Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

I gestori restano fiduciosi sul progetto politico europeo

28/05/2019

I gestori restano fiduciosi sul progetto politico europeoLe elezioni al Parlamento Europeo non hanno aperto un nuovo fronte di instabilità finanziaria con l’Unione Europea. I numeri dei partiti euroscettici non consentiranno di bloccare l’operatività del Parlamento.

I progressi compiuti dai partiti euroscettici -risultati vincitori in Francia e Italia- non sono stati sufficienti per creare una minoranza di blocco in grado di paralizzare le iniziative legislative dell’UE. Anche se, per la prima volta negli ultimi quaranta anni, i due schieramenti politici -conservatori e socialisti- non riusciranno a raggiungere insieme la maggioranza assoluta del parlamento, gli investitori possono fare affidamento sulla continuità del progetto politico europeo.

Il Parlamento Europeo si presenterà in una versione molto più frammentata rispetto al recente passato, con i verdi e i liberali in grado di fare da ago della bilancia nel processo di formazione delle nuove maggioranze. In tutti i casi, i partiti europeisti continuano a mantenere saldamente la maggioranza e la situazione sembra essere gradita ai mercati finanziari dell’eurozona (vista la stabilità con cui i listini azionari e i mercati del debito hanno accolto i risultati elettorali).

I Bonos spagnoli hanno continuato ad apprezzarsi e a comprimere i rendimenti annui offerti ai propri sottoscrittori. I Btp italiani non hanno sofferto più di tanto. L’euro, il principale termometro della fiducia riposta dagli investitori nel progetto europeo, si muove intorno a quota 1.118 versus dollaro Usa. La benevola risposta dei mercati ai risultati delle elezioni ha a che vedere anche l’aver lasciato alle spalle un altro appuntamento che veniva annoverato tra i rischi da affrontare nel corso del 2019.

I partiti euroscettici hanno fallito nella maggior parte delle competizioni domestiche. L’ascesa di queste formazioni non è stata così significativa come i loro vertici si aspettavano. L’Ue può contare su una piattaforma più forte perché è riuscita a spedire al mittente il forte attacco portato da questi partiti a quelli europeisti negli ultimi anni. Al contrario, l’influenza dei partiti euroscettici si farà sentire all’interno degli equilibri politici di quei paesi dove le forze euroscettiche hanno ottenuto buoni risultati (Francia, Italia e Regno Unito).

L’Italia era nel mirino degli osservatori per la potenziale instabilità politica derivante dal forte successo conseguito dalla Lega. Fino a questo momento, i vertici della Lega hanno espresso la volontà di procedere nell’attuale esperienza di Governo condivisa con il Movimento 5 Stelle, tuttavia, gli operatori sanno che dietro l’angolo potrebbero celarsi sorprese e un non improbabile ritorno alle urne degli italiani in autunno. Tutto dipenderà da quanto la Lega riuscirà ad ottenere dal prossimo braccio di ferro con l’Unione Europea in materia di ampliamento del deficit.

L’elezione del prossimo presidente della Commissione Europea sarà la prima prova del nuovo per i nuovi equilibri politici post elettorali. Se si osserva il risultato conseguito dalla Cdu in Germania e l’indebolimento del partito, la cancelliera Merkel potrebbe non disporre della forza necessaria ad alimentare la candidatura di Manfred Weber.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: europee, elezioni, italia, btp
Come valuti questa notizia?
I gestori restano fiduciosi sul progetto politico europeo Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Pro e contro gli Em
Notizia successiva »
I dazi fanno male al Nasdaq
ARTICOLI CORRELATI
Paperoni nel mondo: calano nel mondo, ma in Italia sono aumentati pubblicato il 15 luglio 2019
Mercati, i principali appuntamenti di primavera pubblicato il 14 marzo 2019
Europa, gli argomenti dei pessimisti pubblicato il 1 marzo 2019
La scommessa Btp pubblicato il 17 maggio 2019
Un’Italia ferma in un mondo fermo pubblicato il 3 maggio 2019