Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Dove è finito il risveglio dell’Africa?

23/07/2016

Dove è finito il risveglio dell’Africa?

La fase di grande ottimismo, iniziata nel 2009, sulle sorti del Continente nero, ha subito una sensibile raffreddamento negli ultimi anni

Non molto tempo fa, quando i timori per l’inizio della crisi finanziaria del 2008 spingevano un numero crescente d’investitori a cercare nuovi temi a supporto della crescita, l’idea del risveglio africano acquistò forza. Dopo decenni di povertà, malattie e guerre civili, dal 2009 prese piede una view ottimista sulle sorti del continente.

Secondo questa versione, l’Africa era destinata a trasformarsi nella prossima frontiera degli investimenti. Alcuni fattori giocavano a suo favore: erano stati condonati la maggior parte dei debiti multilaterali; i tassi di crescita registravano continui miglioramenti e, per la prima volta, i governi locali riuscivano a finanziarsi sui mercati dei capitali a tassi bassi.

Questa view ottimista era motivata in larga parte dalla dinamica demografica. L’elevato indice di natalità ha fatto ipotizzare che la popolazione dell’Africa sub sahariana raggiunga i due miliardi nel 2050. Le analisi erano piene di previsioni sulla presunta capacità dei giovani di spingere i consumi di birra, cellulari, moto e, probabilmente in un orizzonte temporale non troppo lungo, auto e case.

L’appetito vorace della Cina per petrolio, rame, ferro e altre materie prime, ha comportato un miglioramento del potere d’acquisto di numerosi paesi. Il focus sullo sviluppo delle infrastrutture completava un quadro d’insieme che preludeva al grande salto verso uno stato pre-industriale, permeato da un passaggio al mondo digitale.

Questa view esuberante è evaporata. Nigeria e Sudafrica, che rappresentano più della metà del Pil dell’Africa sub sahariana, stanno vivendo un momento difficile. Per l’economia nigeriana, dipendente dal petrolio, sarà un grande risultato se dovesse centrare una crescita del 3% nel 2016, un tasso appena sufficiente a sopportare l’aumento della popolazione. La divisa locale è sotto pressione, le divise estere sono razionate, il bilancio dello stato soffre e si avvicina una crisi della bilancia dei pagamenti.

Il Sudafrica sta ancora peggio a causa di una situazione politica instabile, una consistente perdita di occupati nelle miniere e la concreta possibilità che il suo debito sovrano sia declassato a livello junk.

Altri stati africani, in particolare i produttori di materie prime, sono in difficoltà. L’Angola, che era cresciuta a due cifre grazie agli introiti del petrolio, ha chiesto aiuto al Fondo Monetario Internazionale. Il Mozambico è alle strette dopo aver utilizzato male (numerosi sono gli scandali per corruzione) le risorse raccolte con i prestiti internazionale.  

Con poche lodevoli eccezioni come Kenia, Tanzania, Etiopia, Ruanda e Costa d’Avorio, l’immagine offerta dal continente appare negativa. La World Bank stima una crescita per l’Africa sub sahariana crescerà appena del 3,3% per il 2016, ben al di sotto del 6,8% medio annuo registrato nel periodo 2003-2008. A causa dell’espansione demografica, la maggior parte degli stati africani ha bisogno di un tasso di crescita annuo del 3% per non andare incontro a cali della ricchezza pro-capite.

Le storie di successo restano limitate e il progresso politico ed economico troppo fragile per affermare che l’Africa sia cambiata. Il racconto del ‘risveglio dell’Africa’ resterà tale, a meno che i governi non siano in grado di creare modelli di crescita sostenibili, meno dipendenti dalle materie prime e basati sul valore aggiunto.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Dove è finito il risveglio dell’Africa? Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Previdenza complementare, eppur cresce
Notizia successiva »
La super-tigre a prezzi di saldo
ARTICOLI CORRELATI
Inflazione e prezzi dell’energia si inseguono a vicenda pubblicato il 30 ottobre 2018
Ottimismo dalle materie prime pubblicato il 31 gennaio 2018
Fmi, Russia, Brasile e Sudafrica sotto la lente pubblicato il 18 ottobre 2017
Un 2017 pazzesco in tutto il mondo pubblicato il 20 dicembre 2017
Difficoltà sudafricane pubblicato il 11 aprile 2017