Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Europa, solo con l’aiuto della Bce

21/11/2018

Europa, solo con l’aiuto della Bce

Negli ultimi due articoli abbiamo visto che le prospettive economiche dell'Europa sono molto fragili e che il quasi-boom visto l'anno scorso rappresenta più un'eccezione da cui si sta allontanando con una rapida mean reversion, piuttosto che un ritorno a una nuova fase prolungata di crescita economica significativa. Avevamo anche sottolineato che il Vecchio continente, oltre ai problemi endogeni, è anche sensibile a shock provenienti dal resto del mondo. Questa situazione strutturale consiglierebbe probabilmente una politica monetaria perennemente accomodante, sul modello del Giappone a partire dagli anni ‘90.

In  questo contesto J.P. Morgan ha abbassato le stime di crescita per l'economia Usa l'anno prossimo al 2%: se tale previsione si rivelasse corretta e la Cina si spostasse in un'area più vicina al 6% che al 6,5%, con un Giappone nel territorio dello 0 virgola qualcosa, non ci sarebbe da stupirsi se l'Eurozona finisse a +1,5% o forse anche meno, con la possibilità di una recessione tecnica da parte dei sistemi più sgangherati, Italia in primis. A proposito di questo scenario non è stata citata l'espressione mean reversion  a caso: infatti da quel che si è potuto osservare negli ultimi anni, a fronte di una politica monetaria ultra-espansiva, sembra ragionevole stimare un tasso di crescita economica mid cycle, quindi simile anche alla media di lungo periodo, cioè intorno all'1-1,5% a livello reale.

A meno di shock petroliferi o altri elementi esogeni di difficile previsione, probabilmente circa altrettanto si avrebbe di inflazione, con un Pil nominale in pratica destinato a veleggiare fra +2% e +3%. Con questi numeri in mano possiamo tentare di prevedere i rendimenti dei mercati in un'Europa giapponesizzata, sostenuta da un continuo Qe. Innanzitutto con simili incrementi del prodotto interno un rientro a una parvenza di normalità della politica monetaria appare praticamente impossibile: al massimo si può pensare che i rendimenti degli strumenti sul mercato monetario con scadenza fra tre mesi e un anno riescano in qualche maniera a portarsi sulla soglia del rendimento reale positivo e nulla più.

Se ciò avvenisse, a meno di non immaginare clamorose inversioni, anche il Bund dovrebbe alzarsi dal proprio yield to date in maniera non indifferente, anche se con ogni probabilità la curva si appiattirebbe non poco. Non sarebbe infatti incredibile pensare a una Bce che alterni periodicamente strumenti come i Tltro alle banche con pratiche simili all'Operation twist messa a punto dalla Fed nel 2011. Difficilmente si può immaginare un Bund oltre la soglia dell’1,5-2,5% di rendimento, non peraltro perché questo livello sarebbe alquanto problematico per l'Italia, anche ipotizzando un severo rientro degli spread.

In un'Europa semi-stagnante è più facile che il punto di compromesso e di equilibrio nell'Eurozona sia dato da tassi perennemente a zero sul breve, un Bund decennale intorno al 2% e un Btp agli attuali livelli di Ytd, ma con uno spread molto più basso. Il tutto come detto inframmezzato da nuovi round di politica monetaria fortemente espansiva. Una simile struttura del money market e delle curve governative, sotto l'egida perenne delle banche centrali in grado di garantire quanto meno un'economia stagnante, costituirebbe un ambiente abbastanza benigno per attività con una forte componente di rischio creditizio come gli high yield europei. Salvo aumenti dei tassi di default significativi a fronte di un appiattimento bearish delle curve come descritto sopra, probabilmente gli spread rimarrebbero nell'area molto compressa vista di recente, con una forbice quindi intorno a 350-400 punti base. In questa maniera il rendimento complessivo di equilibro per questa categoria di attivi dovrebbe posizionarsi intorno al 4,5-5% annuo.

Tutto sommato quello che abbiamo delineato è un quadro previsionale piuttosto benigno: la chiave per vedere realizzato un simile scenario però va ricercata a Francoforte, dove la Bce ha margini di manovra neanche lontanamente paragonabili a quelli già rivelatisi modesti della Fed.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: bce, europa, bond, bund, btp
Come valuti questa notizia?
Europa, solo con l’aiuto della Bce Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Due strade per il dollaro nel 2019
Notizia successiva »
La resilienza dei bond asiatici
ARTICOLI CORRELATI
Bund nel mirino degli operatori pubblicato il 9 ottobre 2018
Tornano di moda i bond europei pubblicato il 12 dicembre 2018
Che cosa porterà la fine del quantitative easing della Bce pubblicato il 5 novembre 2018
Small Cap, Usa ed Europa a confronto pubblicato il 8 novembre 2018
Opzione emerging bond pubblicato il 12 novembre 2018