Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Immobiliare, pochi affari dai negozi

19/04/2019

Immobiliare, pochi affari dai negozi

È sempre stato uno dei settori più stabili e più remunerativi dell’immobiliare. L’acquisto di un negozio da affittare, se scelto con attenzione, in zone di buon passaggio (elemento fondamentale in questo comparto) e con locali di buon livello ha sempre fornito ottimi rendimenti (intorno al 5-6% lordo in media, con punte addirittura del 10%) e buone rivalutazioni. Ma a partire dal 2007, anno della crisi immobiliare e dello scoppio della vera e propria bolla che si era creata in quegli anni, anche in questo settore è cambiato praticamente tutto. «Dall’inizio della crisi i negozi posizionati in vie di passaggio hanno perso il 35,0% del loro valore, mentre quelli in vie non di passaggio il 41,1%», afferma l’ufficio studi di Tecnocasa. «I canoni di locazione si sono ridimensionati del 38,1% nelle vie di passaggio e del 43,3% nelle vie non di passaggio. Il settore del commercio ha visto molte attività commerciali chiudere sotto la scure della riduzione dei consumi e dell’avvento dei centri commerciali e dell’e-commerce».

Facendo un po’ di conti in tasca a un investitore medio che ha puntato su un negozio all’inizio del 2008 in una via di passaggio non si può dire che sia stato fortunato. Un rendimento del 6% all’anno lordo può essere considerato buono, ma se si mettono in conto le tasse e le spese a carico del proprietario bisogna preventivare una riduzione del 50%, vale a dire il 3% annuo. In 11 anni, di conseguenza, con un ricavato intorno al 36-37%, calcolando di reinvestire le somme percepite dagli affitti, il nostro investitore è andato a malapena in pareggio. Se poi avesse acquistato un negozio in vie non di passaggio, dovrebbe mettere in conto una perdita del 5-6% nel caso vendesse oggi. Se lo stesso investitore avesse messo i suoi soldi in un listino europeo 10 anni fa avrebbe portato a casa mediamente intorno al 9-10% annuo. Come si può vedere non c’è stata proprio gara tra l’investimento in negozi e quello in azioni europee, che peraltro non hanno avuto un andamento particolarmente brillante.

E per il futuro? Le previsioni non sono particolarmente favorevoli. Quasi tutti gli istituti di ricerca in realtà vedono probabile un aumento delle compravendite, soprattutto per gli immobili di maggiore valore posti in aree di forte passaggio. Ma incrementi dei prezzi non sembrano all’orizzonte, nonostante l’aumento della domanda. Un fenomeno quasi identico a quello che si sta evidenziando nel mercato residenziale.

E un quadro generale piuttosto fosco viene avidenziato da Nomisma, l’istituto bolognese che tre volte all’anno fa uscire uno studio sul mercato immobiliare italiano: «L’insorgere di tensioni istituzionali prima e i riflessi di carattere finanziario che da esse sono scaturiti poi, rappresentano i principali fattori cui ricondurre la flessione degli investimenti immobiliari corporate registrata lo scorso anno (dagli 11 miliardi del 2017 agli 8,6 del 2018) e l’attendismo che caratterizza i primi mesi di questo. A penalizzare il comparto ha contribuito l’accresciuta percezione di rischiosità del nostro paese, scaturita dalla contrapposizione con la commissione europea sugli obiettivi in termini di rapporto deficit-PIil e acuita dal rallentamento economico in atto. In attesa del superamento dell’impasse economico-finanziaria venutasi a creare, il mercato immobiliare evidenzierà nell’immediato un minore dinamismo rispetto all’evoluzione recente. Non si tratta di un’inversione ciclica, ma di una battuta d’arresto indotta da fattori esogeni che non pare in grado di pregiudicare la possibilità di ulteriore espansione a medio termine, sempre che i segnali di recessione economica, oggi ancora timidi, non tendano a rafforzarsi».

Quindi le possibilità di realizzare buoni investimenti nel settore dei negozi possono essere definitivamente archiviate? In realtà, pur in un quadro non facile, alcune opportunità interessanti ci sono. In un prossimo articolo vedremo quali sono.

A cura di: Alessandro Secciani
Parole chiave: immobiliare, negozi, prospettive
Come valuti questa notizia?
Immobiliare, pochi affari dai negozi Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La prossima recessione non arriverà nel 2019
Notizia successiva »
Giappone, usato sicuro
ARTICOLI CORRELATI
Quanto può salire Seoul pubblicato il 4 febbraio 2019
Gli Em beneficeranno della sincronizzazione della crescita pubblicato il 10 dicembre 2018
L’anomalia del mercato immobiliare pubblicato il 12 aprile 2019
Immobiliare, prezzi giù nelle città medie pubblicato il 7 aprile 2019
Immobiliare, gli affitti crescono pubblicato il 15 febbraio 2019