Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

I dazi fanno male al Nasdaq

29/05/2019

I dazi fanno male al NasdaqSecondo molti money manager, la vera essenza della guerra commerciali tra i due giganti si troverebbe proprio nelle pieghe del business delle grandi compagnie tecnologiche. Il comparto dei semiconduttori chiuderà a maggio il mese peggiore degli ultimi undici anni.

Le tensioni commerciali tra la Cina e gli Stati Uniti hanno trovato nel settore tecnologico il loro cavallo di battaglia prediletto. Anche se lo scossone più forte derivante dalle tensioni commerciali si è focalizzato sulla decisione di Google di restringere l’accesso ai dispositivi prodotti dalla cinese Huawei al suo sistema operativo Android e a suoi servizi mobile, la discesa delle quotazioni ha interessato l’intero comparto. Per ora gli Usa hanno concesso al colosso cinese un periodo di 90 giorni per correggere il tiro.

Da quando Donald Trump ha annunciato l’incremento dei dazi applicati alle importazioni di prodotti cinesi, l’indice Nasdaq dei titoli tecnologici ha ceduto il 4,5% e a maggio ha collezionato ben dodici sessioni in negativo su un totale di quindici. Anche l’indice messo a punto da Bloomberg per seguire da vicino l’andamento del comparto tecnologico accumula una perdita del 5,85%.

Tuttavia, non tutte le compagnie tecnologiche perdono terreno a causa della guerra commerciale. Nel gruppo dei più castigati troviamo i fabbricanti di semiconduttori. Negli Usa questo comparto accumula una perdita del 13,3% e si appresta a chiudere il mese peggiore da quando è iniziata la crisi del 2008. Le società statunitensi IPG Phoyonics, Skyworks Solutions, On Semiconductor e Micron Technology sono state le più danneggiate con perdite comprese tra il 17,4% e il 21%. A queste si sommano le cinesi Sanan Optoelectronics (che cede il 4,5%), Alibaba Health Information (che accusa una caduta del 17,7%) e la tedesca Infineon con un calo del 17,3%.

Sul versante opposto si posizionano le società specializzate nello sviluppo dei software. In evidenza le performance delle statunitensi Atlassian (14,7%) e Coupa Software (9,2%). Risultati positivi sono stati conseguiti anche dagli operatori di rete come la statunitense Amdocos (10,8%), l’australiana Xero (9%), specializzata in sistemi per la contabilità, la svizzera Tememos (5,73%) e le britanniche Micro Focus (8,9%) e Sage (5,82%).

Le Faang, le società tecnologiche che hanno conquistato la scena negli ultimi anni, hanno perso nel periodo circa 200 mld di usd di capitalizzazione di borsa. In cima alla lista troviamo Apple. Il fabbricante di iPhone ha perso l’11%. Il potenziale calo delle vendite dell’iPhone in Cina viene considerato un fattore di rischio per la prossima trimestrale del colosso nordamericano. Gli analisti del settore sostengono che il ritardo nella costruzione delle infrastrutture destinate al 5G in Cina (diretta conseguenza delle misure adottate dalle autorità Usa contro Huwaei) comporterà l’impossibilità di lanciare sul mercato asiatico un iPhone 5g nel breve termine.

Subito dietro Apple troviamo il gigante della distribuzione Amazon (-5,3%), Facebook (-5%), Alphabet (5%) e Netflix (-7,7%). Fuori dal gruppo delle Faang si fa notare la perdita accusata dal fabbricante di processori Qualcomm (-12,4).

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: nasdaq, apple, alphabet, semiconduttori
Come valuti questa notizia?
I dazi fanno male al Nasdaq Valutazione: 4/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
I gestori restano fiduciosi sul progetto politico europeo
Notizia successiva »
Usa: la Fed si accinge a tagliare i tassi
ARTICOLI CORRELATI
Alternative alle Faang pubblicato il 19 marzo 2019
Variabili chiave per il futuro della Borsa Usa pubblicato il 15 aprile 2019
Il nebuloso futuro delle Faang pubblicato il 23 novembre 2018
Faang, la correzione come opportunità d’acquisto pubblicato il 21 febbraio 2019
Diversificare con il Nasdaq pubblicato il 3 settembre 2018