Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Gli Em guardano alla solidità cinese

22/10/2018

Gli Em guardano alla solidità cineseLe obbligazioni, le valute e i mercati azionari nella maggior parte dei paesi emergenti si sono stabilizzati o leggermente ripresi a settembre. La situazione rimane comunque fondamentalmente tesa a causa di un dollaro forte, rendimenti Usa in aumento, il profilarsi di un lungo conflitto tra gli USA e la Cina e una riduzione dell'offerta di liquidità globale

Il continuo rialzo dei prezzi del petrolio è naturalmente positivo per gli esportatori di petrolio dei mercati emergenti, ma relativamente negativo per i paesi che dipendono da elevate importazioni di petrolio. La congiuntura cinese, un fattore importante per molti paesi emergenti, è ancora solida nel complesso. Tuttavia, si manifestano segni crescenti di stress in alcuni comparti. Si prevede che Pechino adotterà misure fiscali selettive per controbilanciare. Ciò potrebbe fornire impulsi positivi anche per altri mercati emergenti, ma probabilmente solo in misura molto contenuta.

Usa vs. Cina: molto di più di un conflitto commerciale, ma niente panico

Il conflitto commerciale tra Stati Uniti e Cina rimane un tema dominante, dove "conflitto commerciale" in realtà è un termine troppo limitato. Gli operatori dei mercati finanziari sembrano sempre più rendersi conto che qui non si tratta solo della rinegoziazione di singoli termini commerciali ma, di fatto, di una grande e lunga lotta per il potere della superpotenza USA, che ha dominato finora, contro la superpotenza emergente cinese. Il team di Raiffeisen ha già sottolineato che probabilmente per il presidente Trump si tratta di molto di più che di un paio di piccole vittorie simboliche. Il problema non sono quindi tanto i dazi punitivi già decisi e imposti da entrambe le parti, la cui portata nel complesso è ancora molto contenuta. Piuttosto, è il continuo venir meno della prospettiva di una rapida soluzione del conflitto che rende sempre più insicuri gli investitori, gli imprenditori e gli operatori del mercato finanziario.

I rendimenti Usa continuano a salire

Allo stesso tempo, negli Usa continuano a salire i rendimenti obbligazionari e il dollaro USA rimane tendenzialmente forte. Entrambi sono, come si sa, negativi per i titoli dei mercati emergenti ed entrambi dovrebbero continuare nei prossimi mesi. I rendimenti decennali dei titoli di Stato Usa ora hanno chiaramente rotto il trend ribassista durato diversi decenni. Ciò non significa automaticamente altri massicci rialzi dei rendimenti, ma la via più facile per ora punta verso l'alto. L'aumento dei rendimenti Usa sta, a sua volta, rafforzando anche il dollaro Usa. A ciò si aggiunge che la banca centrale Usa continua a ridurre ulteriormente la liquidità globale in dollari.

Dopo anni di abbondante approvvigionamento con dollari a basso costo, questo colpisce sempre di più soprattutto i debitori nei mercati emergenti - sotto forma di costi di finanziamento (tassi d'interesse in dollari) più alti e di una valuta Usa più cara (svalutazione di molte valute dei paesi emergenti).

Possibili impulsi fiscali in Cina si concretizzeranno solo in modo molto selettivo e con effetti contenuti per altri paesi emergenti

Un altro fattore decisivo per molti paesi emergenti continua a essere naturalmente la Cina. È difficile dire fino a che punto l'economia cinese stia effettivamente già risentendo del conflitto commerciale, soprattutto perché certe tendenze di rallentamento sono iniziate molto prima. Nel complesso, la congiuntura cinese sembra ancora robusta. In alcuni settori, tuttavia, si manifestano sempre più segnali di stress, soprattutto nei settori dell'edilizia e degli immobili. È probabile quindi che Pechino adotti, se necessario, misure fiscali per contrastare questo scenario, ma probabilmente solo in modo molto selettivo. 

Per assorbire parzialmente l'impatto dei dazi Usa, la Cina potrebbe inoltre continuare a considerare una graduale svalutazione valutaria. Da aprile lo yuan resta ancora piuttosto caro in termini fondamentali nonostante la svalutazione, dunque su questo fronte Pechino ha ancora un po' di margine. Tuttavia, uno yuan più debole non è esattamente positivo per altri mercati emergenti. Tutto sommato, eventuali programmi fiscali in Cina sono ancora utili, anche per altri paesi emergenti, ma i possibili stimoli positivi che ne derivano questa volta saranno probabilmente inferiori rispetto al passato.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: cina, usa, emergenti, outlook
Come valuti questa notizia?
Gli Em guardano alla solidità cinese Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
L'Italia, un paese con poche opzioni
Notizia successiva »
Cina, il 2017 non tornerà più
ARTICOLI CORRELATI
Dagli Usa un contesto ancora favorevole pubblicato il 3 dicembre 2018
Gli Em beneficeranno della sincronizzazione della crescita pubblicato il 10 dicembre 2018
Outlook per le azioni dopo le elezioni di mid term pubblicato il 9 novembre 2018
Pace temporanea sui dazi tra Usa e Cina pubblicato il 4 dicembre 2018
Cina-Usa, uno scenario degno di Le Carré pubblicato il 12 dicembre 2018