Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Tra gli emergenti spicca il Brasile di Bolsonaro

18/02/2019

Tra gli emergenti spicca il Brasile di BolsonaroSuperata la crisi in cui è stato immerso il paese nel biennio 2015-2016, l’economia locale ha mostrato chiari segnali di ripresa e le proiezioni messe a punto dal Fondo Monetario Internazionale indicano una crescita economica del 2,5% nel 2019 rispetto all’1,3% stimato dalla stessa istituzione nel 2018.

Una maggiore apertura commerciale, la riforma del sistema previdenziale e quella fiscale, sono alcune delle misure annunciate da Bolsonaro per presentare il suo nuovo piano. A Davos, Bolsonaro ha anche parlato del risanamento dei conti pubblici (che devono fare i conti con un ratio debito/Pil che ha raggiunto il 90% a fine 2018).

Il listino brasiliano ha approfittato del nuovo scenario politico e oggi rappresenta una delle Borse favorite dai gestori nell’universo dei paesi emergenti. La rivalutazione dell’indice domestico raggiunge il 13% se si prende come punto di partenza della performance il giorno (28 ottobre 2018) in cui è stato eletto Bolsonaro a nuovo presidente della Repubblica. Il risultato fin qui maturato consente alle azioni brasiliane di lasciarsi alle spalle il difficile periodo pre-elezioni in cui tutta l’asset class emergente ha dovuto fare i conti la pesante situazione di Turchia e Argentina.

Per quanto riguarda le sorti delle azioni domestiche, gli analisti si dividono tra ottimisti e prudenti in merito al futuro della Borsa brasiliana. I più prudenti sostengono che la correzione di mercoledì scorso (-4%) è indicativa del fatto che la corsa al rialzo è stata troppo intensa e che la dipendenza del trend rialzista dalle riforme è molto forte (il calo è avvenuto nel giorno in cui il Governo ha annunciato che i tempi per la riforma delle pensioni si allungheranno più del previsto).

Le revisioni al ribasso delle variazioni del Pil registrate da molti paesi a causa dell’indebolimento della crescita economica mondiale, non hanno coinvolto il gigante sudamericano. I miglioramenti sul fronte della crescita economica, sommati alla bassa inflazione e ai bassi tassi di interesse, dovrebbero creare un contesto positivo per la crescita degli utili, soprattutto per le società esposte a livello domestico nei settori finanziario e dei consumi. Le valutazioni sono ancora attraenti rispetto alle medie storiche di lungo termine, con utili ancora ciclicamente ridotti. Tutto ciò delinea un outlook positivo per i titoli azionari.

La frammentazione del Congresso di Brasilia può rappresentare uno scoglio sulla strada che dovrebbe portare all’approvazione delle riforme, un passaggio ritenuto fondamentale dagli operatori finanziari per apportare nuova linfa alle potenzialità del Bovespa.

Un altro ostacolo sulla strada delle riforme è costituito dai cambiamenti che il neo presidente intende apportare al sistema del welfare state. Le difficoltà potrebbero essere aggirate con l’introduzione di misure non impopolari come quella che punta a controllare i conti pubblici con l’introduzione di modificazioni al sistema di attualizzazione dei compensi dei funzionari pubblici.

La mancanza di una riforma delle pensioni in Brasile entro la fine del 2019 e un forte calo della crescita cinese (o una recessione globale) sono i rischi principali per il mercato brasiliano da qui in avanti. Mantenere un tetto alla spesa e approvare allo stesso tempo una riforma pensionistica lievemente diluita sono risultati ottenibili che risolleverebbero la fiducia delle imprese e consoliderebbero la ripresa economica in corso.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: brasile, bovespa, bolsonaro, riforme
Come valuti questa notizia?
Tra gli emergenti spicca il Brasile di Bolsonaro Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Immobiliare, gli affitti crescono
Notizia successiva »
Una Gran Bretagna sempre più europea
ARTICOLI CORRELATI
I populisti piacciono alle Borse, ma non sempre pubblicato il 15 maggio 2019
Bolsonaro in testa al primo turno pubblicato il 8 ottobre 2018
In Brasile vince Bolsonaro pubblicato il 29 ottobre 2018
Brasile, si spera nelle elezioni per scongiurare la crisi del debito pubblicato il 5 ottobre 2018
Brasile al bivio pubblicato il 23 ottobre 2018