Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

GameStop: lo short selling mette al tappeto Golia

17/02/2021

GameStop: lo short selling mette al tappeto Golia

Davide batte Golia: sono bastati un canale social e una strategia comune dei suoi utenti nei confronti di una società in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria. Stiamo parlando dello tsunami GameStop, che nelle recenti settimane ha ‘terremotato’ i mercati finanziari: al momento sembra essersi calmato, ma non è detto che il sisma possa riprendere forza e in futuro prendere di mira altri titoli. Le azioni GameStop, società Usa di negozi di videogiochi, in gennaio si sono apprezzate di oltre 1.600 per cento spinte da un’operazione concordata dagli investitori privati - utenti del social network Reddit – che hanno agito contro i grandi fondi d’investimento, i quali hanno perso svariati miliardi di dollari.

Cos’è la vendita allo scoperto

Schroders ha cercato di capire cosa c’è stato dietro alla battaglia che ha visto confrontarsi i trader privati e i fondi hedge e, in particolare, spiegando in cosa consiste lo ‘short selling’, la pratica che ha spinto sulle montagne russe il titolo GameStop, la sua etica e perché la si riveste di una connotazione negativa. Fare short selling (vendere allo scoperto), spiega Duncan Lamont, head of research and analytics di Schroders, significa prendere un titolo a prestito da altri investitori e rivenderlo subito, nella speranza che il suo prezzo scenda, in modo da riacquistarlo a un prezzo inferiore. Il profitto è realizzato sulla base della riduzione del prezzo (o la perdita, se il prezzo sale). 

Una pratica spesso associata a notizie negative per le aziende

Apparentemente è una strategia di investimento disegnata per generare valore, quando le aziende hanno un calo potrebbe non sembrare molto responsabile. Per questo lo short selling è spesso associato a notizie eclatanti sul fallimento delle aziende, sull’abuso di mercato e sulle preoccupazioni dei policymaker riguardo al fatto che tali pratiche indeboliscano i mercati. Tuttavia, spiegano in Schroders, la realtà è più complessa. Sebbene abbia innegabilmente un lato più controverso, la vendita allo scoperto può anche aiutare a gestire il rischio in modo più efficace e contribuire all’efficienza del mercato. Non ci sono risposte assolute alle domande sull'etica dello short selling.

L’etica dipende dal singolo venditore

La vendita allo scoperto non mina direttamente la salute di una società più di quanto possa farlo l'acquisto delle sue azioni in base al miglioramento dei fondamentali. Le aziende non vengono private di fondi quando gli investitori vendono azioni, né sono finanziariamente più forti quando gli investitori comprano azioni sui mercati quotati. Le questioni etiche sorgono quando gli investitori fanno ulteriori passi per influenzare la salute finanziaria e il valore delle aziende dopo aver comprato o venduto azioni. Quindi, consiglia Lamont, per valutare l'etica dello short selling dobbiamo considerare le azioni dei diversi venditori allo scoperto piuttosto che le vendite allo scoperto come principio.

Reputazione ingiustamente negativa

In sintesi, la vendita allo scoperto ha ingiustamente una reputazione negativa. Piuttosto che evitare questa pratica, gli investitori, soprattutto quelli che hanno una mentalità più etica, dovrebbero assicurarsi di capire i suoi potenziali usi in una strategia e come i suoi praticanti intendono comportarsi. Può apportare benefici significativi, sia alla performance degli investimenti che agli standard di governance. Indubbio, conclude Lamont, alcuni venditori sono immorali, ma la vendita allo scoperto in sé non lo è. Nel caso GameStop, i piccoli investitori si sono scagliati contro Golia perché colpevole di scommettere al ribasso in modo ingiustificato solo per mero interesse.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: short selling, schroders, hedge
Come valuti questa notizia?
GameStop: lo short selling mette al tappeto Golia Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Pil Eurozona: batte le stime, ma dubbi su vaccinazioni
Notizia successiva »
Assoreti: la raccolta chiude il 2020 con un doppio record