Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Shenzhen contro Shanghai

13/03/2019

Shenzhen contro Shanghai

L'ultima panoramica che avevamo compiuto sul mercato azionario di Shenzhen aveva mostrato che i rischi a investire su questo listino sono enormi: la volatilità può essere brutale e contratta in fasi che si autoalimentano, con mercati ribassisti lunghi e intensi. Sostanzialmente le performance dello Shenzhen composite vengono salvate da intensi e rapidi bull market che hanno la caratteristica di tenere a galla i guadagni sul lungo periodo, salvo portare le quotazioni spesso a livelli insensati.

Va aggiunto un elemento: i titoli quotati sul listino della capitale della tecnologia cinese hanno fornito agli investitori performance molto migliori rispetto al più famoso Shanghai composite che negli ultimi 15 anni ha offerto buoni ma non eccezionali risultati, che non hanno evitato un certo derating. Shanghai, infatti, da allora ha fornito circa il 200% di rendimento complessivo, a parte i (non ricchissimi) dividendi, mentre Shenzhen ha cumulato nello stesso periodo oltre il 520%, una performance che non ha eguali fra indici, anche di small cap, minimamente rilevanti.

Questi numeri nascondono però montagne russe a dir poco pazzesche in quanto dai minimi dell'ottobre 2005 in meno di due anni Shenzhen è arrivata a guadagni di oltre il 480%. Ovviamente la crisi finanziaria ha portato perdite disastrose, però forse ancora più importante è analizzare a che punto siamo rispetto ai massimi dell'autunno 2007.

Innanzitutto va detto che essi sono stati superati di nuovo in tempi relativamente rapidi già nella mostruosa salita dei primi mesi del 2015, quando vennero raggiunti  nuovi picchi storici. Se si confronta questa performance con quella del Nasdaq composite, il quadro appare favorevole, in quanto quest'ultimo indice invece che sette anni per risalire oltre i massimi del 2000 ha impiegato più di un quindicennio.  È altrettanto indubbio, però, che ai livelli attuali, intorno a 1.660, la performance dal 2007  è stata penosa, visto che lo Shenzhen composite quotava all'epoca otre 1.500.

Sicuramente i rendimenti non sono stati neanche lontanamente paragonabili a Shanghai, ancora largamente sotto i livelli dell'epoca, ma è indubbio che l'azionario cinese nel suo complesso, e a Shenzhen in particolare, raggiunge rapidamente livelli di sopravvalutazione fuori da ogni logica e ragionevolezza con una velocità impressionante, per poi venire giù per anni spesso in uno splendido isolamento. Anche se si prendono i minimi del 2009, intorno a 470, non è che il quadro sia poi così  fulgido: il +254% circa cumulato impallidisce di fronte all'oltre 420% del Nasdaq composite, e risulta inferiore anche a quanto ottenuto investendo con un indice di blue chip come l'S&P 500 (oltre il 320%).

Certo oggi siamo a Shenzhen in quello che è ancora un bear market rally all'interno di una lunghissima fase di declino, ma se confrontiamo i minimi del 2009 con i massimi storici del 2015, oltre 2.790, il discorso cambia. Incidentalmente è interessante notare che confrontando i picchi cinesi 2015-2007 e quelli del Nasdaq Composite 2000-2018, il quadro appare particolarmente favorevole al Dragone.

Dunque come si può investire su tale piazza? Innanzitutto appare abbastanza scontato dire che conviene scappare quando le valutazioni si fanno troppo elevate: diciamo che un P/E forward superiore a 30 comincia a rappresentare una spia di pericolo (attualmente stiamo intorno a 25), dall'altra parte conviene aspettare prima di entrare nelle fasi di ribasso, vista la loro intensità e durata. Sul lunghissimo periodo la questione appare incerta: prevarranno in Cina le fasi di cupo pessimismo o quelle di euforia? O magari si arriverà a un approccio un po’ più logico all'investimento azionario? È difficile dirlo: certo è che anche su un orizzonte temporale decisamente lungo le borse cinesi sono state tutto e il suo contrario.

A cura di: Boris Secciani
Come valuti questa notizia?
Shenzhen contro Shanghai Valutazione: 4/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Investitori, guardate al futuro e meno al passato
Notizia successiva »
Mercati, i principali appuntamenti di primavera
ARTICOLI CORRELATI
Una guerra commerciale Usa-Cina non conviene quasi a nessuno pubblicato il 1 luglio 2019
Shenzhen, il centro del lifestyle cinese pubblicato il 4 marzo 2019
Il brutale risk management di Shenzhen pubblicato il 11 marzo 2019
Petrolio: in accelerazione, Trump lascia spazio a accordo con Cina pubblicato il 19 giugno 2019
Shenzhen, la Cina che corre pubblicato il 27 febbraio 2019