall Street
Notizia successiva »
Il fascino delle obbligazioni spazzatura
ARTICOLI CORRELATI
Europa, solo con l’aiuto della Bce pubblicato il 21 novembre 2018
Bund nel mirino degli operatori pubblicato il 9 ottobre 2018
Wall Street ha paura anche della sua ombra pubblicato il 5 dicembre 2018
Addio quantitative easing pubblicato il 14 dicembre 2018
I tecnologici non perderanno terreno pubblicato il 14 dicembre 2018