Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

La Russia torna a essere il granaio del mondo

16/11/2017

La Russia torna a essere il granaio del mondo

Da importatore di grano Usa a primo esportatore del pianeta. Il forte deprezzamento del rublo –oltre il 40% dalla metà del 2014- sta consentendo ai produttori di grano locali di incrementare con facilità le esportazioni

La Russia si è trasformata nel dominus del mercato mondiale del grano. La svalutazione del rublo, tra gli altri fattori, sta consentendo agli agricoltori russi di esportare con più facilità i propri raccolti e di ottenere profitti extra che vengono reinvestiti nell’attività. La caduta del prezzo del petrolio ha provocato un netto calo dell’ingresso di divise forti nel paese ed ha danneggiato le quotazioni della divisa domestica. Tuttavia, il fenomeno ha anche abbassato il prezzo dei beni e servizi prodotti in Russia (espressi in termini di valute straniere).

I cambiamenti che hanno interessato l’economia russa stanno producendo benefici anche ad altri settori, in primis quello primario (nonostante il peso delle sanzioni imposte dall’Occidente). Alcuni esperti hanno descritto la situazione domestica come ‘l’opposto del male olandese’. La svalutazione del rublo –che ha superato il 40% dal 2014- potrebbe essere denominata ‘il bene russo’ (per alcuni settori, anche se a livello generale appare evidente che all’economia russa le cose andavano molto meglio quando la quotazione del barile sfiorava i 100 usd).

Il ‘male olandese’ danneggiò l’economia dei Paesi Bassi intorno al 1960. La scoperta di enormi giacimenti di gas in prossimità delle coste olandesi trasformarono questo paese in uno dei grandi esportatori a livello planetario. Il fenomeno alimentò una forte domanda di fiorini olandesi, necessari ad acquistare il gas, e innescò un rafforzamento della divisa che  produsse conseguenze molto negative in altri settori dell’economia (che non riuscirono più a esportare la propria produzione e a competere nel mercato domestico con i prodotti che arrivavano dall’estero). Il prezzo di questi ultimi scendeva di pari passo con il rafforzamento del Fiorino olandese.

Gli ultimi dati indicano che quasi la metà dei paesi del mondo acquistano grano dalla Russia. I clienti più importanti sono localizzati in Medio oriente, Nord Africa, America centrale (Messico) e Sud Est asiatico (Indonesia). Egitto e Turchia sono due grandi consumatori di grano russo perché lo utilizzano sia per il consumo domestico sia per produrre prodotti alimentari destinati all’esportazione. L’impennata delle esportazioni russe verso questi due paesi è stata del 40%.

Il grano russo presenta prezzi molto convenienti non solo grazie alla svalutazione del rublo ma anche al netto incremento della produzione (sfociato in un eccesso di produzione). Con la fine dell’esperienza comunista, i governi russi hanno compiuto alcuni passi importanti per liberalizzare l’economia del paese. L’apertura alla compravendita di terreni e al diritto di proprietà tutelato dalla legge, hanno dato un contributo rilevante alla costruzione delle basi necessarie a fomentare l’incremento della produzione.

Il fenomeno del grano sta consentendo alla Russia di compiere un passo decisivo verso la costruzione di un’economia più diversificata e meno legata alla dipendenza dalle entrate derivanti dalle vendite di petrolio e gas. Anche se il grano non presenta gli stessi margini di guadagno del petrolio, rappresenta un’attività in grado di produrre una parziale compensazione degli introiti venuti meno con le minori esportazioni di combustibili fossili.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: russia, rublo, petrolio, grano
Come valuti questa notizia?
La Russia torna a essere il granaio del mondo Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Caccia ai settori che traineranno la Borsa Usa
Notizia successiva »
Taiwan e Venezuela a confronto
ARTICOLI CORRELATI
Proseguirà il rialzo del petrolio? pubblicato il 20 giugno 2018
Russia, interessante nel breve termine pubblicato il 7 maggio 2018
Russia, i fondamentali sembrano reggere l’urto delle sanzioni pubblicato il 16 maggio 2018
Petrolio, in pieno bull market pubblicato il 14 maggio 2018
Un futuro ancora roseo per il petrolio pubblicato il 29 maggio 2018