Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Stretta autunnale per la Fed

01/10/2018

Stretta autunnale per la FedCome da attese, il Fomc ha alzato il range dei tassi di 25 punti base, portandolo a una forcella del 2-2,25%. Un ulteriore rialzo sembra inoltre scontato a dicembre, con 12 dei 16 membri del comitato che si sono espressi a favore di tale decisione.

Tuttavia, il Comitato ha rimosso il riferimento ad una politica monetaria accomodante, segnalando che il FOMC ritiene che il tasso politico si stia avvicinando alla neutralità. Tuttavia, la Dichiarazione chiarisce che sarà necessario un ulteriore inasprimento, ma potrebbe iniziare a indicare una maggiore flessibilità nei tempi dei prossimi aumenti, probabilmente alla luce dell’incremento delle incertezze (principalmente l’impatto della escalation di una guerra commerciale), sebbene le previsioni del FOMC siano cambiate minimamente.

L’elemento più interessante emerso dall’incontro è stato constatare come i banchieri siano allineati sul percorso da seguire nei prossimi trimestri. La Fed intende proseguire in maniera graduale ma costante con i rialzi fino alla prossima estate, quando il target rate raggiungerà il livello stimato come neutrale dal comitato.

C’è meno sicurezza, invece, su cosa aspettarsi da quel punto in poi, con alcuni membri che vorrebbero proseguire portando i tassi in territorio restrittivo. Altri non sono d’accordo. Guardando alla dot plot della Fed possiamo vedere, infatti, un generale consenso nel breve termine e incertezza nel lungo periodo. Nel 2019, metà del FOMC prevede che i tassi vadano oltre la neutralità e l’altra metà ritiene saranno inferiori. Nel 2020 l’opinione sembra tornare a confluire verso tassi superiori a quello neutrale, ma la magnitudine di tale deviazione non è chiara. Per il 2021, infine, il quadro è più che mai indeciso.

Dopo un avvio piuttosto lento di questo ciclo restrittivo, nel dicembre 2015, i leader politici statunitensi hanno colto l’attimo e, nel corso del terzo trimestre 2018, la Fed ha finora aumentato i tassi sei volte ed è entrata nella fase finale del processo di normalizzazione del bilancio dall’inizio del 2017.

Quale sarà la direzione intrapresa dalla Fed per l’ultimo trimestre dell’anno e nel 2019? Dati premettendo, sembrerebbe che la Fed abbia in programma un altro aumento dei tassi entro la fine del 2018. Considerato l’andamento dell’aumento dei tassi del FOMC nel ciclo attuale, le probabilità sembrano non favorire alcuna manovra alla prossima riunione prevista per il 7/8 novembre (subito dopo le elezioni di metà mandato negli Stati Uniti), che invece potrebbe concretizzarsi durante l’appuntamento del 18/19 dicembre. Senza dubbio, le prospettive per il 2019 della Fed saranno attentamente monitorate alla ricerca di eventuali segnali negativi derivanti dall’aumento dei dazi che è stato messo in atto. Ad oggi, è plausibile aspettarsi ulteriori manovre di inasprimento monetario per l’anno prossimo

Gli investitori non stanno più concentrando la propria attenzione sulla politica monetaria della Fed ma, piuttosto, sulla probabilità che la Banca Centrale stia andando troppo in là nel ciclo di inasprimento monetario, fattore potrebbe scatenare la prossima recessione e non i tempi del prossimo rialzo. Per questo motivo l’attenzione di esperti ed investitori si focalizza sulla forma della piattezza della curva dei rendimenti nelle ultime settimane e, con la decisione odierna, è probabile che la situazione non cambi.

Tuttavia, siamo lontani dall’inversione della curva dei rendimenti, che rappresenta un indicatore affidabile della recessione sin dagli anni ’60. In primo luogo, la curva dei rendimenti potrebbe essere stata distorta, ma il QE della Fed e l’Operazione Twist spingono l’estremità più lunga verso il basso. In secondo luogo, se consideriamo l’attuale livello di tassi reali e dei principali indicatori, oltre alla curva dei rendimenti, stimiamo che le probabilità di una recessione siano prossime allo zero.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: Fed, stretta, range, tassi
Come valuti questa notizia?
Stretta autunnale per la Fed Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Capannoni, poche offerte di qualità
Notizia successiva »
Btp, un gioco molto pericoloso
ARTICOLI CORRELATI
Fed: nessun rialzo dei tassi almeno fino al 2023 pubblicato il 23 settembre 2020
Borse: la Fed porta a zero i tassi Usa pubblicato il 17 marzo 2020
Tassi: Fed finge che il ciclo non debba finire mai pubblicato il 21 febbraio 2020
Bond: ricerca di rendimenti in un momento di tassi a zero pubblicato il 7 febbraio 2020
Un anno incerto per gli high yield bond pubblicato il 6 aprile 2018