Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Italia verso la procedura d’infrazione

20/11/2018

Italia verso la procedura d’infrazioneData la mancanza di concessioni da parte del governo nella sua riproposizione del bilancio, la maggior parte degli analisti prevede che potremmo assistere all'avvio della procedura per disavanzo eccessivo annunciata nei confronti dell'Italia.

Il mercato sta anticipando la risposta al bilancio da parte della Commissione europea prevista per domani.  Secondo il team di Natixis, con lo spread stabile intorno ai 300 punti base nell'ultimo mese, il governo è a suo agio con la situazione attuale, dato il continuo aumento del consenso della Lega. Solo se gli spread si allargassero notevolmente - gli stessi membri del governo hanno menzionato i 400 punti base - vedremmo una reazione e forse qualche concessione a livello della legge di bilancio da parte del governo.

Per ora molti operatori preferiscono restare in disparte –e anche molti piccoli risparmiatori vista la debolezza della domanda per il nuovo Btp Italia in sottoscrizione proprio in questi giorni- e sono neutrali rispetto al rischio sovrano italiano data la fluidità degli sviluppi.

La situazione di stallo della legge di bilancio italiana è di nuovo sotto esame questa settimana, in quanto mercoledì la Commissione Europea potrebbe avviare la sua 'excessive deficit procedure', dal momento che l'Italia non ha modificato le sue previsioni di deficit di bilancio del 2,4% e di crescita dell'1,5% per il 2019. Il vice premier Di Maio ha dichiarato che l'Italia è disposta a dialogare con la Commissione, ma le concessioni potrebbero non includere la modifica del disavanzo.

Inoltre, è probabile che Salvini rimanga concentrato sulla sua promessa di spesa aggiuntiva e di sostegno all'economia italiana. Infatti, se la Lega Nord dovesse continuare a salire nei sondaggi, Salvini potrebbe prepararsi per le nuove elezioni, a seguito delle quali il suo partito potrebbe governare senza i Cinque Stelle, attuale partner nella coalizione. Alla luce di ciò, il conflitto con la Commissione potrebbe persistere, dato che l'Italia continuerebbe a mostrare i muscoli.

Alla fine, è probabile che entrambe le parti facciano delle concessioni per evitare una situazione di stallo totale, anche se non necessariamente sulle cifre che Salvini ha bisogno di mostrare ai suoi sostenitori. Questo comporterà ulteriori notizie e volatilità nei giorni e nelle settimane a venire. I mercati europei rimarranno probabilmente ostaggio di queste trattative, in quanto le preoccupazioni sull'Italia hanno pesato sui titoli europei negli ultimi mesi.

Le preoccupazioni per la crescita italiana, che è rimasta piatta durante il terzo trimestre, vanno ad aggiungersi alle preoccupazioni del 2019 - anche a causa del potenziale impatto del rallentamento della crescita dell'Eurozona sugli utili europei del prossimo anno. Gli spread italiani dovrebbero rimanere elevati a causa delle preoccupazioni sui livelli di indebitamento dell'Italia. Le preoccupazioni degli italiani, così come le turbolenze del Brexit, sono tali da mantenere l'euro al limite massimo. Qualsiasi segnale di miglioramento o compromesso sarebbe visto come un elemento positivo per le attività europee in corso nel 2019.

Nel frattempo anche il contesto di liquidità che continua a deteriorarsi poiché la Banca Centrale Europea non offre più così tanto supporto al mercato come una volta, mentre l'emissione di Btp è destinata ad aumentare l'anno prossimo a causa del più ampio deficit.

Secondo Ubp, la Bce non avrà fretta di diventare più aggressiva, dato il rallentamento della crescita e l'aumento dei rischi, tra cui Brexit e l'Italia. L'inflazione rimane ancora contenuta anche nell'Eurozona, e quindi, mentre il board potrebbe chiudere gli acquisti come previsto alla fine di quest'anno.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: btp, italia, ue, deficit
Come valuti questa notizia?
Italia verso la procedura d’infrazione Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La scalata dei dividendi
Notizia successiva »
Due strade per il dollaro nel 2019
ARTICOLI CORRELATI
Turchia e Argentina, una navigazione difficile pubblicato il 4 settembre 2018
L’usd non è l’unico colpevole della crisi degli Em pubblicato il 5 settembre 2018
Dalla spinta monetaria a quella fiscale pubblicato il 6 dicembre 2018
Che cosa porterà la fine del quantitative easing della Bce pubblicato il 5 novembre 2018
Il punto sui Btp pubblicato il 6 novembre 2018