Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il petrolio e l’incognita fracking

25/01/2017

Il petrolio da scisto –shale oil- è uno dei key factors da prendere in considerazione se si vuole capire l’evoluzione del rapporto tra domanda e offerta del petrolio negli ultimi anni.

Negli Stati Uniti la produzione di shale oil (olio di scisto) è aumentata moltissimo negli ultimi dieci anni, grazie ai progressi tecnologici e alla disponibilità di capitale a basso costo, che hanno favorito la rinascita dell’industria petrolifera Usa, riportand
o la produzione statunitense ai livelli degli anni Settanta. Questo tipo di greggio, estratto con il ricorso alla tecnica del fracking, è stato il responsabile principale dell’overflow di offerta mondiale.

L’incremento dell’offerta ha provocato una caduta delle quotazioni a partire dall’estate del 2014. Il trend è stato così violento da innescare una serie di chiusure anche tra gli stessi siti di produzione dello shale oil.

Negli ultimi decenni la domanda mondiale di petrolio ha evidenziato un trend di leggera crescita: a livello globale infatti il calo dei consumi legato alle maggiori efficienze dei trasporti su strada, via mare e via aerea, è stato infatti compensato dall’esplosione dei consumi nei mercati emergenti. L’attuale domanda mondiale è pari a circa 93 milioni di barili al giorno, mentre il settore petrolifero deve aggiungere ogni anno l’equivalente di circa 6 milioni di barili al giorno per compensare i cali di produzione dei giacimenti esistenti.

Il recupero delle quotazioni del barile e la maggiore efficienza dei produttori sta riportando in auge questa tecnica estrattiva.  Dopo la crisi del segmento provocata dal crollo delle quotazioni, qualcosa è cambiato a partire da maggio 2016: sono stati riattivati circa 200 pozzi orizzontali –la tipologia utilizzata per questo tipo di greggio- negli Stati Uniti e gli esperti credono che, in seguito al taglio alla produzione deciso dall’Opec e il successivo recupero dei prezzi del barile, gennaio possa rappresentare il primo mese, da aprile 2015, a registrare un nuovo incremento della produzione di shale oil. I dati elaborati dall’IEA evidenziano che il numero dei pozzi riattivati è passato dai 320 ai 503 attuali. Nello stesso periodo, il prezzo del petrolio West Texas ha recuperato il 75% rispetto ai minimi dello scorso febbraio.

L’accelerazione dei prezzi ha convinto i magnati del settore a riaprire i pozzi. Il costo di estrazione dello shale oil negli Usa oscilla tra i 40 e i 65 usd e la quotazione del West Texas ha superato la soglia dei 40 usd nell’aprile 2016. Al fattore prezzo del barile bisogna aggiungere che i produttori di scisto sono ora più efficienti rispetto al recente passato e sono riusciti ad abbassare il costo medio necessario a rendere redditizio l’investimento a 50 usd (Fonte: The Wall Street Journal).

Se le attese troveranno conferme nei numeri, il dato potrebbe frenare l’attuale trend ascendente delle quotazioni dell’oro nero. Ricordiamo che l’Opec ha annunciato il 30 novembre 2016 un taglio della produzione di circa 1,2 mln di barili e un accordo con paesi produttori non appartenenti al cartello per ulteriori 600.000 barili giornalieri. L’accordo ha spinto al rialzo le quotazioni del greggio in tempi brevi.

Le previsioni sul prossimo incremento della produzione di greggio da scisto sono state formulate dal Governo Usa attraverso l’IEA – International Energy, Agency-, spiegando che si basano su quanto sta accadendo in sette aree (le più prolifiche) che ospitano il 92% di tutto lo shale oil presente nel paese.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: shale oil, fracking, usa, nuovi pozzi
Come valuti questa notizia?
Il petrolio e l’incognita fracking Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Banche, il passato ritorna?
Notizia successiva »
Coco, un'opportunità con rischio
ARTICOLI CORRELATI
Le mutazioni dello shale oil pubblicato il 13 aprile 2018
Petrolio, il miraggio di quota 80 pubblicato il 18 dicembre 2017
Proseguirà il rialzo del petrolio? pubblicato il 20 giugno 2018
Il peso sui mercati dei millennial pubblicato il 19 luglio 2017
Ritorno al passato per il petrolio pubblicato il 3 aprile 2017