Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Debito bancario, Coco solo per stomaci forti

23/09/2016

L'indice settoriale bancario dello Stoxx 600, benchmark che raccoglie i 600 principali titoli dei mercati sviluppati europei (quindi non solo di Eurozona o Ue) per capitalizzazione, a oggi è in calo dall'inizio dell'anno di oltre il 21%.

Lo Stoxx 600 generale, invece, oscilla intorno a -6%. In pratica si deve al complesso dei servizi finanziari europei gran parte della caduta di quest'anno, in particolar modo nelle prime drammatiche settimane del 2016, che verrà ricordato anche per l'esplosione del problema del debito subordinato degli istituti di credito, in particolare quella tipologia chiamata contingent convertibles, o anche coco. Questi prodotti, che hanno rendimenti che possono arrivare alla doppia cifra, sono stati strutturati come obbligazioni subordinate (vengono remunerate solo dopo che gli obbligazionisti secured e senior in generale hanno rivisto i loro soldi) e presentano alcune peculiarità.

Sono infatti bond perpetui: pagano una cedola perennemente senza venire rimborsati. Inoltre, a seconda della struttura di ogni singola emissione, qualora il capitale azionario di una banca, il cosiddetto common equity tier 1 o Cet1, scenda sotto un certo un livello, il prestito può venire trasformato in azioni o direttamente decurtato, mentre le cedole vengono sospese.

Si tratta di strumenti che di solito fanno parte del cosiddetto capitale additional tier 1, una delle grandezze patrimoniali, insieme al Cet1 e al tier 2, che i gruppi bancari sono tenuti a conservare sopra una certa soglia rispetto ai propri asset pesati per il rischio secondo le regole imposte da Basilea 3 e dalla Bce. Per questa loro struttura particolare i coco si possono definire come un'obbligazione convertibile a gamma negativo, cioè, a differenza di una normale convertibile, la sensibilità di questi strumenti rispetto all'andamento del mercato azionario aumenta quando quest'ultimo è in calo. In pratica durante le fasi di panico i coco tendono ad amplificare con sempre maggiore forza i movimenti delle azioni delle banche emittenti.

Tali prodotti si sono trovati al centro di uno dei tanti errori nella percezione del rischio: oltre tre quarti di questo mercato infatti ha rating da high yield, ma l'idea comune è che almeno i maggiori emittenti non avrebbero lasciato indebolire il proprio patrimonio netto a livello tale da fare scattare la conversione.

Al di là dei disastri recenti, probabilmente la considerazione non è del tutto sballata. Inoltre va considerato che i problemi delle banche hanno causato un possente rerating di tutto il debito subordinato europeo. Allo stato attuale, ad esempio, le obbligazioni subordinate assicurative europee scambiano con uno spread rispetto all'equivalente senior intorno a 260 punti base.  Va detto che queste ultime offrono un rendimento praticamente pari a zero, al pari della generalità dei corporate investment grade continentali. 

Dunque vale la pena puntare su questi strumenti, con l'idea che almeno le major bancarie non dovrebbero piantare chiodi? Probabilmente sì, se si ritiene che il il Qe della Bce non solo verrà esteso nel tempo, ma andrà a coinvolgere sempre più anche le obbligazioni aziendali. Nel tal caso non è in effetti incredibile pensare che i portafogli obbligazionari, alla disperata ricerca di rendimento, si lasceranno tentare da una sempre maggiore propensione al rischio. Viceversa va detto che puntare su strumenti di questo genere comporta imbarcare nel portafoglio una quantità di volatilità non sempre tollerabile in un investimento nel reddito fisso: sicuramente coco e subordinati finanziari vari non sono strumenti per stomaci delicati.

A cura di: Alessandro Secciani
Come valuti questa notizia?
Debito bancario, Coco solo per stomaci forti Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La sfida Clinton-Trump e i mercati
Notizia successiva »
I dubbi dell’investitore che predilige i bond
ARTICOLI CORRELATI
Le azioni cinesi entrano nell’indice Msci Em pubblicato il 4 giugno 2018
Dietro i dazi si nasconde il problema debito pubblicato il 10 luglio 2018
La flessione europea pubblicato il 3 luglio 2018
Il ritorno degli high yield bond pubblicato il 4 luglio 2018
Un futuro incerto per il Bel Paese pubblicato il 3 luglio 2018