SEI UN CONSULENTE FINANZIARIO AUTONOMO? 
Scopri i vantaggi del nostro servizio
Chiama gratis 800 92 92 95 CONTATTACI
x

Schroders: 7 lezioni per investire meglio

Da Schroders arrivano 7 lezioni, dall’esperienza maturata in 73 anni, per investire con lungimiranza e ridurre i rischi. Su tutte spiccano le regole della diversificazione e della flessibilità, mantenendo un occhio sulla liquidità e sull’inflazione.

19/05/2021

L’economia e la finanza si trovano in una fase sperimentale: la pandemia e la tecnologia sempre più pervasiva hanno cambiato il modus operandi di quasi tutte le principali attività e la nostra vita quotidiana. In questo contesto l’investitore trova più difficile orientarsi, fare scelte in un’ottica che sia di breve o lungo periodo. Ci viene in soccorso Schroders che, forte della sua esperienza storica (sono passati 73 anni dal suo primo mandato bilanciato), ha tratto 7 lezioni dagli investimenti multi-asset. Le informazioni che arrivano dal passato sono diverse e, ha spiegato Ugo Montrucchio, gestore multi-Asset di Schroders, potrebbero essere d’aiuto anche per navigare in futuro.

Fondamentali la diversificazione e la flessibilità

La prima lezione è quella della diversificazione, poiché la storia insegna che - nei periodi caratterizzati da un’inflazione bassa e stabile - esiste una correlazione negativa tra azionario e obbligazionario. Al contrario, con le pressioni inflative creerebbero una correlazione positiva tra Borsa e bond e quindi può essere più complicato creare un portafoglio diversificato. Da notare che i bassi tassi di interesse hanno amplificato il ruolo di diversificazione dei bond nei portafogli. Ora, col ritorno dell’inflazione, questo ruolo può essere messo alla prova. La seconda lezione è sull’importanza di avere un approccio flessibile: in fasi di recessione o ripresa, la dispersione dei rendimenti tra le varie asset class aumenta e l’asset allocation diventa così più importante della selezione dei titoli (che invece contribuisce maggiormente ai rendimenti in fasi di espansione).

Un occhio alla liquidità e uno all’inflazione

La terza lezione riguarda la liquidità, che è stata il principale driver dei rendimenti, soprattutto negli ultimi 10 anni. A differenza dell’ultima crisi (2007-09), quando gli aiuti hanno alimentato i mercati finanziari ma non l’economia reale, oggi – con la politica monetaria accomodante nella maggior parte del mondo -, il compito di sostenere le economie in difficoltà è passato alla politica fiscale. Probabilmente nei prossimi 5 anni vedremo consolidarsi questa transizione dall’espansione monetaria al supporto fiscale. La quarta lezione è sull’inflazione, che potrebbe crescere per la combinazione di stimoli monetari e fiscali, soprattutto se ci sarà un’ampia crescita delle spese nei prossimi anni. Tuttavia, è troppo presto per poterlo dire con certezza poiché ci sono forze (come i cambiamenti demografici e la tecnologia) che implicano rischi di inflazione più bilanciati.

Gli investitori tra il peso dei costi e il rischio bolla

La quinta lezione appresa da Schroders è che la regolamentazione e le pressioni sui costi continueranno a influenzare l’industria del risparmio gestito: un esempio, il dibattito su gestione attiva vs. gestione passiva. Tuttavia, l’una non esclude l’altra e in un portafoglio ci può essere spazio per entrambe. Un approccio passivo può essere ad esempio efficace nel fornire accesso a mercati efficienti come quelli Usa, mentre i gestori attivi possono aggiungere valore soprattutto in mercati inefficienti come gli emergenti, il credito o il debito distressed. La sesta lezione è sul rischio bolla, quindi diversificare è essenziale. Non è chiaro, infatti, se gli sviluppi tecnologici e i quantitative easing abbiano spinto i mercati verso una bolla. Per Montrucchio, secondo cui identificare le bolle nei mercati azionari è possibile solo con il senno di poi, potremmo trovarci in una bolla ma limitata a certe aree dei titoli tech USA, che hanno beneficiato di enormi investimenti, ma vengono scambiati su livelli eccessivi. La correzione però non dovrebbe riguardare le large-cap tech FAAANM (Facebook, Apple, Alphabet, Amazon, Netflix e Microsoft).

La sostenibilità sarà sempre più importante

L’ultima lezione è sulla sostenibilità che, secondo l’esperto, sarà sempre più importante vista la transizione che stiamo vivendo verso un’economia a basse emissioni. Secondo i dati del World Economic Forum, le persone sono sempre più consapevoli dei rischi ESG. Negli ultimi 14 anni (dalla crisi finanziaria in poi), i primi cinque rischi di lungo termine sono passati da essere economici a essere quasi esclusivamente ambientali: è chiaro che le persone stanno optando sempre più per un approccio più sostenibile, anche negli investimenti.

A cura di: Fernando Mancini

Parole chiave:

schroders flessibilità diversificazione liquidità
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.

Articoli correlati