Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Due strade per il dollaro nel 2019

21/11/2018

Due strade per il dollaro nel 2019La forza del dollaro è il principale argomento di dibattito tra gli investitori. La valuta ha attraversato ondate di svalutazione e apprezzamento nel corso del 2018, con un guadagno netto del 4,5%. Argomentazioni a favore del deprezzamento del dollaro e i principali rischi di scenario.

Il differenziale di tasso tra gli Stati Uniti e i sette principali partner commerciali statunitensi, utilizzando le stesse ponderazioni dell'indice del dollaro della Fed, si è ampliato, trainato sia da una rivalutazione dei tassi della Fed, più elevati rispetto alle previsioni, sia da aspettative di politica monetaria più positive per il resto delle principali banche centrali.

Siamo di fronte ad un’economia globale in una fase di rallentamento. Tuttavia, non c’è da aspettarsi né una forte flessione né una significativa e sostenuta cessione del rischio (simile a quella di ottobre di quest'anno). Osservando lo storico del dollaro e il rallentamento della crescita notiamo una performance variabile della valuta statunitense. Dal 1997, la performance media trimestrale del TW Usd nelle fasi di rallentamento si aggirava intorno allo 0,5%, con notevoli variazioni da un periodo all'altro. Nel periodo 1997-2001 il dollaro ha registrato notevoli guadagni, ma si trattava di un periodo in cui la crescita dei paesi EM ha subito un forte rallentamento (dal 1994 al 1998) a seguito di molteplici crisi EM e di tassi Fed significativamente più elevati. Nel corso del 2006 e del 2007, il dollaro Usa ha subito pesanti perdite, a fronte di una crescita globale sostenuta. Oggi si prevede che la crescita del PIL dei mercati emergenti si stabilizzerà, mentre l’esposizione del debito delle valute estere rimane bassa e con costi di finanziamento del dollaro più bassi (rispetto alla fine degli anni ’90).

La sovraperformance economica degli Stati Uniti è in gran parte dovuta allo stimolo fiscale Una delle forze trainanti dell'apprezzamento del dollaro di quest'anno è stata l'attuazione del pacchetto di stimolo fiscale statunitense. Questo ha avuto un impatto immediato molto positivo sulla crescita interna, convogliando i flussi di portafoglio verso le attività statunitensi e aumentando i rendimenti, che hanno entrambi così sostenuto la valuta.

Il problema in questo caso è che i tempi di attuazione sono stati piuttosto scarsi perché l'economia non ha avuto bisogno di sostegno fiscale in quanto operava quasi a piena capacità. Secondo il team di Lombard Odier, una volta che il disavanzo di bilancio degli Stati Uniti verrà corretto tenendo conto del divario tra prodotto effettivo e potenziale (ora intorno allo zero), si otterrà un deterioramento quasi senza precedenti del disavanzo corretto per il ciclo. Una volta che gli effetti transitori dello stimolo cominceranno ad attenuarsi (probabilmente verso la metà del 2019), l'economia statunitense si troverà con un notevole problema di doppio disavanzo (il saldo di C/A dovrebbe essere pari a circa -3% del PIL e il saldo di bilancio prossimo a -5% del PIL) che potrebbe generare una pressione al rialzo sui premi di rischio statunitensi.

Avendo eliminato i benefici (a breve termine) della politica fiscale, gli investitori lungimiranti dovrebbero presto iniziare a fissare i prezzi di questi sviluppi, richiedendo un dollaro Usa più basso per compensare i premi di rischio più elevati. Ciò è tanto più vero ora che il risultato elettorale a medio termine degli Stati Uniti suggerisce una situazione di stallo nel Congresso e il conseguente svanimento delle aspettative per ulteriori tagli fiscali.

Il  team di Lombard Odier individua quattro fattori che potrebbero inaspettatamente supporatre il dollaro nel 2019:  l'inflazione al rialzo negli Stati Uniti sorprende significativamente e la Fed reagisce in modo troppo aggressivo, rinnovando il sostegno al dollaro;  una grave recessione globale (potenzialmente dovuta ad un'escalation delle controversie commerciali USA-Cina, ad una crisi EM diffusa, uno shock esogeno, ecc.) che porta ad una forte svendita del rischio, e i mercati rispondono cercando la sicurezza del dollaro;  l'impatto della politica fiscale statunitense è più duraturo di quanto non si pensi, e la crescita statunitense continua ad essere sostenuta dagli impulsi di stimolo, rafforzando la domanda del dollaro sulla scia della continua discontinuità della crescita.; gli attriti tra Italia e Commissione Europea si sono intensificati in modo significativo.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Due strade per il dollaro nel 2019 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Italia verso la procedura d’infrazione
Notizia successiva »
Europa, solo con l’aiuto della Bce
ARTICOLI CORRELATI
Dagli Usa un contesto ancora favorevole pubblicato il 3 dicembre 2018
La fase di espansione negli Stati Uniti sta per finire? pubblicato il 20 settembre 2018
Euro e dollaro, una fragile tregua pubblicato il 3 ottobre 2018
Euro e dollaro, sempre più prevedibili pubblicato il 5 ottobre 2018
Euro e dollaro, pronti a nuove montagne russe pubblicato il 8 ottobre 2018