Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Una piccola lezione dal Giappone

06/06/2018

Una piccola lezione dal Giappone

Fra i vari mercati in ripresa sull'azionario mondiale vi è quello giapponese: il Nikkei 225 ha toccato il proprio minimo relativo quest'anno il 23 marzo e da allora ha riguadagnato circa il 9,3%, anche se rimane negativo dall'inizio dell'anno di circa l'1%, un andamento in linea tutto sommato con altri benchmark importanti in giro per il pianeta. Questo movimento, però, si è accompagnato a una nuova fase di relativa debolezza dello yen contro il dollaro: la valuta giapponese si è portata dai minimi di marzo, coincidenti con quelli dell'azionario, da poco sotto quota 105 a quasi 110.

In pratica in questo secondo trimestre la divisa nipponica e l'equity locale hanno ripreso il refrain della correlazione negativa degli scorsi anni. In ciò si può trovare un indicatore importante per il futuro di questa piazza e di altre: infatti il fenomeno rappresenta in qualche maniera una delusione rispetto al primo mese dell'anno, in cui sia le quotazioni delle aziende del Sol Levante sia la moneta locale si rafforzavano. Era un periodo di grande fiducia nei confronti di una nazione che è passata in 30 anni dall'essere candidata al ruolo di super-potenza rivale degli Usa a sick man of Asia, superata per Pil pro capite nel continente da Hong Kong, Singapore e Taiwan, con la Corea del sud dietro l'angolo.

Iil paese era impegnato in una serie di riforme molto positive, soprattutto a livello  di corporate governance. Gli ultimi mesi hanno invece riportato alla realtà un insieme di aziende sì interessante, ma anche molto ciclico e in grossa parte legato alla propensione al rischio degli investitori locali.

Se analizziamo alcune riforme attuate dalla (un po’ traballante) amministrazione Abe, alcuni risultati in effetti si vedono: il record storico di donne che lavorano (in percentuale oggi più numerose rispetto alle statunitensi), l'apertura del mercato del lavoro agli immigrati qualificati e una serie di misure a livello di aziende, che ad esempio hanno spinto il Nikkei ad avere attualmente un dividend yield superiore alla rispettabile soglia di 2,2%.

Visti i buoni risultati aziendali mostrati in questo trimestre, l'entusiasmo doveva essere tornato alle stelle per questa piazza, ma in realtà sembra che si stia assistendo a una delle tante congiunture favorevoli che si sono succedute in passato sul Nikkei, senza che però venga cambiato il trend stagnante di fondo, elemento testimoniato appunto dalla ripresa della correlazione inversa con lo yen. Al primo segnale di pericolo, hic stantibus rebus, è probabile che le azioni locali tornino pesantemente giù e che invece la moneta giapponese si rafforzi. Al di là dei problemi specifici del Sol Levante, questa gigantesca porzione dell'equity mondiale sembra costituire l'ennesima spia di un fenomeno peculiare: specificatamente tutto ciò che presenta caratteristiche value sta facendo sempre più fatica ad emergere. Quasi tutti i modelli di factor investing, a partire da quello celeberrimo di French e Fama, tendono a indicare che le azioni value sovraperformano quelle growth sul lungo periodo. Nell'ultimo decennio non è stato così: la regola ha tenuto nel periodo 2000-2008, mentre negli anni ‘90 il growth aveva dominato.

In pratica nell'ultima generazione per due terzi del tempo i classici assunti si sono dimostrati errati e oggi per le occasioni value i toni sono tutt'altro che ottimistici. Nel frattempo il Nasdaq ha messo a segno nuovi massimi storici: in pratica i mercati sembrano essere sospettosi di qualsiasi investimento che abbia alle spalle economie o settori a bassa crescita, non importa quanto bassi siano i prezzi a cui un titolo viene offerto. Ed è probabile che il fenomeno sia strutturale.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: Nikkei 225, Giappone, value, growth
Come valuti questa notizia?
Una piccola lezione dal Giappone Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Frasi da esperti
Notizia successiva »
Messico e Argentina, due sfide latinoamericane
ARTICOLI CORRELATI
Giappone, usato sicuro pubblicato il 23 aprile 2019
Il Giappone nel mirino dei gestori pubblicato il 14 gennaio 2019
Una strategia valutaria fra Cina e Giappone pubblicato il 23 gennaio 2019
Equal weight per scommettere sul ritorno della crescita pubblicato il 26 novembre 2018
Il bilancio della BoJ supera il Pil giapponese pubblicato il 13 dicembre 2018