Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Capannoni, poche offerte di qualità

28/09/2018

Capannoni, poche offerte di qualità

Il terzo sottosettore degli immobili per l’impresa, insieme a negozi e uffici di cui abbiamo già parlato, è rappresentato dai capannoni e i laboratori, luoghi dove avviene materialmente la produzione industriale o artigianale. Si tratta di un comparto che è stato letteralmente massacrato negli ultimi 20 anni: la crisi economica che ha colpito l’Italia (e non solo), la delocalizzazione industriale, che ha portato migliaia di imprese a produrre fuori dai confini, l’affermazione di internet, che ha fatto sparire intere filiere di lavorazione, sono stati fenomeni che hanno fortemente danneggiato gli immobili dedicati alla produzione.

In alcune aree anche molto forti sul piano industriale, come la Lombardia o il Veneto, tanti edifici sono rimasti sfitti per anni, talora con i proprietari che chiedevano cifre irrisorie per l’affitto o per la vendita.

Secondo alcuni osservatori del mercato immobiliare, però, anche in questo campo qualcosa si sta muovendo. L’Ufficio studi del gruppo Tecnocasa, per esempio, afferma: «Per i capannoni, che vedono un discreto aumento del numero di compravendite, il 66,5% delle richieste è di locazione, il 33,5% d’acquisto. Da evidenziare che, rispetto allo stesso periodo del 2017, abbiamo un aumento consistente della percentuale di domanda in acquisto. Infatti, la fase di prezzi contenuti, invoglia le aziende patrimonializzate o con accesso al credito a comprare. La maggior parte delle richieste si orienta su metrature non superiori ai 500 mq (rispettivamente il 62,8% della domanda in acquisto e il 67,1% di quelle in locazione)».

Un certo ottimismo si rileva anche da parte di Nomisma, l’istituto di ricerca bolognese che da diversi anni realizza un rapporto sul mercato immobiliare italiano. « Sul fronte delle locazioni si rileva il crescente ottimismo degli agenti interpellati sospinto da un ritorno della domanda che non risulta circoscritto alla residenza, ma che si sta estendendo anche alla componente di immobili da locare per le attività produttive».

In realtà quando si parla di capannoni e laboratori ci si riferisce spesso a situazioni molto diverse. Il classico immobile in mezzo alla campagna adibito a fabbrica ha un mercato molto rarefatto, mentre altri spazi attrezzati e con caratteristiche interessanti per chi produce sono certamente più apprezzati e richiesti. In determinati casi, come gli spazi per la logistica, c’è un’offerta largamente inferiore alla richiesta. «Gli aspetti più importanti nella scelta dei capannoni sono l’altezza, la presenza di un’area di carico e scarico delle merci, il posizionamento nella zona industriale e la vicinanza alle arterie di comunicazione», conferma Tecnocasa. «Sempre più appeal, tra investitori e aziende, lo suscitano i capannoni a destinazione logistica: questa tipologia di immobile sta vivendo una fase in cui la domanda è decisamente superiore rispetto all’offerta, sia in acquisto e sia in locazione. A spingere il mercato è soprattutto la crescita degli acquisti online che, per rispondere alla velocità di consegna, hanno bisogno di una catena di distribuzione sempre più veloce. Per questo motivo, l’ubicazione dei magazzini e delle sedi di smercio nelle location strategiche, vale a dire vicine alle arterie che portano velocemente in città, è la caratteristica più richiesta».

In conclusione i capannoni e i laboratori sono un settore da prendere con le molle: a fianco ad alcune realtà molto interessanti dalle quali si può ottenere un rendimento di notevole interesse (6-8% lordo), c’è una grande quantità di invenduto e soprattutto di immobili sfitti da anni. I rendimenti teorici che si potrebbero ricavare da questa tipologia di edifici per l’impresa sono molto alti, dell’ordine del 15% lordo. Peccato che siano teorici.

A cura di: Alessandro Secciani
Come valuti questa notizia?
Capannoni, poche offerte di qualità Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Uffici, un investimento a rischio
Notizia successiva »
Stretta autunnale per la Fed
ARTICOLI CORRELATI
Real asset: Aviva Investors, cresce domanda istituzionali pubblicato il 5 novembre 2019
Immobiliare, quotazioni ancora ferme pubblicato il 15 settembre 2018
L’anomalia del mercato immobiliare pubblicato il 12 aprile 2019
Immobiliare, prezzi giù nelle città medie pubblicato il 7 aprile 2019
Immobiliare, pochi affari dai negozi pubblicato il 19 aprile 2019