Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Banca d’Italia: meno reddito per più di metà degli italiani

16/07/2020

Banca d’Italia: meno reddito per più di metà degli italiani

Oltre la metà degli italiani ha subito una contrazione nel reddito in seguito alle misure adottate per il contenimento dell’epidemia. È quanto emerge da un’indagine condotta da Banca d’Italia (tra aprile e maggio di quest’anno) per raccogliere informazioni sulla situazione economica e sulle aspettative delle famiglie durante la crisi legata alla pandemia di Covid-19. L’impatto, secondo lo studio dell’Istituto, “è stato particolarmente severo per i lavoratori indipendenti” e per i disoccupati, mentre più di un terzo delle famiglie denuncia liquidità insufficiente per i consumi essenziali della famiglia per un periodo prolungato.

E in futuro meno vacanze, ristoranti e cinema

Anche le aspettative di spesa delle famiglie risentono della difficile situazione economica: più della metà della popolazione ritiene che, anche quando l’epidemia sarà terminata, le proprie spese destinate allo svago più in generale saranno inferiori a quelle pre-crisi. L’emergenza sanitaria incide negativamente anche in questo modo: circa il 30 per cento della popolazione dichiara di non potersi permettere di andare in vacanza la prossima estate e quasi il 60 per cento ritiene che, anche quando l’epidemia sarà terminata, le proprie spese per viaggi, vacanze, ristoranti, cinema e teatri saranno comunque inferiori a quelle pre-crisi.

I lavoratori dipendenti i più penalizzati

La pandemia da coronavirus ha aggravato una situazione, quella del reddito familiare, già critica: poco meno della metà dichiara che già prima dell’emergenza arrivava a fine del mese con difficoltà. Negli ultimi due mesi, pur considerando gli eventuali strumenti di sostegno ricevuti, la quota degli italiani che ha ammesso una decurtazione delle entrate è infatti salita a oltre la metà. Tra i lavoratori dipendenti (oggetto di cassa integrazione, chiusure delle attività produttive, riduzioni dell’orario di lavoro) quasi l’80 per cento ha accusato un calo del reddito e per il 36 per cento la caduta è stata di oltre la metà del reddito familiare.

Liquidità sufficiente per spese essenziali per meno di tre mesi

Le prospettive restano avvolte nell’incertezza e questo incide sulla programmazione delle uscite: circa la metà della popolazione si aspetta una riduzione del reddito familiare anche nell’arco dei prossimi 12 mesi, anche se di intensità inferiore a quella vista negli ultimi due mesi. Secondo la ricerca di Banca d’Italia, oltre a un diffuso calo nei redditi, più di un terzo degli individui dichiara di disporre di risorse finanziarie liquide sufficienti per meno di 3 mesi a coprire le spese per consumi essenziali della famiglia in assenza di altre entrate, un periodo compatibile con la durata del lockdown legato all’emergenza Covid-19.

55% a rischio di povertà

Banca d’Italia, che usa come riferimento omogeneo una soglia di povertà relativa stimata sulla base dell’Indagine sui Bilanci delle Famiglie italiane (IBF) del 2016, rileva che la quota di popolazione che non ha sufficienti risorse finanziarie liquide per poter restare alla soglia di povertà per 3 mesi (in assenza di altre entrate) raggiunge oggi il 55 per cento della popolazione.

Il 40% ammette difficoltà a rispettare rata mutuo

Quasi il 40 per cento degli individui indebitati dichiara di avere difficoltà nel sostenere le rate del mutuo a causa della crisi: la quota è più elevata nel Centro e nel Mezzogiorno. Solo un terzo di chi è in difficoltà con il pagamento delle rate del mutuo ha fatto ricorso o intende far ricorso alla moratoria mutui. Fra coloro che hanno un finanziamento per credito al consumo la percentuale di individui in difficoltà con il pagamento della rata è del 34 per cento.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: coronavirus, reddito, futuro, ristorante
Come valuti questa notizia?
Banca d’Italia: meno reddito per più di metà degli italiani Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Radar Swg: il virus non fa più paura, ma si temono nuovi focolai
Notizia successiva »
Immobiliare: l’investimento nel settore batte il Covid19