Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Immobiliare: l’investimento nel settore batte il Covid19

16/07/2020

Immobiliare: l’investimento nel settore batte il Covid19

Il mattone vale bene un investimento. Nemmeno il coronavirus ha scalfito il suo fascino. Il risparmio gestito in immobili attraverso fondi immobiliari (quotati, non quotati) e i Reits (società di investimento immobiliare quotate) continua, infatti, a crescere e la pandemia da Covid-19 ha solo rallentato questo trend. Alla fine del 2019 il patrimonio immobiliare di fondi e Reits ha raggiunto nel mondo 3.180 miliardi di euro, in aumento dell’8,5% tendenziale. E i dati dei primi mesi del 2020 confermano che l’industria dei patrimoni immobiliari gestiti, pur accusando dei cali da ricavi da locazione, ha mostrato una forte resilienza, in particolare nella conservazione del valore del sottostante.

In vent’anni crescita come quella dell’intero secolo scorso

A livello globale, secondo quanto emerge dal 36.mo rapporto ‘I Fondi immobiliari in Italia e all’estero’ di Scenari Immobiliari (preparato in collaborazione con lo Studio Casadei), sono saliti gli investimenti soprattutto nei settori più innovativi, come la logistica e il residenziale. In vent’anni, ha affermato Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari, “il comparto del risparmio gestito in immobili, a livello globale, è cresciuto più di tutto il secolo scorso. Dal 2000 al 2019 il patrimonio di fondi e Reits è più che raddoppiato. In questo modo famiglie e investitori hanno saputo reggere alla crisi del 2008 e oggi stanno affrontando con una relativa tranquillità il post pandemia”.

Ulteriore spinta da fondi pubblici e investitori esteri

Questi portafogli hanno le caratteristiche per fronteggiare l’emergenza sanitaria degli ultimi mesi perché, secondo Breglia, “la contrazione degli indicatori è dipesa quasi esclusivamente da impossibilità di utilizzo delle superfici. La maggior parte dei contratti è a lungo termine con inquilini di alta qualità, così gli impatti si riducono fino ad annullarsi nel tempo”. Quindi non si pensa a procedure straordinarie. Anzi, in molti casi i gestori acquistano puntando su un aumento dell’offerta. Il settore, ha aggiunto, “avrà un’ulteriore spinta sia dai fondi pubblici che dai tanti investitori esteri attivi attraverso questo strumento. È realistica una previsione di patrimonio a cento mld a fine 2021”.

Il panorama italiano vale l’11% in Europa

Il mercato dei fondi immobiliari italiani continua a crescere in modo sostenuto e nel 2019 ha raggiunto un peso dell’11% in Europa. A fine anno il relativo patrimonio detenuto direttamente dai 505 fondi attivi in Italia ammontava a 91,5 miliardi di euro, con un incremento del 10,9%. Il valore del patrimonio medio per le società di gestione era di circa 1,8 miliardi, ma se considerate le prime venticinque sgr che detengono la quasi totalità dei fondi, questo dato vale oltre il doppio, cioè 3,7 miliardi. Il fatturato complessivo delle sgr si attestava sui 420 milioni, con circa 1.500 addetti. Le previsioni per il 2020 sono per un incremento del Nav e patrimonio di circa il quattro per cento.

+15% la performance del patrimonio immobiliare europeo

Complessivamente in Europa sono operativi oltre 2.100 tra fondi e Reits, con un patrimonio che si aggira sui 1.270 miliardi di euro, in aumento di oltre il 15% sull’anno precedente. Nel 2019 il peso dell’Europa sul patrimonio mondiale ha subìto ampie variazioni rispetto al 2018: due punti percentuali di aumento, con circa il 40%. I Reits europei rappresentano il 38% del patrimonio totale del continente, mentre il mercato continua ad essere guidato dai fondi non quotati che pesano per il 59%. Lo scorso anno si è chiuso con un patrimonio totale di oltre 745 miliardi di euro.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: mattone, patrimonio, immobiliare, fondi
Come valuti questa notizia?
Immobiliare: l’investimento nel settore batte il Covid19 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Banca d’Italia: meno reddito per più di metà degli italiani
Notizia successiva »
Banca d’Italia: aumentano i prestiti in maggio
ARTICOLI CORRELATI
Assoreti: patrimonio giugno di nuovo sopra i 600 mld pubblicato il 2 settembre 2020
Fondi: raccolta netta positiva in luglio per 3,5 mld pubblicato il 18 settembre 2020
Fondi: in agosto accelera la raccolta netta pubblicato il 25 settembre 2020
Fondi: brillante raccolta del risparmio nel II trimestre pubblicato il 10 settembre 2020
Fondi: raccolta netta positiva per 5 miliardi in maggio pubblicato il 1 agosto 2020