Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il declino dei corporate bond Usa

30/01/2019

Il declino dei corporate bond UsaNetto calo delle emissioni. Per gli esperti è un segnale da valutare con attenzione. Guerra commerciale e shutdown alla base del fenomeno. Le società statunitensi stanno emettendo volumi sempre più contenuti di titoli di debito.

L’incremento degli utili derivante dai vantaggi offerti dalla riforma fiscale voluta dall’amministrazione Trump, spiega in parte il fenomeno (le imprese hanno meno bisogno di raccogliere capitali sui mercati obbligazionari grazie alla maggiore disponibilità di liquidità). L’altra variabile –quella che desta maggiore preoccupazione tra gli esperti- che spiega il calo delle nuove emissioni è il taglio degli investimenti stimati a causa degli effetti della guerra dei dazi con la Cina e lo shutdown durato oltre un mese.

Le imprese hanno collocato più di 1.300 mld di usd in nuovi bond nel 2018, in contrazione di 300 mld rispetto al volume complessivo emesso nel 2017. Si è trattato del livello più basso degli ultimi sette anni. Le nuove obbligazioni dotate di rating investment grade hanno subito una riduzione del 16%. Quelle provviste di livelli di affidabilità più bassi hanno registrato un crollo del 40% dei volumi. I volumi complessivi hanno subito un calo di un terzo dall’inizio dell’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La decelerazione economica e l’irrigidimento della politica monetaria minacciano di rivedere al ribasso il rating di migliaia di società i cui bond andrebbero incontro a un calo del numero di acquirenti. Tra il 2014 e il 2018 le società statunitensi hanno emesso 1.420 mld di usd di bond BBB.

Tuttavia, la notizia non è del tutto malvagia per i mercati. Le società statunitensi attive in settori non finanziari hanno approfitttao dei tassi ai minimi storici per incrementare velocemente i propri debiti e portarli a rappresentare il 74% del Pil Usa a fine 2017. A questo punto è necessario che il debito si prenda una pausa. I tagli fiscali hanno ingrossato i bilanci delle imprese e ridotto il fabbisogno di nuovi finanziamenti. Gli analisti stimano che gli utili delle società facenti parte dell’indice Standard and Poor’s 500 cresceranno meno del 23% nel 2019, la migliore variazione al rialzo dal 2010. I primi risultati pubblicati dalle società –e relativi al quarto trimestre- hanno mostrato variazioni positive. In teoria, le società punterebbero su ulteriore indebitamento solo nel caso in cui si stimi una crescita solida dagli investimenti.

Moody’s Investors Service pronostica che i volumi di nuove emisisoni corporate cresceranno del 3% nel 2019. La ragione alla base di questa stima è il punto morto in cui si trovano le negoziazioni Usa-Cina in materia di dazi e lo shutdown durato più di un mese. L’indice che misura la fiducia dei ceo alla guida delle società statunitensi ha toccato il punto più basso degli ultimi sei anni nel quarto trimestre.

L’indice Ism dei nuovi ordini manifatturieri è caduto a dicembre. Bank of America Merrill Lynch si aspetta che il picco della spesa per capitale del 2018 svanisca nel primo semestre del 2019. Per quanto riguarda i potenziali effetti sul mercato obbligazionario, la riduzione dei prestiti corporate dovrebbe aiutare a mantenere i tassi bassi nel breve termine, un obiettivo chiave per Trump. Discorso diverso per le prospettive di lungo termine, con gli esperti che interpretano la riduzione dei volumi di nuove emissioni corporate come un chiaro segnale ribassista per il mercato.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: usa, bond, trump, emissioni
Come valuti questa notizia?
Il declino dei corporate bond Usa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Caccia al megatrend
Notizia successiva »
Lo strano boom di Seoul
ARTICOLI CORRELATI
Il recupero dei bond emergenti pubblicato il 11 febbraio 2019
Petrolio: in accelerazione, Trump lascia spazio a accordo con Cina pubblicato il 19 giugno 2019
Le poche opportunità, che però esistono, nei bond pubblicato il 28 gennaio 2019
L’Europa tra l’incudine e il martello nella guerra dei dazi pubblicato il 14 giugno 2019
I mercati nelle mani di Trump pubblicato il 8 maggio 2019