Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Istat: Pil calo senza precedenti, ma ripresa già in atto

13/08/2020

Istat: Pil calo senza precedenti, ma ripresa già in atto

La pandemia da coronavirus ha colpito seriamente l’economia italiana, ma non l’ha certamente affondata. La nostra congiuntura, infatti, si sta già riprendendo dopo lo sbandamento subito nei mesi dell’emergenza sanitaria: uno sbandamento per altro più contenuto rispetto a quello accusato da alcuni dei principali partner europei. Il Pil del Belpaese nel secondo trimestre di quest’anno ha subito una contrazione del 12,4% congiunturale e del 17,3% su base tendenziale. Francia e Spagna, per esempio, hanno fatto peggio (rispettivamente -19% e -22,1%). L’Istat, considerato anche il -5,4% registrato nei primi tre mesi del 2020, per quest’anno stima una variazione acquisita negativa per il 14,3%. 

Il peggiore dato dal 1995

L’Italia, alla luce di questi numeri, è caduta in una recessione di fatto e non semplicemente tecnica (due trimestre consecutivi negativi) e la sua economia disegna una “contrazione senza precedenti per il pieno dispiegarsi degli effetti economici dell’emergenza sanitaria e delle misure di contenimento adottate”. Queste misure, secondo l’Istituto di statistica, ha portato il Pil del secondo trimestre a segnare “il valore più basso dal primo trimestre 1995, periodo di inizio dell’attuale serie storica”. Una performance, ha spiegato, che “si colloca all’interno di un contesto internazionale dove le principali economie registrano riduzioni di analoga portata a causa del diffondersi della pandemia”.

Gualtieri, per il III trimestre atteso rimbalzo del 15%

Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, nonostante il quadro emerso dai numeri forniti dall’Istat, è apparso fiducioso sul futuro della nostra congiuntura. La ripresa, ha affermato, “è già in atto” come dimostrano i dati sulla produzione di maggio “e stimiamo – ha aggiunto - che la ripresa sia continuata in giugno e luglio”. L’entità della caduta accusata nei mesi di marzo e aprile è stata tale che ha influenzato la performance del secondo trimestre cui seguirà, ha sottolineato, “un altrettanto marcato rimbalzo nel terzo trimestre, che ci aspettiamo sia di quasi il 15 rispetto a quello precedente”.

Federconsumatori, necessarie misure straordinarie e coraggiose

Federconsumatori auspica che il dato dell’Istat “sia letto come un grido di allarme in grado di cancellare ogni dubbio e reticenza, di carattere ideologico o derivante da opportunità di natura politica, che intralcia l’utilizzo di ogni risorsa disponibile per rimettere in moto l’economia e invertire questo calo drammatico”. Ad aggravare la situazione, aggiunge l’associazione di categoria, c’è la dinamica di deflazione. Per questo “è urgente disporre misure concrete per far fronte alla crisi” al fine di favorire “il rilancio degli investimenti per la ricerca, l’innovazione e lo sviluppo, dalla ricostruzione di un sistema sanitario pubblico, universalistico e inclusivo, dalla definizione di politiche redistributive, di contrasto alla povertà e alle disuguaglianze”.

Confcommercio, investimenti mirati nei settori più in crisi

In sintonia anche l’analisi che arriva da Confcommercio, secondo cui i Paesi che sono maggiormente esposti verso il settore del turismo sono quelli che poi sono risultati i più penalizzati dagli effetti della pandemia. “Affidarsi esclusivamente al pure fondamentale intervento delle istituzioni europee non sarà sufficiente per uscire dalla crisi” spiega in una nota Confcommercio, dove precisa quanto sia “necessario e urgente progettare investimenti mirati e sostegno alle imprese dei settori più colpiti per evitare che passino molti anni prima di riprendere i livelli di Pil e consumi pro capite persi nel 2020, che in Italia ci riportano alla prima metà degli anni ’90”.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: istat, pil, performance
Come valuti questa notizia?
Istat: Pil calo senza precedenti, ma ripresa già in atto Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Bce: la ripresa è iniziata, ma le incertezze sono tante
Notizia successiva »
Ripresa: 42% italiani metterebbe a disposizione i risparmi
ARTICOLI CORRELATI
Istat: i pesanti effetti del lockdown pubblicato il 15 aprile 2020
Pil Italia: crollo nel 2020 anche con rimbalzo II semestre pubblicato il 16 giugno 2020
Produzione industriale: a marzo calo senza precedenti pubblicato il 11 maggio 2020
Sondaggio Swg: i giovani più restii ad avere figli pubblicato il 25 febbraio 2020
Performance e gestori, binomio indissolubile pubblicato il 14 febbraio 2019