Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Immobiliare, gli affitti crescono

15/02/2019

Immobiliare, gli affitti crescono

Scegliere un immobile come investimento non è sicuramente facile. Come abbiamo vito in un precedente articolo, spesso mettere sul mercato degli affitti un’abitazione di ridotto valore può dare vantaggi immediati, sul piano del rendimento, superiori all’acquisto di un appartamento con caratteristiche di grande qualità.

Ma a parte la fondamentale scelta del singolo immobile (in finanza si chiama stock picking), come sta andando il mercato degli affitti in Italia nel suo complesso, specie a fronte di un mercato delle compravendite ancora abbastanza in difficoltà? A questa domanda dà una risposta molto articolata l’ufficio studi di Tecnocasa, il maggiore gruppo italiano di intermediazione immobiliare, che afferma. «Il mercato delle locazioni, dal 2008 a oggi, ha messo in luce trend importanti in seguito al verificarsi della stretta creditizia, iniziata nel 2008 e al delinearsi di nuove tendenze sociali (prima fra tutte il fenomeno degli short rent) che hanno impattato su questo segmento del mercato immobiliare. Il 2008 ha segnato l’inizio della crisi immobiliare e la difficoltà di accesso al mutuo ha spostato la domanda: si è andati avanti così per otto anni fino al 2016, quando i canoni hanno iniziato a risalire in seguito a una richiesta più selettiva che premia gli immobili di qualità e alla contrazione dell’offerta con l’avvento sul mercato degli affitti turistici che sottraggono immobilili alla locazione residenziale. Questa tendenza si conferma anche oggi».

Molto più concretamente, facendo uguale a 100 un indice degli affitti medi in Italia a partire dall’inizio del 2008, si vede che il minimo è stato toccato a quota 85 per i trilocali al termine del primo semestre del 2016 e a 86,5 nella stessa data per i bilocali, che hanno regolarmente mantenuto una redditività migliore rispetto alle pezzature più grandi.

Ma da quel momento, pur con diverse differenze tra città e città, è iniziata una lenta ripresa dei canoni di affitto, pur in presenza di prezzi delle abitazioni ancora in calo. Dopo i primi segnali positivi del secondo semestre del 2016, nel 2017 si può parlare di una vera e propria svolta: «Nel 2017 i canoni di locazione delle grandi città hanno evidenziato un aumento: +3,6% per i monolocali, +3,0 per i bilocali e +2,7% per i trilocali», afferma ancora Tecnocasa. «Tra le motivazioni la riduzione dell’offerta sul mercato (soprattutto in quelle realtà dove sta crescendo il fenomeno degli affitti turistici) e la migliore qualità degli appartamenti in vendita. Abbastanza invariata, nell’anno, la distribuzione della motivazione della ricerca della casa in affitto: il 56,8% cerca la casa principale, il 37,2% lo fa per motivi legati al lavoro e il 6,0% per motivi legati allo studio. In lieve aumento la componente lavorativa e in ribasso la percentuale di chi ricerca la casa in affitto per scelta abitativa. Una conseguenza di quanto detto è la crescita del contratto a canone transitorio che passa da 13,7% del 2016 a 16,9% nel 2017. Anche il canone concordato è in aumento portandosi a 27,3%».

Infine gli ultimi dati sul 2018, in cui l’indice che monitorizza l’andamento dei canoni di locazione ha rilevato che è stata raggiunta quota 88,6 per i bilocali e 87,1 per i trilocali (+1,1% per i monolocali, +1,4% per i bilocali e +1,2% per i trilocali). Si tratta ancora di valori nettamente inferiori, rispetto a 100 raggiunto 11 anni fa, ma è molto incoraggiante il fatto che il trend sembra consolidato e costante. Indubbiamente un buon viatico per chi oggi vede nell’immobiliare un’opportunità di investimento alternativa rispetto ai classici impieghi in azioni e obbligazioni.

A cura di: Alessandro Secciani
Parole chiave: immobiliare, casa, affitto
Come valuti questa notizia?
Immobiliare, gli affitti crescono Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Performance e gestori, binomio indissolubile
Notizia successiva »
Tra gli emergenti spicca il Brasile di Bolsonaro
ARTICOLI CORRELATI
L’anomalia del mercato immobiliare pubblicato il 12 aprile 2019
Immobiliare, prezzi giù nelle città medie pubblicato il 7 aprile 2019
Immobiliare, pochi affari dai negozi pubblicato il 19 aprile 2019
Usa: la Fed si accinge a tagliare i tassi pubblicato il 7 giugno 2019
Immobiliare, quotazioni ancora ferme pubblicato il 15 settembre 2018