Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Tanti bond in scadenza nei prossimi cinque anni

09/02/2017

Tanti bond in scadenza nei prossimi cinque anniS&P Global Fixed Income Research stima in un recente report che entro il 2021 andranno a scadenza 9.600 miliardi di dollari in obbligazioni corporate con merito di credito.

L'ammontare complessivo del debito che dovrà essere rimborsato dalle aziende nei prossimi cinque anni è aumentato dell'1% rispetto all'inizio del 2016, mentre è aumentato del 3% rispetto a un anno fa quello in maturazione nel corso del 2017, in conseguenza delle emissioni di prestiti a breve e medio termine da parte delle società finanziarie, che hanno più che compensato il declino delle emissioni da parte delle aziende non finanziarie.

I debiti in scadenza ammontano a 1.800 miliardi di dollari nel 2017 e nel 2018, che saliranno a oltre 2.000 miliardi nel 2021. La maggior parte dei bond che andranno a maturazione sono investment grade: il 91% del debito in scadenza nel 2017 e il 77% di quello in scadenza entro il 2021 hanno infatti un rating da 'BBB' in su. La maturità media di tutti i bond corporate con merito di credito su scala mondiale è di 4,9 anni.

A livello geografico, le aziende statunitensi detengono la componente maggiore del debito in scadenza, con una percentuale del 44%, seguite dalle corporate europee con il 38%, da quelle degli altri paesi sviluppati (Australia, Canada, Giappone, Nuova Zelanda) con l'11% e dalle aziende dei paesi emergenti con il 7%.

Gli Stati Uniti detengono anche una percentuale decisamente più alta di debito con rating speculativo rispetto all'Europa e al resto del mondo sviluppato, e questo in parte a causa di differenze strutturali nei rispettivi mercati del credito.

Con l'avvicinarsi delle scadenze, le aziende avranno la necessità di reperire nuovi fondi sul mercato del credito, emettendo nuovi bond o chiedendo prestiti per rifinanziare la componente maggiore del debito esistente.

Ma dopo tanti anni di condizioni favorevoli per il mercato del credito, oggi il contesto è diventato più complesso e difficile, a causa di numerosi fattori, quali la Brexit, le incertezze geopolitiche, la diffusione di ideologie di stampo populista, le aspettative di aumento dei tassi di interesse e la volatilità sul mercato dei cambi.

Le condizioni per l'accesso al credito hanno iniziato a diventare considerevolmente più restrittive nella prima parte del 2016, in conseguenza del crollo dei prezzi delle commodity e della volatilità dei mercati azionari, in particolare di quello cinese, che hanno innescato una fuga dal rischio e un conseguente "flight to quality".

Tuttavia, grazie al successivo recupero dei prezzi di petrolio e gas, e all'avvio da parte del governo cinese di una politica aggressiva di sostegno alla crescita, il mercato del credito si è poi stabilizzato nell'ultima parte dell'anno, con un calo dei rendimenti e un rimbalzo dei prezzi.

Poco meno di un quarto dell'ammontare di bond in scadenza nei prossimi cinque anni ha un rating speculativo, al di sotto di BB+. Se le condizioni del credito peggiorassero, il debito di qualità inferiore potrebbe avere maggiori difficoltà ad essere rifinanziato, e i rischi potrebbero provenire sia da una liquidità disponibile limitata sia da tassi di interesse più elevati.

Ma nonostante i rischi per i bond a basso rating, secondo S&P le attuali condizioni del credito e il livello delle emissioni dovrebbero essere sufficienti per consentire alle aziende di gestire i rifinanziamenti nei prossimi cinque anni senza troppe difficoltà.

A cura di: Paola Sacerdote
Parole chiave: bond, obbligazioni, rating, credito
Come valuti questa notizia?
Tanti bond in scadenza nei prossimi cinque anni Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Wall Street, l'economia conta
Notizia successiva »
Coprirsi dalla guerra delle valute
ARTICOLI CORRELATI
Il recupero dei bond emergenti pubblicato il 11 febbraio 2019
Le poche opportunità, che però esistono, nei bond pubblicato il 28 gennaio 2019
Orientarsi nell’universo delle obbligazioni societarie pubblicato il 28 febbraio 2019
Le diverse facce del debito pubblicato il 27 marzo 2019
Investment grade bond, sotto osservazione pubblicato il 13 febbraio 2019